Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

La capsula Starliner di Boeing si aggancia alla stazione spaziale in un test di volo senza equipaggio

21-05-2022 | 08:09
Boeing's CST-100 Starliner capsule launches aboard a United Launch Alliance Atlas 5 rocket on a second un-crewed test flight to the International Space Station, at Cape Canaveral

La nuova capsula dell'equipaggio Starliner di Boeing si Ŕ agganciata alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) venerdý, completando un obiettivo importante in un volo di prova in orbita senza astronauti a bordo.

Il rendezvous del CST-100 Starliner a forma di goccia con l'avamposto di ricerca orbitale, che attualmente ospita un equipaggio di sette membri, è avvenuto quasi 26 ore dopo il lancio della capsula dalla Base delle Forze Spaziali Americane di Cape Canaveral, in Florida.

Starliner è decollato giovedì in cima a un razzo Atlas V fornito dalla joint venture Boeing-Lockheed Martin United Launch Alliance (ULA) e ha raggiunto l'orbita preliminare prevista 31 minuti dopo, nonostante il guasto di due propulsori di bordo.

Boeing ha dichiarato che i due propulsori difettosi non hanno comportato alcun rischio per il resto del volo spaziale, che arriva dopo oltre due anni di ritardi e di costose battute d'arresto ingegneristiche in un programma progettato per dare alla NASA un altro veicolo per inviare i suoi astronauti da e verso l'orbita.

L'aggancio con la ISS è avvenuto alle 20.28 EDT (0028 GMT di sabato), mentre i due veicoli volavano a 271 miglia (436 km) sopra l'Oceano Indiano meridionale, secondo i commentatori di un webcast della NASA in diretta del collegamento.

STRADA ACCIDENTATA PER TORNARE IN ORBITA

Molto dipendeva dal risultato, dopo che un primo volo di prova sfortunato alla fine del 2019 si era quasi concluso con la perdita del veicolo a seguito di un'anomalia del software che aveva di fatto impedito alla navicella di raggiungere la Stazione Spaziale.

I successivi problemi con il sistema di propulsione di Starliner, fornito da Aerojet Rocketdyne, hanno portato Boeing a cancellare un secondo tentativo di lancio della capsula la scorsa estate.

Starliner è rimasto a terra per altri nove mesi, mentre le due aziende litigavano sulla causa della chiusura delle valvole del carburante e su quale azienda fosse responsabile della loro riparazione, come ha riportato Reuters la scorsa settimana.

Boeing ha detto che alla fine ha risolto il problema con una soluzione temporanea e prevede una riprogettazione dopo il volo di questa settimana.

Oltre a cercare la causa di due propulsori falliti poco dopo il lancio di giovedì, Boeing ha detto che stava monitorando alcuni comportamenti inaspettati rilevati con il sistema di controllo termico di Starliner, ma che le temperature della capsula sono rimaste stabili.

"Tutto questo fa parte del processo di apprendimento per il funzionamento di Starliner in orbita", ha detto Steve Siceloff, commentatore della missione di Boeing, durante il webcast della NASA.

La capsula dovrebbe lasciare la stazione spaziale mercoledì per un volo di ritorno sulla Terra, che si concluderà con un atterraggio con paracadute ammorbidito dall'airbag nel deserto del Nuovo Messico.

Un successo è considerato fondamentale per Boeing, in quanto l'azienda di Chicago sta cercando di uscire da crisi successive nel settore dei jet di linea e nell'unità di difesa spaziale. Il programma Starliner, da solo, è costato quasi 600 milioni di dollari in battute d'arresto ingegneristiche dopo l'incidente del 2019.

Se tutto va bene con l'attuale missione, Starliner potrebbe far volare il suo primo team di astronauti verso la stazione spaziale già in autunno.

Per ora, l'unico passeggero era un manichino di ricerca, chiamato in modo bizzarro Rosie il Razziatore e vestito con una tuta di volo blu, legato al sedile del comandante per raccogliere dati sulle condizioni della cabina dell'equipaggio durante il viaggio, oltre a 800 libbre (363 kg) di carico da consegnare alla stazione spaziale.

La piattaforma orbitale è attualmente occupata da un equipaggio di tre astronauti della NASA, un astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea dall'Italia e tre cosmonauti russi.

Da quando ha ripreso i voli con equipaggio verso l'orbita dal suolo americano nel 2020, nove anni dopo la fine del programma Space Shuttle, l'agenzia spaziale statunitense ha dovuto affidarsi esclusivamente ai razzi Falcon 9 e alle capsule Crew Dragon della società SpaceX di Elon Musk per far volare gli astronauti della NASA.

In precedenza, l'unica altra opzione per raggiungere il laboratorio orbitale era l'autostop a bordo delle navicelle russe Soyuz.

(Questa storia corregge la conversione metrica nel paragrafo 15)


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
16:55TIP: tra 20 e 24/6 acquistate 71.661 azioni
DJ
16:43ARRABBIATI E LASCIATI INDIETRO: gli elettori rurali sostengono l'estrema destra francese nella sfida a Macron
MR
16:29EURO: Bce, i tassi di riferimento odierni
DJ
16:22Carri armati russi distrutti in mostra a Varsavia, mentre la Polonia acclama il coraggio dell'Ucraina
MR
16:21Forex, dollaro debole, mercato rivaluta scommesse rialzo tassi
RE
16:21ITA: partecipa al Business Travel Show Europe a Londra
DJ
16:21UCRAINA: Michel incontra Sall, aumentare produzione alimentare in Africa
DJ
16:20LEONARDO DEL VECCHIO: Leonardo Del Vecchio muore a 87 anni
RE
16:18Incontro Biden e Xi in prossime settimane - Sullivan
RE
16:17Francia vuole ritorno Iran e Venezuela su mercati petroliferi
RE
Ultime notizie "Economia & Forex"