Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

L'ex consigliere per la sicurezza nazionale di Reagan, McFarlane, muore all'età di 84 anni -Washington Post

14-05-2022 | 03:24
FILE PHOTO: Former U.S. National Security Advisor McFarlane attends Republican U.S. presidential candidate Trump's foreign policy speech in Washington

Robert McFarlane, un consulente della Casa Bianca che ha contattato i reali sauditi per finanziare una guerra segreta in Nicaragua e ha volato in una missione segreta per vendere armi all'Iran nello scandalo che ha scosso la presidenza di Ronald Reagan, è morto, secondo quanto riportato dal Washington Post.

Aveva 84 anni.

McFarlane è morto giovedì dopo un'esacerbazione di una precedente patologia polmonare, ha dichiarato il figlio Scott McFarlane al giornale. McFarlane viveva a Washington. È stato ricoverato in ospedale mentre era in visita alla famiglia in Michigan.

McFarlane ha lavorato per la prima volta alla Casa Bianca sotto Richard Nixon, come assistente militare del capo della politica estera Henry Kissinger, dopo aver prestato servizio per due volte in Vietnam come ufficiale dei Marines.

Tranquillo e con la faccia da poker, McFarlane ha acquisito potere alla Casa Bianca di Reagan "sotto una copertura di ottusità", ha scritto il giornalista Robert Timberg. Reagan lo nominò consigliere per la sicurezza nazionale nel 1983 soprattutto perché era la scelta meno controversa.

Quattro anni dopo, le audizioni televisive del Congresso che hanno rivelato che McFarlane è stato un perno dello scandalo noto come Iran-Contra hanno appassionato milioni di americani.

McFarlane guidò la vendita di armi a coloro che riteneva moderati a Teheran, nella speranza che potessero liberare sette ostaggi statunitensi detenuti da Hezbollah in Libano, legati all'Iran. I tentativi falliti di liberarli hanno aggirato un embargo sulle armi degli Stati Uniti all'Iran e hanno avuto luogo solo pochi anni dopo che i militanti iraniani avevano tenuto 52 ostaggi nell'ambasciata statunitense a Teheran per più di un anno.

Durante le udienze, McFarlane ha dichiarato ai legislatori di non essere a conoscenza del fatto che i profitti delle vendite di armi fossero stati dirottati per finanziare i ribelli della Contra in Nicaragua, che combattevano contro il governo socialista sandinista, fino a quando il suo protg e collega Marine, Oliver North, non glielo disse.

Ma anni prima McFarlane aveva messo in moto dei modi per finanziare i Contra, che stavano combattendo il governo nicaraguense democraticamente eletto, senza che il Congresso lo sapesse. Alla fine, lo scandalo ha messo in evidenza la capacità dei funzionari della Casa Bianca di condurre la politica estera per conto proprio e di eludere il sistema di controlli e contrappesi della Costituzione, che ha lo scopo di impedire che tali politiche vadano fuori controllo.

Sebbene McFarlane abbia lavorato sul controllo delle armi nucleari e su molte altre questioni difficili alla Casa Bianca di Reagan, temeva che alla fine sarebbe stato ricordato per Iran-Contra. Si è pentito di essersi dimesso dalla Casa Bianca nel bel mezzo del conflitto, ma è rimasto sempre più coinvolto nello scandalo dopo aver lasciato l'incarico.

DAL VIETNAM ALLA CASA BIANCA

Robert Carl McFarlane, figlio di un deputato democratico del Texas, è nato il 12 luglio 1937, è cresciuto a Washington e si è diplomato all'Accademia Navale degli Stati Uniti. Tra due missioni in Vietnam, ha conseguito un master in studi strategici a Ginevra.

Dopo essere tornato a Washington e aver ricoperto diversi incarichi nel governo, ha ottenuto un lavoro alla Casa Bianca. Come assistente di Kissinger, McFarlane è stato testimone della cocente sconfitta degli Stati Uniti in Vietnam. Ha gestito le comunicazioni della Casa Bianca con l'ambasciatore americano nel Vietnam del Sud, mentre guidava l'evacuazione dei diplomatici americani in elicottero dal tetto dell'ambasciata a Saigon nel 1975.

In precedenza, Kissinger aveva aiutato ad aprire le relazioni con la Cina dopo colloqui segreti, suscitando l'interesse di McFarlane nel plasmare le relazioni con le potenze silenziose.

Come assistente alla Casa Bianca di Reagan, McFarlane contribuì a lanciare uno studio che divenne noto come Dottrina Reagan, un impegno a ridurre l'influenza comunista sovietica dall'America Latina al Medio Oriente. Ben presto Reagan lo nominò consigliere per la sicurezza nazionale. McFarlane prese a cuore la Dottrina.

In Nicaragua, il governo socialista sandinista, secondo McFarlane, costituiva una "testa di ponte nel nostro continente... che lavorava da lì per diffondere il comunismo praticamente in tutto il nostro cortile".

La CIA di Reagan cercò di aiutare i Contras bombardando un aeroporto e dei porti minerari. Ma i notiziari rivelarono gli attacchi, spingendo il Congresso ad approvare l'Emendamento Boland che vietava alle agenzie di intelligence statunitensi di aiutare i Contras.

Tuttavia, Reagan, che vedeva i Contras come l'equivalente morale dei Padri Fondatori, disse a McFarlane di portargli soluzioni, non problemi. Ritenendo che l'Emendamento Boland non avesse alcun freno per i funzionari della Casa Bianca, McFarlane ottenne segretamente dei finanziamenti attraverso altri mezzi.

Visitò l'ambasciatore saudita nella sua villa con vista sul fiume Potomac e suggerì che se i Contras avessero fallito, Reagan avrebbe potuto perdere la rielezione. Ben presto i sauditi versarono 1 milione di dollari al mese su un conto bancario nelle Isole Cayman.

Più lontano da casa, McFarlane temeva che Mosca potesse corteggiare il vicino Iran e fare breccia in Medio Oriente. Un contatto israeliano ha ventilato l'idea di vendere armi statunitensi attraverso Israele ai moderati dell'Iran, impegnati nella guerra con l'Iraq. Al di là della possibilità di liberare gli ostaggi, McFarlane riteneva che la creazione di legami con i moderati avrebbe potuto portare all'eventuale rovesciamento dell'Ayatollah Khomeini e a un reset delle relazioni tra Iran e Stati Uniti che avrebbe potuto fare la storia.

Portò l'idea di liberare gli ostaggi a Reagan, che si stava riprendendo da un intervento chirurgico per cancro. Per Reagan, che era diventato ossessionato dalla situazione degli ostaggi, tra cui un capo stazione della CIA, un accordo avrebbe potuto liberarli.

'CHIESTO DI GIOCARE A FARE DIO'

Gli iraniani dissero a McFarlane di scegliere quale ostaggio avrebbero rilasciato. "Mi è stato chiesto di giocare a fare Dio", ha detto McFarlane. La sua scelta fu facile: William Buckley, il capo della stazione. Washington approvò la consegna di missili da Israele. Ma Buckley era già morto. Mentre un ostaggio veniva rilasciato, altri venivano presi.

Sentendo di aver deluso Reagan, McFarlane si dimise alla fine del 1985.

Prima di andarsene, tuttavia, McFarlane prese i collegamenti di comunicazione con il Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca.

Nel maggio 1986, McFarlane e Oliver North volarono in missione a Teheran per incontrare quelli che ritenevano essere dei moderati. Oltre a un pallet di parti di missili, portarono dei doni: pistole e una torta al cioccolato sormontata da una chiave, che doveva simboleggiare un'apertura diplomatica.

Non furono accolti dai moderati, ma dalla forza militare d'élite degli Ayatollah, le Guardie Rivoluzionarie. I giorni passarono. Nessun ostaggio fu rilasciato, gli americani tornarono a casa sconfitti.

Durante il viaggio di ritorno, North rivelò di aver dirottato parte dei profitti delle vendite ai Contras. "Almeno stiamo usando un po' del denaro degli Ayatollah in America Centrale", disse North a McFarlane.

Un'altra sorpresa era in serbo: una storia in una rivista libanese rivelò il disastro al mondo. Questo portò ad un'indagine statunitense che danneggiò la reputazione di Reagan e gettò McFarlane nella depressione.

Nel febbraio 1987, la sera prima che McFarlane apparisse per la seconda volta a Capitol Hill davanti a una commissione che indagava su Iran-Contra, mandò giù 30 pillole di Valium con un bicchiere di vino e andò a letto.

Il tentativo di suicidio è fallito.

Dopo essersi dichiarato colpevole di aver mentito al Congresso in merito alla sollecitazione di fondi per attività paramilitari in Nicaragua, McFarlane fu condannato nel 1988 alla libertà vigilata, a una multa di 20.000 dollari e ai servizi sociali.

A differenza di altri personaggi dello scandalo, McFarlane non si è avvalso del suo diritto costituzionale di eludere le domande.

Nel 1992, il Presidente George H.W. Bush graziò McFarlane su consiglio dell'allora Procuratore Generale Bill Barr, che ha poi ricoperto lo stesso incarico sotto Donald Trump.

GUERRE STELLARI Come consigliere per la sicurezza nazionale, la gestione della corsa alle armi nucleari con l'Unione Sovietica era una parte importante dei compiti di McFarlane. Reagan, che temeva la guerra nucleare, voleva sviluppare la Strategic Defense Initiative, o laser "Guerre Stellari", in grado di far esplodere i missili nucleari dal cielo. Molti scienziati erano scettici e alcuni funzionari del Pentagono pensavano che avrebbe peggiorato la corsa agli armamenti.

Reagan diede ordine a McFarlane di convincere il Primo Ministro britannico Margaret Thatcher a sostenere la SDI. McFarlane le disse che Reagan riteneva che il sistema avrebbe potuto far vincere alle aziende britanniche 300 milioni di dollari in contratti. "La Thatcher si è seduta e si è illuminata un po'", ha scritto McFarlane. "Alla fine mi guardò e disse: 'Sai, forse c'è qualcosa di vero in questa storia, dopotutto!

McFarlane era orgoglioso di aver contribuito a raggiungere il primo accordo di non proliferazione delle armi nucleari con Mosca, ma temeva che l'Iran-Contra lo avrebbe messo in ombra.

Si è anche pentito di essersi dimesso nel bel mezzo di quella crisi. "Non avrei dovuto farlo", ha detto al podcast Fiasco nel 2020 a proposito delle dimissioni. "L'unica persona che avrebbe potuto fermare (Iran-Contra) ero io".

Dopo aver lasciato la politica, McFarlane ha co-fondato un'azienda per sviluppare centrali nucleari all'estero utilizzando la tecnologia statunitense.

Ancora una volta, il Russiagate è emerso in modo importante nei suoi pensieri. McFarlane credeva che se gli Stati Uniti non avessero offerto la tecnologia dei reattori a Paesi come l'Arabia Saudita, lo avrebbero fatto la Russia o la Cina. Ha incontrato i funzionari dell'amministrazione Trump sulle possibilità di portare la tecnologia al regno, una mossa che secondo i critici potrebbe innescare una corsa agli armamenti in Medio Oriente.

McFarlane e sua moglie, Jonda, avevano tre figli.


© MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
18/05I responsabili politici della Fed tracciano una mappa del passaggio a rialzi 'misurati'.
MR
18/05I democratici avvertono che l'aborto, i diritti di voto sono in gioco nella corsa al governatore della Pennsylvania
MR
18/05Gli Stati Uniti avvertono che la Corea del Nord potrebbe salutare Biden con test nucleari e missilistici
MR
18/05Erdogan collega l'offerta NATO di Svezia e Finlandia al ritorno dei 'terroristi'.
MR
18/05Il capo dell'ONU è impegnato in colloqui per ripristinare le esportazioni di cereali dall'Ucraina, nel contesto della crisi alimentare globale.
MR
18/05Il Brasile potrebbe trovarsi di fronte ad una 'instabilità politica' dopo le elezioni, dice il figlio di Bolsonaro
MR
18/05La NASA è pronta per il test della capsula spaziale Starliner di Boeing senza equipaggio
MR
18/05Il capo dell'ONU è impegnato in colloqui per ripristinare le esportazioni di cereali dall'Ucraina, nel contesto della crisi alimentare globale.
MR
18/05Wall Street termina in forte ribasso con l'affossamento dei titoli Target e growth
MR
18/05Sunak del Regno Unito sostiene la Banca d'Inghilterra dopo le critiche sull'inflazione
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"