Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

La rassegna settimanale di Borsa : Un passo avanti e uno indietro

03-12-2022 | 11:25
share with twitter
share with LinkedIn
share with facebook
Ricevilo tramite email
Lasciando da parte gli indicatori di attività deludenti, questa settimana i mercati finanziari hanno accolto con favore i segnali di allentamento della politica cinese zero-Covid, ma soprattutto le intenzioni più accomodanti di Jerome Powell riguardo a un rallentamento dell'aumento dei tassi da dicembre. Tuttavia, il rapporto mensile sull'occupazione americana ha smorzato gli animi, con creazioni di posti di lavoro ben al di sopra delle aspettative (263 mila contro i 200 mila previsti) e salari orari in aumento dello 0,6%, generando venerdì prese di profitto.
Variazioni settimanali*
STOXX EUROPE 600
443.29  +0.58%
Grafico STOXX EUROPE 600
S&P 500
4071.70  +1.13%
Grafico S&P 500
NIKKEI 225
27777.90  -1.79%
Grafico NIKKEI 225
GOLD
1797.25$  +2.65%
Grafico GOLD
BRENT OIL
85.90$  +3.00%
Grafico BRENT OIL
EURO / US DOLLAR
1.05$  +1.60%
Grafico EURO / US DOLLAR
Top/Flop della settimana

Top

  • Okta (+35%): L'azienda di soluzioni per l'identity ha superato le aspettative, noncurante del consenso dell'ultimo trimestre. Il management ha trasmesso un messaggio rassicurante e coerente sulle prospettive a medio termine che ha convinto gli analisti.
  • Horizon Therapeutics (+29%): Questa settimana il Wall Street Journal ha rivelato che diversi gruppi farmaceutici, tra cui Janssen, Amgen e Sanofi, si stanno interessando all'azienda biotecnologica. Di conseguenza, la capitalizzazione di mercato della società è passata da meno di 18 miliardi di dollari a quasi 23 miliardi di dollari in due sessioni. 
  • Pinduoduo (+27%): Una bella settimana per il rivenditore online cinese quotato negli Stati Uniti, che ha beneficiato del ritorno della propensione al rischio degli investitori. Anche altri titoli del settore, come Alibaba e Bilibili, hanno tratto vantaggio dalla situazione. 
  • Boohoo (+14%): L'azienda britannica ha assunto un nuovo direttore generale, un veterano della City che piace ai mercati, ed è diventata la principale azionista di Revolution Beauty, aumentando la sua partecipazione dal 12,8% al 26,4%. Questa settimana ha guadagnato l'11,3%. 
  • SUSE (+11%): La società di software tedesca ha goduto dell'effetto trainante del rimbalzo del Nasdaq questa settimana. Inoltre, Goldman Sachs ha ribadito la sua opinione positiva sul titolo con un obiettivo alzato da 21 a 25,50 euro, facendo aumentare ancor di più l'entusiasmo.
  • Trigano (+10%): Il campione europeo dei camper ha realizzato, come di consueto, un'ottima performance annuale. L'utile netto è aumentato di un quarto al termine dell'anno finanziario conclusosi a settembre. La direzione ha dichiarato di essere fiduciosa nella capacità dell'azienda di far fronte all'attuale contesto inflazionistico.
  • ASM International (+10%): Grande rimbalzo per quest'azienda che fornisce i produttori di semiconduttori. Qualche settimana fa il gruppo aveva deluso annunciando che le restrizioni statunitensi sui chip venduti alla Cina avrebbero pesato sulle sue attività. Ma, a quanto pare, era stata troppo conservativa, il che le ha permesso di aumentare i suoi obiettivi. 
  • Compagnie Financière Richemont (+9%): Soprattutto grazie alle speranze di riapertura della Cina, l'entusiasmo per gli operatori del lusso si è esteso fino a Zurigo. Richemont aveva già goduto in precedenza di una spinta dovuta all'annuncio di risultati molto positivi.

Flop

  • Polypeptide (-22%): A causa di problemi tecnici e di produzione che incidono sul calendario di produzione, il gruppo svizzero ha rivisto al ribasso le previsioni sul margine Ebitda 2022. Il margine dovrebbe essere del 15%, in calo rispetto al 22-25% previsto in precedenza.
  • John Wood (-19%): La direzione ha avvertito che il flusso di cassa non tornerà positivo prima del 2024, in particolare a causa delle perdite sui cambi. Si tratta di un messaggio fiducioso sul medio termine, ma il mercato ha tenuto conto soprattutto delle cattive notizie. 
  • Credit Suisse (-19%): Continua la debacle della banca svizzera, dopo la ricapitalizzazione e la diminuzione dei flussi. Il calo del titolo è stato attenuato alla fine della settimana da un leggero rimbalzo, seguito alla dichiarazione del nuovo CEO, secondo cui l'emorragia di attività in gestione si sarebbe fermata. Ci vorrà tempo per riottenere fiducia. 
  • Adevinta (-16%): L'azienda norvegese, società madre del sito web francese Le Bon Coin, ha subito un sell-off dopo che il suo azionista Schibsted ha collocato il 2% del suo capitale. 
  • Brenntag (-10%): Il mercato non ha gradito molto che il gruppo stesse discutendo l'acquisizione del concorrente americano Univar Solutions. In questa fase, non ci sono indicazioni che l'accordo andrà in porto. 
  • Dollar General (-8%): Il distributore ha ridotto le previsioni di profitto per l'anno fiscale 2022, sotto la pressione dell'inflazione dei costi. Gli utili dovrebbero aumentare del 7-8%, rispetto al precedente obiettivo della società del 12-14%.
Grafico Materie Prime
Materie prime

Energia: I prezzi del petrolio concludono la settimana in rialzo, sostenuti dalle speculazioni in vista della riunione dell'OPEC+, che si terrà virtualmente questo fine settimana. La posta in gioco è alta, poiché il cartello allargato potrebbe decidere di tagliare ulteriormente la produzione a causa dei bassi prezzi del petrolio e della lenta ripresa economica in Cina. Allo stesso tempo, il cambio di tono di Jerome Powell, che fa sperare in un rallentamento del rialzo dei tassi della Fed, ha sostenuto gli asset rischiosi, tra cui il petrolio, che viene scambiato a 87,7 dollari per il Brent europeo e a 82 dollari per il WTI statunitense. Per quanto riguarda il gas naturale, i prezzi sono balzati a 135 EUR/MWh per il TTF di Rotterdam. Le temperature invernali stanno arrivando in tutta Europa, aumentando così la domanda di gas.

Metalli: Gli operatori continuano a seguire con attenzione l'allentamento delle restrizioni sanitarie in Cina, sinonimo di una maggior domanda di metalli industriali. Gli scarsi risultati del PMI manifatturiero di mercoledì non hanno influenzato troppo il sentimento del mercato: sull'LME i prezzi dei metalli sono saliti a 8300 dollari per il rame e a 2430 dollari per l'alluminio. L'oro continua a salire e ha brevemente raggiunto la soglia dei 1800 dollari per oncia. 

Prodotti agricoli: I prezzi dei cereali a Chicago sono scesi a causa dei dati non soddisfacenti sulle esportazioni statunitensi. Il grano viene scambiato sotto i 750 centesimi per bushel contro i 655 centesimi del mais.
Grafico Materie Prime
Macroeconomia

Clima: Lost in Statistics. I mercati continuano a reagire in modo eccessivo alle notizie che potrebbero influenzare la politica monetaria statunitense in un senso o nell'altro. A metà settimana Jerome Powell ha tenuto un discorso che è piaciuto a coloro che ritengono che i tassi raggiungeranno il massimo entro la metà del prossimo anno, grazie alla moderazione dell'inflazione e a un atterraggio morbido dell'economia. I rendimenti obbligazionari sono scesi, gli asset di rischio sono rimbalzati e il dollaro si è preso uno schiaffo. Ma venerdì è stata una doccia fredda con la pubblicazione dei dati sull'occupazione negli Stati Uniti di novembre: il mercato del lavoro è ancora surriscaldato e i salari continuano ad aumentare. Di conseguenza, gli investitori temono che la Fed debba fare la parte del fustigatore più a lungo del previsto. Stiamo girando un po' in tondo da settimane. Nel frattempo, dall'altra parte del mondo, i funzionari cinesi sembrano intenzionati ad abbandonare la politica zero-Covid che sta pesando sul morale delle famiglie e sull'attività economica. Si tratta di una leva significativa per l'economia globale, ma che deve ancora essere confermata.

Valute: Negli ultimi giorni il dollaro ha subito alcuni colpi, culminati nel già citato discorso di Jerome Powell. Il Dollar Index, che confronta il biglietto verde con sei valute (euro, sterlina, yen, dollaro canadese, corona svedese), è nuovamente sceso dal suo piedistallo a metà settimana: è intorno ai 105 punti. Si tratta di un ritorno ai livelli di giugno 2022, dopo un picco superiore a 114 a fine settembre. L'euro ne ha approfittato per risalire a 1,05 dollari, ma il biglietto verde è logicamente rimbalzato venerdì dopo l'annuncio dei dati sull'occupazione, che hanno rotto il cerchio delle statistiche favorevoli a una moderazione della stretta monetaria. In settimana l'euro ha guadagnato terreno anche nei confronti del franco, attestandosi a 0,9849 CHF per 1 EUR. 

Tassi: Anche in questo caso vi è stato un prima e un dopo rispetto alle statistiche sull'occupazione di venerdì. Il discorso pronunciato da Powell mercoledì ha fatto scendere il rendimento del decennale statunitense al 3,50%, mentre il mese precedente era al 4,20%. Venerdì è rimbalzato al 3,57%. La pendenza dei tassi è ancora invertita, segno che la recessione è ancora sul radar degli investitori. Lo strumento FedWatch del CME dà una probabilità del 75% di un rialzo dei tassi di 50 punti base il 14 dicembre, contro una del 25% per un rialzo di 75 punti base. Altrove, il Bund e l'OAT, rispettivamente all'1,82% e al 2,28% sul 10 anni, variano poco rispetto alla scorsa settimana.

Criptovalute: Il Bitcoin è tornato a salire del 3,15% sulla settimana e sta flirtando con i 17.000 dollari nel momento in cui scriviamo queste righe. Un rimbalzo timido e molle, ben lontano dal cancellare la sanguinosa settimana di inizio novembre che lo ha visto sprofondare del 22% sulla scia del crollo di FTX. L'Ether, invece, sta nettamente superando il leader, registrando un +7% sulla settimana e tornando ad aggirarsi attorno ai 1300 dollari. Ciononostante, la fiducia nell'ecosistema delle criptovalute è ancora molto fievole e probabilmente ci vorrà molto tempo per riconquistare i cuori dei cripto-scettici. 

Calendario: La prossima settimana tocca a Christine Lagarde, con interventi previsti per lunedì e giovedì. Gli investitori potranno ancora speculare sull'indice ISM dei servizi degli Stati Uniti (lunedì) e sul duo prezzo alla produzione/indice di fiducia dell'Università del Michigan (venerdì).
Grafico di Prezzo
Un passo avanti e uno indietro
La settimana si conclude con una nota deludente, ma con la creazione di posti di lavoro e la crescita dei salari superiori alle previsioni, che suggeriscono che l'inflazione potrebbe non essere imminente. Dopo giorni movimentati dal discorso di Jerome Powell, la prossima settimana sarà probabilmente più tranquilla per le banche centrali, poiché i funzionari della Fed dovranno osservare un periodo di silenzio in vista della riunione politica del 13-14 dicembre. Gli investitori attendono ora la riunione dell'OPEC di domenica. Potrebbe essere un nuovo catalizzatore (o al contrario un inibitore) per estendere l'attuale rally rialzista dei mercati finanziari.
*La performance settimanale degli indici e delle azioni si riferisce al periodo che va dall'apertura dei mercati il lunedì alla preparazione di questa newsletter il venerdì.
La performance settimanale di materie prime, metalli preziosi e valute si riferisce a un periodo di 7 giorni da un venerdì al successivo, fino alla preparazione di questa newsletter. Tali attività continuano la loro quotazione nei weekend.

ę MarketScreener.com 2022
share with twitter
share with LinkedIn
share with facebook
Ricevilo tramite email
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ADEVINTA ASA 2.47%91.2 Prezzo in tempo reale.39.02%
ALIBABA GROUP HOLDING LIMITED -3.11%106.33 Prezzo in differita.20.71%
AMGEN INC. -0.55%245.17 Prezzo in differita.-6.13%
ASM INTERNATIONAL N.V. 1.50%335.25 Prezzo in tempo reale.42.27%
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) 0.00%0.6917 Prezzo in differita.3.81%
BANCO BPM S.P.A. 0.00%4.103 Prezzo in differita.23.07%
BILIBILI INC. -5.18%24.33 Prezzo in differita.2.70%
BITCOIN (BTC/EUR) -0.48%21600 Prezzo di chiusura.39.37%
BITCOIN (BTC/USD) -0.45%23332.1 Prezzo di chiusura.40.44%
BOOHOO GROUP PLC 3.14%50.54 Prezzo in differita.42.65%
BRENNTAG SE -0.39%70.94 Prezzo in differita.18.79%
BRENT OIL -2.83%79.73 Prezzo in differita.-4.54%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) 0.00%1.2053 Prezzo in differita.1.04%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.09%0.7454 Prezzo in differita.1.68%
CME GROUP 0.00%0.03 Prezzo di chiusura.0.00%
CNH INDUSTRIAL N.V. -1.29%16.11 Prezzo in differita.0.31%
COMPAGNIE FINANCIÈRE RICHEMONT SA 1.41%144.2 Prezzo in differita.20.27%
DOLLAR GENERAL CORPORATION -1.39%228.09 Prezzo in differita.-6.07%
DOW JONES FXCM DOLLAR INDEX 0.93%12808.36 Prezzo in tempo reale.-0.28%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) 0.00%1.0793 Prezzo in differita.1.89%
FERRARI N.V. -2.05%260.04 Prezzo in differita.21.39%
FRANCE 10Y CASH 5.04%2.636 Prezzo in differita.-19.20%
FTSE MIB INDEX -0.55%26950.74 Prezzo in differita.13.68%
HORIZON THERAPEUTICS PUBLIC LIMITED COMPANY -0.10%109.68 Prezzo in differita.-3.52%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) 0.30%0.012168 Prezzo in differita.0.82%
IVECO GROUP N.V. 0.34%7.612 Prezzo in differita.36.96%
JOHN WOOD GROUP PLC 0.21%140.1 Prezzo in differita.3.66%
MSCI ITALY (STRD) -1.51%295.643 Prezzo in tempo reale.15.23%
NASDAQ COMPOSITE -1.59%12006.95 Prezzo in tempo reale.14.72%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -2.31%0.63245 Prezzo in differita.1.98%
NIKKEI 225 0.39%27509.46 Prezzo in tempo reale.5.42%
PINDUODUO INC. -3.98%95.65 Prezzo in differita.22.15%
POLYPEPTIDE GROUP AG -0.15%27.1 Prezzo in differita.7.03%
S&P GSCI ALUMINUM INDEX -1.89%162.0357 Prezzo in tempo reale.8.01%
S&P GSCI CRUDE OIL INDEX -3.40%402.2251 Prezzo in tempo reale.-5.35%
S&P GSCI GOLD INDEX -2.81%1092.57 Prezzo in tempo reale.5.73%
S&P GSCI INDUSTRIAL METALS INDEX -1.88%474.4731 Prezzo in tempo reale.7.19%
S&P GSCI NATURAL GAS INDEX -1.87%112.8383 Prezzo in tempo reale.-45.12%
S&P GSCI PETROLEUM INDEX -3.29%284.6952 Prezzo in tempo reale.-5.54%
S&P GSCI PRECIOUS METALS INDEX -3.00%2439.1 Prezzo in tempo reale.1.79%
S&P GSCI WHEAT INDEX -0.56%513.4856 Prezzo in tempo reale.-4.45%
SANOFI -1.88%85.14 Prezzo in tempo reale.-5.23%
SCHIBSTED ASA 0.71%226.6 Prezzo in tempo reale.22.16%
SOPRA STERIA GROUP 0.99%163.2 Prezzo in tempo reale.15.58%
STOXX EUROPE 600 (EUR) 0.34%460.77 Prezzo in differita.8.44%
STOXX EUROPE 600(EUR)(TR) 0.34%1065.36 Prezzo in differita.8.15%
STOXX ITALY 20 (EUR) -0.57%1222.39 Prezzo in differita.14.93%
STOXX ITALY 45 (EUR) -0.50%121.83 Prezzo in differita.13.84%
STOXX ITALY TMI (EUR) -0.45%123.49 Prezzo in differita.14.27%
SUSE S.A. 0.38%18.51 Prezzo in differita.9.92%
TELECOM ITALIA S.P.A. -1.22%0.2835 Prezzo in differita.31.07%
TRIGANO -1.26%133.2 Prezzo in tempo reale.4.39%
UNICREDIT S.P.A. -0.66%18.018 Prezzo in differita.35.76%
UNIVAR SOLUTIONS INC. -0.34%35.14 Prezzo in differita.10.50%
WTI 0.00%73.419 Prezzo in differita.-5.67%
Ultime notizie
08:53Scholz: Putin non ha minacciato me o la Germania - Bild
MR
08:52L'aumento delle vendite di gennaio di Foxconn ha scosso l'interruzione di COVID
MR
05:45Il famoso leone di montagna della California viene celebrato in un evento a Los Angeles
MR
04/02Lufthansa, Air France-KLM guardano agli slot di atterraggio di Flybe - rapporto
MR
04/02Decine di migliaia di israeliani protestano contro i piani di riforma della giustizia
MR
04/02CEO Nestlé Schneider: prezzi alimenti aumenteranno ancora
AW
04/02Il Papa, l'Arcivescovo incontra le persone sfollate a causa della guerra nel Sud Sudan
MR
04/02Banco BPM vuole spremere più valore a lungo termine dall'attività di pagamento dei rivenditori.
MR
04/02Monte dei Paschi è un affare troppo grande per Banco BPM, dice il capo di BPM
MR
04/02TOP STORIES ITALIA : Gros-Pietro (Isp), ora è fondamentale qualitá analisi e valutazione rischi
DJ
Ultime notizie