La banca centrale della Nuova Zelanda ha introdotto martedì dei limiti sull'importo che gli istituti di credito per l'edilizia residenziale possono fornire ai mutuatari che desiderano contrarre un debito elevato rispetto al loro reddito.

Le nuove regole arrivano mentre i responsabili politici cercano di ridurre il rischio di insolvenza nel mercato immobiliare neozelandese, che ha visto forti oscillazioni dei prezzi.

Le banche dovranno conformarsi alle nuove regole a partire dal 1° luglio e le restrizioni si applicheranno ai nuovi prestiti per le proprietà residenziali sia per i proprietari-occupanti che per gli investitori, ha dichiarato la banca in un comunicato.

Allo stesso tempo, la Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) alleggerirà le restrizioni sul rapporto prestito/valore (LVR), che limitano la quantità di prestiti a basso deposito che le banche possono effettuare.

"Avere in vigore sia le restrizioni sul rapporto debito/reddito (DTI) che quelle sul LVR significa che possiamo focalizzarle meglio sui rischi per i quali sono state concepite, ottenendo al contempo un livello complessivo di resilienza del sistema finanziario uguale o migliore", ha detto il vice governatore della RBNZ Christian Hawkesby.

La mossa era stata ben segnalata al mercato e non ha implicazioni di politica monetaria, secondo gli economisti di Westpac.

Tuttavia, Westpac ha osservato che le marcate differenze nei livelli regionali dei prezzi delle case e dei redditi potrebbero portare a cambiamenti nel comportamento degli investitori.

"Poiché i livelli dei prezzi delle case rispetto al reddito variano in modo significativo in tutto il Paese, una volta che i DTI diventeranno vincolanti nelle regioni ad alto prezzo, potrebbero incentivare gli investitori delle regioni a più alto reddito a investire nelle regioni a più basso prezzo delle case", si legge nella nota.

Le nuove impostazioni del DTI consentono alle banche di avere il 20% dei loro portafogli di prestiti a mutuatari proprietari-occupanti con un rapporto debito/reddito superiore a 6.