Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietąMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

La Russia potrebbe non fermarsi con l'Ucraina - la NATO guarda al suo anello pił debole

21-03-2022 | 11:09
NATO warships attend Baltic MCM Squadex 22 exercise in Riga port

Ore dopo che i missili russi hanno colpito per la prima volta le cittą ucraine il 24 febbraio, il comandante navale tedesco Terje Schmitt-Eliassen ha ricevuto l'avviso di far salpare cinque navi da guerra sotto il suo comando verso l'ex Repubblica Sovietica di Lettonia per aiutare a proteggere la parte pił vulnerabile del fianco orientale della NATO.

L'invio frettoloso faceva parte del tentativo della Germania di inviare "tutto ciò che può nuotare in mare", come ha detto il capo della marina, per difendere un'area che gli strateghi militari hanno a lungo considerato il punto più debole dell'alleanza. L'improvvisa partenza delle navi ha dimostrato come la NATO, e la Germania, sono state spinte dall'invasione della Russia in una nuova realtà e affrontano quella che funzionari, diplomatici, ufficiali dell'intelligence e fonti di sicurezza concordano essere la più seria minaccia alla sicurezza collettiva dell'alleanza dalla Guerra Fredda.

Schmitt-Eliassen, che è di base nel porto baltico tedesco di Kiel, ha parlato con Reuters sul ponte di volo della nave di rifornimento Elbe. Ormeggiate accanto ad essa, in vista dei campanili della capitale lettone Riga, c'erano una nave lettone e una lituana, e navi e marinai di nazioni tra cui Danimarca, Belgio ed Estonia si sarebbero uniti al gruppo più tardi.

Un totale di 12 navi da guerra della NATO con circa 600 marinai a bordo dovrebbe iniziare un'operazione di sminamento nei prossimi giorni.

Il 16 febbraio, quando l'intelligence ha mostrato che un'invasione era imminente, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha definito l'era attuale una "nuova normalità".

Assomiglia molto ad un ritorno al passato. Fondata nel 1949 per difendersi dalla minaccia sovietica, l'alleanza NATO sta affrontando un ritorno alla guerra meccanizzata, un enorme aumento delle spese per la difesa e potenzialmente una nuova cortina di ferro che cade in Europa. Dopo aver lottato per trovare un nuovo ruolo post Guerra Fredda, contrastando il terrorismo dopo gli attacchi dell'11 settembre agli Stati Uniti nel 2001 e un umiliante ritiro dall'Afghanistan nel 2021, la NATO è tornata a difendersi contro la sua nemesi originale.

Ma c'è una differenza. La Cina, che si è divisa con l'Unione Sovietica durante la Guerra Fredda, ha rifiutato di condannare l'invasione russa dell'Ucraina, che Mosca chiama "operazione militare speciale". E i vecchi schemi della Guerra Fredda non funzionano più, dato che la NATO si è espansa verso est dagli anni '90, portando con sé ex stati sovietici - inclusi gli stati baltici di Lettonia, Lituania ed Estonia nel 2004.

All'inizio di febbraio, Cina e Russia hanno rilasciato una potente dichiarazione congiunta che rifiuta l'espansione della NATO in Europa e sfida l'ordine internazionale a guida occidentale.

Un confronto diretto tra la NATO e la Russia potrebbe scatenare un conflitto globale.

"Abbiamo raggiunto un punto di svolta", ha detto il generale tedesco in pensione Hans-Lothar Domroese, che ha guidato uno dei più alti comandi della NATO nella città olandese di Brunssum fino al 2016.

"Abbiamo Cina e Russia che agiscono di concerto ora, sfidando coraggiosamente gli Stati Uniti per la leadership globale ... In passato abbiamo detto che la deterrenza funziona. Ora dobbiamo chiederci: La deterrenza è sufficiente?".

Questo è sottolineato dalla missione di Schmitt-Eliassen - un esercizio regolare che è stato anticipato dall'invasione della Russia.

La questione è l'accesso. Prima della dissoluzione dell'Unione Sovietica, la NATO avrebbe potuto muoversi per contenere l'Unione Sovietica bloccando l'entrata occidentale del Mar Baltico. Questo avrebbe sigillato la flotta baltica dell'Unione Sovietica per impedirle di raggiungere il Mare del Nord dove le sue navi da guerra avrebbero potuto attaccare i convogli di rifornimento degli Stati Uniti.

Oggi i ruoli della NATO e della Russia si sono invertiti: Una Mosca incoraggiata potrebbe accerchiare i nuovi membri baltici della NATO e tagliarli fuori dall'alleanza. Se una nuova Curva di Ferro
in deve cadere, la NATO deve assicurarsi che i suoi membri non siano dietro di essa vedi mappa https://tmsnrt.rs/3tnekaO

I tre piccoli paesi, con una popolazione combinata di circa sei milioni di persone, hanno un unico collegamento via terra con il territorio principale dell'alleanza. Un corridoio di circa 65 km (40 miglia) è stretto tra l'exclave russa pesantemente armata di Kaliningrad ad ovest e la Bielorussia ad est.

Quindi l'obiettivo di Schmitt-Eliassen è mantenere la via d'acqua aperta, come linea di rifornimento anche per gli stati non NATO Finlandia e Svezia. Si ritiene che milioni di tonnellate di vecchie mine, munizioni e armi chimiche giacciano sul letto del poco profondo Mar Baltico, un'eredità di due guerre mondiali.

Le mine - vecchie e inesplose o appena posate - possono avere un impatto che va oltre la distruzione, ha detto Schmitt-Eliassen. L'avvistamento di una mina, o il presunto avvistamento, può chiudere i porti per giorni mentre l'area viene spazzata. Se ciò accade nel Baltico, c'è il rischio che "gli scaffali dei supermercati rimangano vuoti".

Anche le navi commerciali possono diventare un fattore militare nello stretto ingresso occidentale del Baltico, ha detto, riferendosi a scenari come l'incidente del marzo 2021 quando la nave container Ever Given bloccò il traffico attraverso il Canale di Suez per giorni.

"Non si può incolpare nessuno per questo (tipo di incidente), non è attribuibile", ha detto a Reuters il capo della marina tedesca, il vice ammiraglio Jan Christian Kaack.

PROSSIMO BERSAGLIO?

Cruciale per i Baltici è il collegamento terrestre tra Kaliningrad e la Bielorussia. Chiamato Suwalki Gap, il suo sequestro taglierebbe fuori gli stati baltici.

"Putin potrebbe impadronirsi rapidamente del Suwalki Gap", ha detto Domroese, il generale tedesco in pensione, aggiungendo che questo non accadrà oggi o domani, "ma potrebbe accadere in pochi anni".

Le azioni recenti di Putin non sono state tutte prevedibili. Ha messo le forze nucleari russe in massima allerta il 28 febbraio, con una retorica che Stoltenberg ha detto a Reuters è "pericolosa, è avventata".

Il Cremlino non ha risposto ad una richiesta di commento. Putin dice che le preoccupazioni della Russia espresse per tre decenni sull'espansione della NATO sono state ignorate dall'Occidente e che la Russia post-sovietica è stata umiliata dopo la caduta dell'Unione Sovietica nel 1991.

Dice che la NATO, come strumento degli Stati Uniti, stava costruendo il suo esercito sul territorio dell'Ucraina in un modo che minacciava la Russia.

L'11 marzo il ministro della difesa russo Sergei Shoigu ha detto a Putin che l'Occidente stava rafforzando le forze militari vicino ai confini occidentali della Russia. Putin ha chiesto a Shoigu di preparare un rapporto su come rispondere.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelinskiy ha avvertito che gli stati baltici saranno il prossimo obiettivo della Russia. Il Mar Baltico è un grande e trafficato mercato marittimo per container e altri carichi, che collega Svezia, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania e Russia con il resto del mondo.

È "passato dall'essere una normale area pacifica ad un'area in cui ci si muove con cautela", ha detto Peter Sand, analista capo della piattaforma di benchmarking delle tariffe di trasporto aereo ed oceanico Xeneta. Con la domanda e la logistica sconvolte, le tariffe che gli spedizionieri pagano per spostare i carichi da Amburgo a San Pietroburgo e Kaliningrad sono scese del 15% dall'invasione, secondo i dati di Xeneta.

Per quasi 25 anni l'Occidente ha creduto che la Russia potesse essere domata con la diplomazia e il commercio per mantenere la stabilità e la sicurezza in Europa. Nel 1997, la NATO e la Russia hanno firmato un "atto fondatore" che era stato progettato per costruire la fiducia e limitare la presenza di forze di entrambe le parti nell'Europa orientale.

L'alleanza ha anche cercato di costruire una partnership con la Russia, che ha partecipato alle esercitazioni della NATO nel Baltico fino al 2012, secondo l'ammiraglio statunitense in pensione James Foggo, che ha comandato le flotte degli Stati Uniti e della NATO in Europa per quasi un decennio fino al 2020.

Dopo che la Russia ha annesso la Crimea nel 2014, la NATO ha creato piccole unità di combattimento multinazionali in Polonia e nei tre stati baltici, che servono come presenza in avanti per scoraggiare Mosca. Ma il numero di forze è stato pensato per non violare l'"atto fondatore", che ha ostacolato la capacità della NATO di spostare truppe nei Baltici e in Polonia su base permanente.

"Tutti pensavamo che non ci sarebbe più stato un nemico", ha detto a Reuters l'ammiraglio Rob Bauer, presidente del comitato militare della NATO. "Ora ci troviamo di fronte a una nazione che sta dimostrando di essere aggressiva, di avere forze che pensavamo non sarebbero più state usate".

Mentre i numeri cambiano continuamente, il numero di truppe sotto il comando del Comandante Supremo Alleato della NATO in Europa (SACEUR) Tod Wolters è più che raddoppiato dall'invasione della Russia, a circa 40.000, secondo diplomatici e funzionari della NATO.

Gli alleati della NATO hanno anche spostato cinque portaerei in acque europee, in Norvegia e nel Mediterraneo, aumentato il numero di aerei da guerra in volo nello spazio aereo della NATO e più che raddoppiato le dimensioni delle unità di combattimento nel Baltico e in Polonia. Le forze della nazione ospitante sono circa 290.000 nella regione, ma principalmente sotto il controllo nazionale.

IL MOMENTO DELLA GERMANIA

Il più grande cambiamento nel "nuovo normale" della NATO, dicono diplomatici, ex funzionari ed esperti, è l'inversione della Germania di una politica decennale di bassa spesa per la difesa. Trattenuta dal senso di colpa per il suo passato bellico e dal conseguente pacifismo della sua popolazione, la Germania ha resistito alle pressioni degli Stati Uniti per aumentarla fino all'obiettivo NATO del 2% della produzione economica. Francia e Gran Bretagna raggiungono entrambi l'obiettivo, ma la spesa per la difesa della Germania era solo dell'1,5% nel 2021.

Con equipaggiamento che invecchia e carenze di personale, Berlino era stata vista per decenni come un partner debole a causa della sua riluttanza ad inviare truppe in operazioni di combattimento.

Ma il 27 febbraio il cancelliere Olaf Scholz ha detto che Berlino avrebbe raggiunto l'obiettivo del 2% - e ha promesso un'iniezione di 100 miliardi di euro (110 miliardi di dollari) nell'esercito.

La Germania è da tempo preoccupata dalla presenza di Mosca nel Mar Baltico. Dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia, Berlino ha forgiato un'alleanza delle marine occidentali sul Mar Baltico.

"Dovevamo semplicemente prendere atto del fatto che - che ci piaccia o no - siamo il gorilla da 900 libbre sul ring", ha detto il capo della marina Kaack. "Il modo in cui guardiamo gli Stati Uniti come un partner più piccolo, è come ci guardano i nostri partner qui".

Poco dopo l'invasione della Russia, Berlino ha annunciato che comprerà 35 jet da combattimento Lockheed Martin F-35 dagli Stati Uniti per sostituire la sua flotta di Tornado che sta invecchiando.

NON CI SONO PIÙ VINCOLI

Gli Stati Uniti stanno anche trasferendo più equipaggiamento militare in Europa, compresi veicoli e armi in Belgio, Olanda, Germania e Polonia che potrebbero essere usati immediatamente dalle truppe statunitensi appena arrivate, invece di aspettare settimane per la spedizione di carri armati e camion dalle basi statunitensi.

Douglas Lute, un ex ambasciatore degli Stati Uniti alla NATO, ha detto a Reuters che il "nuovo normale" della NATO dovrebbe essere un passo avanti rispetto a quanto concordato dall'alleanza dopo la Crimea. Probabilmente sarà messo per iscritto nel documento ufficiale della strategia principale della NATO, conosciuto come "Concetto Strategico", che sarà concordato al prossimo summit della NATO a Madrid a giugno.

"Vedrà una spinta in avanti della capacità di combattimento sia per rassicurare gli alleati orientali sia per dare un messaggio di deterrenza ancora più prominente alla Russia", ha detto Lute.

Ha detto che le unità di combattimento multinazionali esistenti della NATO nei Baltici e in Polonia - originariamente circa 5.000 truppe in totale - dovrebbero essere aumentate significativamente di dimensioni. Ha detto che si aspetta "sistemi di difesa aerea più sofisticati posizionati in avanti", inclusi Patriot e altri sistemi nei Baltici e in Polonia.

E si aspetta che più armi ed equipaggiamenti militari statunitensi vengano pre-posizionati in Europa. Più truppe NATO potrebbero essere stazionate in Romania, Bulgaria, Slovacchia e Ungheria.

La delegazione statunitense alla NATO ha rifiutato di commentare. Il suo inviato, Julianne Smith, ha detto il 15 marzo che l'alleanza stava prendendo impegni per "avere più forza nell'Europa centrale e orientale e sviluppare nuovi strumenti politici".

Ma - proprio come nella Guerra Fredda - la NATO dovrà continuare a comunicare con la Russia per non rischiare incidenti con conseguenze potenzialmente devastanti.

"La NATO ha la responsabilità di fare di più che cercare di tenere fuori la Russia", ha detto Adam Thomson, ex ambasciatore britannico alla NATO e ora direttore del think tank European Leadership Network a Londra. "Si tratta della gestione di un'inevitabile instabilità strategica".

(1 dollaro = 0,9044 euro

)


© MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ADMIRAL GROUP PLC -0.51%1958 Prezzo in differita.-37.98%
LOCKHEED MARTIN CORPORATION -0.40%426.41 Prezzo in differita.19.98%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) -0.47%60.5169 Prezzo in differita.-17.48%
Ultime notizie "Economia & Forex"
07/08Il Senato degli Stati Uniti approva un'importante legge da 430 miliardi di dollari per combattere il cambiamento climatico e ridurre i costi dei farmaci.
MR
07/08CVS Health intende acquistare Signify Health - WSJ
MR
07/08I palestinesi setacciano le macerie del campo di Gaza colpito da un attacco israeliano
MR
07/08I palestinesi setacciano le macerie del campo di Gaza colpito dall'attacco israeliano
MR
07/08Taiwan dice di aver rilevato 66 aerei cinesi nello stretto domenica
MR
07/08Quattro navi da carico salpano dall'Ucraina - Funzionari turchi e ucraini
MR
07/08CRONOLOGIA: Principali scontri tra Israele e i palestinesi a Gaza
MR
07/08La prima nave ucraina nell'ambito dell'accordo sul grano non attraccherà in Libano in tempo - ambasciata
MR
07/08La crescita delle esportazioni cinesi aumenta nonostante l'indebolimento della domanda globale
MR
07/08Le navi da guerra cinesi e taiwanesi si guardano a vicenda mentre le esercitazioni stanno per terminare
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"