Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

La polizia cinese si presenta numerosa per impedire altre proteste del COVID

29-11-2022 | 05:00
COVID-19 outbreak in Shanghai

La polizia cinese era presente in forze a Pechino e Shanghai martedý, per evitare altre proteste contro le restrizioni del COVID, che hanno sconvolto la vita di milioni di persone, danneggiato l'economia e brevemente scatenato rare richieste di dimissioni del Presidente Xi Jinping.

Almeno una persona nella città di Hangzhou è stata arrestata nella tarda serata di lunedì, secondo i video dei social media, dopo le notizie di un autobus di manifestanti portato via dalla polizia durante le proteste di domenica sera a Shanghai.

Il malcontento per le politiche di prevenzione della COVID, a tre anni dall'inizio della pandemia, è sfociato in proteste più ampie in città distanti migliaia di chilometri durante il fine settimana.

La più grande ondata di disobbedienza civile della Cina continentale da quando Xi è salito al potere un decennio fa, arriva mentre il numero di casi di COVID ha raggiunto livelli record ogni giorno e ampie zone di diverse città affrontano una nuova serie di chiusure.

La COVID in Cina continua a diffondersi nonostante i sacrifici significativi fatti dalla maggior parte degli 1,4 miliardi di persone del Paese per impedirne la trasmissione, aderendo alla politica zero-COVID di sradicare tutti i focolai che ha isolato la Cina dal resto del mondo.

I blocchi hanno esacerbato uno dei più forti rallentamenti della crescita che la Cina ha affrontato negli ultimi decenni, interrompendo le catene di approvvigionamento globali e facendo tremare i mercati finanziari.

A Hangzhou, la capitale della provincia orientale di Zhejiang, i video sui social media che Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente hanno mostrato centinaia di poliziotti che occupavano una grande piazza pubblica lunedì sera, impedendo alle persone di riunirsi.

Un video mostrava la polizia, circondata da una piccola folla di persone che tenevano in mano degli smartphone, che effettuava un arresto mentre altri cercavano di allontanare la persona detenuta.

La polizia di Hangzhou non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

A Shanghai e a Pechino, martedì mattina si poteva vedere la polizia che pattugliava ancora le aree delle città dove alcuni gruppi sull'app di social media Telegram avevano suggerito alle persone di riunirsi di nuovo. La loro presenza lunedì sera e per tutta la notte ha assicurato che non si verificassero altri raduni.

I residenti hanno detto che la polizia ha chiesto alle persone che passavano in quelle zone di prendere i loro telefoni per controllare se avessero reti private virtuali (VPN) e l'applicazione Telegram, che è stata utilizzata dai manifestanti del fine settimana, hanno detto i residenti e gli utenti dei social media. Le VPN sono illegali per la maggior parte delle persone in Cina, mentre l'applicazione Telegram è bloccata da Internet.

'MILLE DIFFICOLTÀ'

Un incendio la scorsa settimana nella città occidentale di Urumqi, che secondo le autorità ha ucciso 10 persone, sembra essere stato il catalizzatore delle proteste in altre città.

Alcuni utenti di internet hanno affermato che le misure di blocco del COVID hanno ostacolato i soccorsi. I funzionari hanno negato questa affermazione.

Sebbene si siano concentrati in gran parte sulle limitazioni del COVID, i manifestanti hanno sporadicamente preso di mira il Partito Comunista al potere e Xi, che ha concentrato il potere nelle proprie mani nell'ultimo decennio e che solo di recente si è assicurato un altro mandato di leadership.

Domenica, una grande folla si è radunata nella metropoli sud-occidentale di Chengdu e ha scandito: "Non vogliamo governanti a vita. Non vogliamo imperatori". Anche a Shanghai si sono sentiti brevemente slogan anti-Xi domenica.

Xi aveva rivendicato la responsabilità personale di aver condotto la "guerra" contro il COVID. I funzionari cinesi affermano che la politica ha mantenuto il numero di morti nel Paese più popoloso del mondo a migliaia, evitando i milioni di morti visti altrove.

Molti analisti sostengono che un allentamento delle politiche potrebbe portare a malattie e morti diffuse, sovraccaricando gli ospedali del Paese. È necessario un forte impulso alla vaccinazione degli anziani prima che la Cina possa anche solo contemplare la riapertura, dicono.

In un editoriale che non menziona le proteste, il Quotidiano del Popolo, il giornale ufficiale del Partito, martedì ha esortato i cittadini a "implementare incessantemente" le politiche zero-COVID, che mettono "la vita delle persone al primo posto", affermando che la vittoria arriverà grazie alla "perseveranza attraverso migliaia di difficoltà".

"Più è difficile, più bisogna stringere i denti", ha affermato.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia"
21:04I consumatori di generi alimentari fanno causa per bloccare l'acquisto da 25 miliardi di dollari di Albertsons da parte di Kroger
MR
21:03Il Canada ritira le misure proposte per vietare alcuni fucili e fucili da caccia
MR
20:29I prezzi dell'energia all'ingrosso aumentano nel Nordest degli Stati Uniti con l'arrivo dell'ondata artica.
MR
19:53La disoccupazione Usa ai minimi dalla fine degli anni '60
AW
19:51Il pallone spia cinese cambia rotta, fluttuando sopra il centro degli Stati Uniti-Pentagono
MR
19:42Il capo di TotalEnergies ha incontrato il presidente del Mozambico con un progetto chiave per il gas in gioco
MR
19:35Nota di chiusura
DJ
19:35L'agenda della prossima settimana -2-
DJ
19:35L'agenda della prossima settimana
DJ
19:34L'agenda della prossima settimana - Energy Bruxelles
DJ
Ultime notizie "Economia"