Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietàIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTemiSettori 

La Nigeria si muove contro i prestatori di denaro online non registrati

19-08-2022 | 15:51

La Nigeria sta dando un giro di vite ai prestatori di denaro online non registrati che offrono prestiti a breve termine senza garanzie e con interessi elevati, ha dichiarato l'agenzia per la protezione dei consumatori, aggiungendo di aver chiesto a Google di rimuovere le app di alcuni prestatori dal suo play store.

Conosciuti come "strozzini" per i loro metodi di recupero aggressivi, i prestatori applicano interessi fino al 45% annuo. I richiedenti scaricano un'applicazione, compilano un modulo e gli viene chiesto di consentire al prestatore l'accesso ai loro contatti per "finalità di gestione del rischio".

Milioni di nigeriani che non hanno un conto bancario o una garanzia si rivolgono a questi prestatori per ottenere prestiti a partire da 2.000 naira (4,76 dollari). Molti si sono rivolti ai social media per lamentarsi delle molestie subite in caso di insolvenza e della condivisione dei loro dati di contatto con terze parti senza la loro approvazione.

La Commissione Federale per la Concorrenza e la Protezione dei Consumatori (FCCPC) ha dichiarato in un rapporto del 18 agosto di aver condotto operazioni di ricerca e sequestro contro almeno cinque istituti di credito.

Uno di quelli presi di mira è Soko Lending Limited, con sede a Lagos, ha detto il direttore generale della FCCPC Babatunde Irukera.

Soko era "uno degli attori più prolifici nella violazione della privacy dei consumatori, dei termini di prestito equi e delle pratiche etiche di rimborso/recupero dei prestiti", ha detto Irukera. Non ha detto cosa è stato sequestrato o recuperato.

Soko non ha risposto a una richiesta scritta di commento.

Sul suo sito web, Soko afferma di essere una "piattaforma di prestito semplice, interamente online" e di poter elaborare le richieste di prestito in cinque minuti.

La Nigeria ha il maggior numero di aziende fintech in Africa, la maggior parte delle quali offre prestiti. Ma il controllo minimo ha fatto sì che molte operassero senza l'approvazione delle autorità, cosa che la FCCPC cerca di cambiare.

L'FCCPC ha dichiarato di aver chiesto a Google Playstore di rimuovere quattro app di prestito, che stavano eludendo le indagini.

"Per le app non presenti sul Play Store, la Commissione continua a rintracciare le piattaforme su cui sono ospitate, al fine di disabilitarle", ha detto Irukera.

Ai sistemi di pagamento Flutterwave, Opay e Paystack e agli operatori di rete mobile è stato ordinato di smettere di fornire le loro piattaforme e i servizi di hosting o la connettività ai prestatori, ha aggiunto.


© MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ALPHABET INC. -0.21%101.43 Prezzo in differita.-29.98%
DOW JONES AFRICA TITANS 50 INDEX -0.10%417.49 Prezzo in tempo reale.-21.89%
S&P AFRICA 40 INDEX 0.64%136.25 Prezzo in tempo reale.-22.12%