Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

La capitale cinese si prepara alla 'vita di nuovo' con la revoca delle chiusure in tutto il Paese

06-12-2022 | 04:14
Coronavirus disease (COVID-19) outbreaks continue in Beijing

La capitale cinese, Pechino, ha eliminato la necessitÓ di presentare test COVID negativi per entrare nei supermercati e negli uffici martedý, l'ultimo di un allentamento delle restrizioni in tutto il Paese dopo le storiche proteste del mese scorso.

"Pechino si prepara a vivere di nuovo", si legge in un titolo del quotidiano governativo China Daily, aggiungendo che la gente sta "gradualmente accogliendo" il lento ritorno alla normalità.

Si prospettano ulteriori allentamenti dopo una serie di dimostrazioni il mese scorso, che hanno segnato la più grande dimostrazione di malcontento pubblico nella Cina continentale da quando il Presidente Xi Jinping è salito al potere nel 2012.

"Questo potrebbe essere il primo passo verso la riapertura da questa pandemia", ha detto a Reuters Hu Dongxu, 27 anni, residente a Pechino, mentre strisciava la sua carta di viaggio per entrare in una stazione ferroviaria della capitale, che ha anche eliminato la necessità di test per viaggiare in metropolitana.

Il cambiamento arriva quando i funzionari di alto livello hanno ammorbidito il loro tono sulla gravità del virus, avvicinando la Cina a ciò che altri Paesi hanno detto per più di un anno, abbandonando le restrizioni e scegliendo di convivere con il virus.

La Cina potrebbe annunciare 10 nuove misure di alleggerimento a livello nazionale già mercoledì, hanno detto a Reuters due fonti a conoscenza della questione, mentre le città di tutto il Paese hanno revocato le chiusure localizzate.

Ciò ha suscitato l'ottimismo degli investitori per una più ampia riapertura della seconda economia mondiale, che potrebbe stimolare la crescita globale.

Ma nonostante le rassicurazioni delle autorità, il traffico dei pendolari nelle principali città come Pechino e Chongqing rimane a una frazione dei livelli precedenti.

Alcune persone rimangono diffidenti sul rischio di contrarre il virus, soprattutto gli anziani, molti dei quali non sono stati vaccinati, mentre c'è anche preoccupazione per la pressione che l'allentamento potrebbe esercitare sul fragile sistema sanitario cinese.

FASE SUCCESSIVA

La Cina ha riportato 5.235 decessi legati al COVID fino a lunedì, ma alcuni esperti hanno avvertito che il numero di morti potrebbe salire oltre 1 milione se l'uscita è troppo precipitosa.

Gli analisti di Nomura stimano che le aree ora sotto sequestro equivalgono a circa il 19,3% del PIL totale della Cina, in calo rispetto al 25,1% di lunedì scorso.

Questo segna il primo calo nell'indice di blocco China COVID, attentamente monitorato da Nomura, dall'inizio di ottobre, quasi due mesi fa.

Nel frattempo, i funzionari continuano a minimizzare i pericoli posti dal virus.

Tong Zhaohui, direttore dell'Istituto di Malattie Respiratorie di Pechino, ha dichiarato lunedì che l'ultima variante Omicron della malattia ha causato meno casi di malattie gravi rispetto all'epidemia di influenza globale del 2009, secondo la televisione di Stato cinese.

La gestione della malattia da parte della Cina potrebbe essere declassata già a gennaio, alla meno severa Categoria B, dall'attuale Categoria A di primo livello delle malattie infettive, ha riferito in esclusiva Reuters lunedì.

"Il periodo più difficile è passato", ha dichiarato l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua in un commento pubblicato lunedì, citando l'indebolimento della patogenicità del virus e gli sforzi per vaccinare il 90% della popolazione.

Gli analisti ora prevedono che la Cina potrebbe riaprire l'economia e diminuire i controlli alle frontiere prima del previsto il prossimo anno, con alcuni che vedono l'apertura completa in primavera.

Ma più della metà dei cinesi afferma che rimanderà i viaggi all'estero, per periodi che vanno da diversi mesi a più di un anno, anche se le frontiere venissero riaperte domani, come ha dimostrato uno studio di martedì.

Il timore di un'infezione da malattia è stata la principale preoccupazione di coloro che hanno dichiarato di voler rimandare i viaggi in un sondaggio condotto su 4.000 consumatori in Cina dalla società di consulenza Oliver Wyman.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
NOMURA CO., LTD. -0.33%919 Prezzo in differita.-4.06%
NOMURA CORPORATION 0.10%1053 Prezzo in differita.3.34%
Ultime notizie "Economia"
18:32Minerva Hub : acquisisce Oroplac
DJ
18:30Autonomia : Meloni, ok ddl dimostra che governo manterrà impegni
DJ
18:28Banca centrale danese alza tassi riferimento di 35 pb a 1,1%
RE
18:27Gli interessi delle varie parti in gioco nel riassetto di Tim
RE
18:24Orsero : Ceo, in mercato complesso restiamo fiduciosi su prospettive 2023
DJ
18:24Orsero : per 2023 stima utile netto adj tra 38 e 42 mln
DJ
18:17Borsa Usa, Nasdaq in rialzo di oltre 2% su balzo Meta e sollievo per Fed
RE
18:16Unicredit : con Cisalfa impegno per filiera distribuzione articoli sportivi
DJ
18:16Energia : Besseghini, bene meccanismo governo su nuovi aiuti
DJ
18:16FOCUS: ecco cosa succede al titolo di Cnh I. in euro con delisting
DJ
Ultime notizie "Economia"