Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

L'inflazione potrebbe avere un picco, ma emergono dubbi sul suo declino

01-12-2022 | 21:58
Reuters NEXT Newsmaker event in New York City

Con le banche centrali che stanno intensificando la loro risposta a uno shock inflazionistico globale, il dibattito si sta spostando dal momento in cui vinceranno la guerra al fatto che l'aumento pi¨ rapido dei prezzi sia destinato a rimanere in un mondo con limitazioni dell'offerta.

I rischi di un'emergente era di alta inflazione sono stati delineati dai principali banchieri centrali, hanno portato al dibattito sulla possibilità che gli attuali obiettivi di inflazione si rivelino rovinosamente rigidi e hanno iniziato a plasmare le opinioni dei funzionari aziendali che stanno preparando i piani per il mondo post-pandemia.

Le banche centrali potrebbero fare qualche progresso verso i loro obiettivi di inflazione aumentando i tassi di interesse e gestendo la domanda, ha detto James Gorman, amministratore delegato di Morgan Stanley, alla conferenza Reuters Next a New York. Ma tornare al livello del 2%, che la maggior parte di loro ha fissato come obiettivo, potrebbe essere difficile in un mondo in cui le catene di approvvigionamento, la demografia e altre sfide cospireranno per mantenere i prezzi più alti.

"Sospetto che l'inflazione rimarrà più alta di quanto la gente voglia", ha detto Gorman. Le banche centrali, gestendo la domanda attraverso i tassi di interesse, potrebbero probabilmente "far scendere l'inflazione intorno al quattro per cento. Dopo diventa molto difficile. Dal 4 al % è un cambiamento piuttosto significativo" a causa delle limitazioni del lato dell'offerta.

I commenti di Gorman hanno colto quello che probabilmente sarà il prossimo dibattito per le banche centrali e i leader globali, nel momento in cui valuteranno l'efficacia delle loro politiche nel controllare i prezzi e quanto ancora si dovrà fare - il tutto nel contesto di un'economia globale in rallentamento e di una possibile recessione in aree chiave come l'Europa.

L'inflazione è "ancora molto preoccupante... abbiamo iniziato ad aprile con l'idea che ci sarebbe stata una stagflazione e penso che si stia verificando", ha detto il Presidente della Banca Mondiale David Malpass in un'intervista a Reuters Next, riferendosi alla peggiore combinazione di due mondi: crescita stagnante e inflazione continua.

"Abbiamo una crescita lenta. Abbiamo un'inflazione ostinatamente alta. Abbiamo il rischio di recessione in molti Paesi", ha detto Malpass.

Ma ha anche fatto un cenno al di là delle banche centrali mondiali per una soluzione necessaria dal lato dell'offerta all'aumento dei prezzi.

"Da dove arriverà la produzione?", ha detto. "Le persone dovrebbero cercare di produrre di più per combattere le tendenze inflazionistiche in atto".

Finora, e in particolare negli Stati Uniti, le azioni delle banche centrali non hanno avuto un impatto apprezzabile sugli elementi centrali dell'economia, in particolare sul mercato del lavoro. Ma non hanno nemmeno fatto progressi sostanziali nel ridurre l'inflazione dagli attuali livelli elevati: circa il 6% negli Stati Uniti, oltre il 10% in Europa e nel Regno Unito.

Forse sta raggiungendo il picco. L'inflazione è rallentata in Europa a novembre per la prima volta in 17 mesi, e negli Stati Uniti sta scendendo da giugno.

Nelle osservazioni di questa settimana, il Presidente della Fed Jerome Powell ha fornito il resoconto più dettagliato delle forze che potrebbero far scendere l'inflazione nei prossimi mesi, tra cui un calo dei nuovi contratti di locazione che finirà per far scendere le medie principali e il calo dell'inflazione dei beni.

Tuttavia, i funzionari sono allineati sul fatto che i prezzi stanno ancora aumentando troppo velocemente, e sempre più sull'idea che le soluzioni dovranno essere forgiate al di là della politica monetaria.

"I prezzi sono ancora troppo alti", ha detto il vice Segretario del Tesoro statunitense Wally Adeyemo in un'intervista a Reuters Next. "Sebbene la Fed abbia la responsabilità principale... stiamo facendo tutto il possibile sul lato dell'offerta", compreso il rilascio di petrolio da una riserva strategica, gli investimenti pubblici nella produzione di microchip e i programmi di formazione per migliorare l'offerta di lavoratori disponibili.

Ma queste sono soluzioni a lungo termine per quello che, al momento, è un problema acuto a breve termine che ha portato la Fed e altri banchieri centrali a rischiare una recessione, attraverso un aumento costante dei tassi di interesse, per raggiungere l'obiettivo del 2%. Nel caso della Fed, ciò comporta la messa a rischio anche di altri Paesi, a causa del dominio globale del dollaro.

Alcuni iniziano a chiedersi, con l'emergere di una nuova normalità, se ne valga la pena.

L'ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale Olivier Blanchard, attualmente senior fellow presso il Peterson Institute for International Economics, sostiene da tempo un obiettivo di inflazione più alto, sostenendo che i costi di un'inflazione al 2% rispetto a quella al 4% sono minimi, mentre il tasso più alto offre alle banche centrali più spazio politico per gestire l'economia.

Nell'ambiente attuale, ha scritto di recente sul Financial Times, potrebbero trovare troppo doloroso fare gli ultimi passi indietro verso il 2%.

"Sospetto che quando, nel 2023 o 2024, l'inflazione tornerà al 3%, ci sarà un intenso dibattito sull'opportunità di scendere al 2%, a costo di un ulteriore sostanziale rallentamento dell'attività", ha scritto Blanchard. "Sarei sorpreso se le banche centrali spostassero ufficialmente l'obiettivo, ma potrebbero decidere di rimanere al di sopra di esso per qualche tempo".


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -0.74%0.6866 Prezzo in differita.1.53%
BRENT OIL 0.49%80.22 Prezzo in differita.-7.24%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) -0.25%1.20098 Prezzo in differita.-0.35%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.28%0.7434 Prezzo in differita.1.00%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) -0.60%1.07255 Prezzo in differita.0.85%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) -0.67%0.012086 Prezzo in differita.0.62%
MORGAN STANLEY -0.62%98.76 Prezzo in differita.16.95%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -0.68%0.62802 Prezzo in differita.-0.37%
WTI -0.28%73.335 Prezzo in differita.-8.79%
Ultime notizie "Economia"
17:47Intesa Sanpaolo : avvia buyback per restante ammontare di 1,7 mld
DJ
17:47BORSA: commento di chiusura
DJ
17:44Credem, utile netto 2022 a 317 milioni, margine interesse +33%
RE
17:43Credem : Campani, risultati testimoniano capacità di creazione valore
DJ
17:39Borsa Usa in ribasso su timori Fed, Tyson Foods in calo
RE
17:37Borsa Milano in calo auto e lusso, bene Intesa, Tim, Cy4gate
RE
17:37Puglia : Maraschio (Ass. Ambiente), su territori saturi serve repowering no nuovi impianti
DJ
17:36ASTE BOND : bid to cover Bill 3 mesi al 2,69
DJ
17:36ASTE BOND : Usa collocano 48 mld usd Bill 6 mesi al 4,755%
DJ
17:36ASTE BOND : Usa collocano 60 mld usd Bill 3 mesi al 4,59%
DJ
Ultime notizie "Economia"