Il governo sudcoreano ha ordinato martedì ispezioni urgenti sulla sicurezza nei siti industriali ad alto rischio, un giorno dopo l'incendio in una fabbrica di batterie al litio che ha ucciso 22 lavoratori e una persona risulta ancora dispersa.

Funzionari di agenzie come il Servizio Nazionale Forense, la polizia e i vigili del fuoco sono entrati nella fabbrica come parte di un'indagine congiunta.

L'incendio, scoppiato all'interno di un magazzino con 35.000 batterie al litio, ha prodotto fumo tossico e i lavoratori hanno probabilmente perso conoscenza e sono morti in pochi secondi, hanno detto i funzionari dei vigili del fuoco.

L'incendio è stato l'ultimo incidente industriale in un Paese dove ogni anno decine di lavoratori del settore manifatturiero perdono la vita sul lavoro, nonostante i ripetuti appelli a migliorare la sicurezza sul posto di lavoro.

"Chiedo ai Ministeri del Lavoro e dell'Industria e all'Agenzia Nazionale dei Vigili del Fuoco di condurre un'ispezione urgente sulla sicurezza e, laddove si teme un incidente, di prendere misure immediate", ha detto il Primo Ministro Han Duck-soo durante una riunione di gabinetto.

Diciassette dei 22 lavoratori morti erano cinesi e tra i morti c'era anche un laotiano. La maggior parte di loro era stata assunta temporaneamente per lavorare nell'impianto di confezionamento di batterie al litio primarie gestito dalla società non quotata in borsa Aricell.

La fabbrica si trova a Hwaseong, un polo industriale a sud-ovest della capitale Seul.

I vigili del fuoco con i cani da ricerca hanno setacciato la struttura sventrata alla ricerca dell'unica persona ancora dispersa. Hanno trovato resti umani e oggetti personali, che saranno sottoposti al test del DNA per l'identificazione, ha detto il funzionario dei vigili del fuoco di Hwaseong, Kim Jin-young.

Fondata nel 2020, Aricell, con sede in Corea del Sud, produce batterie primarie al litio per sensori e dispositivi di comunicazione radio. Ha 48 dipendenti, secondo l'ultimo documento normativo e il suo profilo LinkedIn.

È di proprietà di S-Connect, che fornisce parti di batterie agli ioni di litio a Samsung SDI, uno dei principali produttori di batterie secondarie del Paese, secondo il sito web di S-Connect.

I documenti regolamentari hanno mostrato che Aricell ha registrato una perdita operativa di 2,6 miliardi di won (1,9 milioni di dollari) l'anno scorso su un fatturato di 4,8 miliardi di won, e un aumento del 14% del debito accumulato a 23,8 miliardi di won. L'azienda ha registrato perdite nette ogni anno dalla sua fondazione.

Le azioni di S-Connect, registrate nell'indice junior Kosdaq, erano in calo del 6% martedì, dopo il crollo del 22,5% di lunedì, in seguito alla notizia dell'incendio.

Un funzionario del Ministero del Lavoro ha detto a Reuters che sta indagando se Aricell ha rispettato le norme di sicurezza e se ha fornito una formazione sufficiente in materia di sicurezza ai lavoratori stranieri temporanei. Le violazioni di tali norme sono soggette a procedimento penale, ha detto il funzionario, che ha richiesto l'anonimato.

Molti dei corpi non sono stati identificati.

I giornalisti della Reuters hanno visto alcuni familiari in lacrime che cercavano di entrare nel sito, che era stato isolato.

(1 dollaro = 1.386,2000 won)