Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Le aziende calcolano il costo dell'abbandono della Russia

17-05-2022 | 15:20
FILE PHOTO: FILE PHOTO: The BP logo is seen at a BP gas station in Manhattan, New York City

Le multinazionali che hanno annunciato la loro uscita dalla Russia, o la sospensione delle attivitÓ, dopo l'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca il 24 febbraio, hanno iniziato a registrare perdite associate.

Queste sono le aziende, elencate per settore, che hanno fornito stime dei costi relativi ad un fermo temporaneo o permanente in Russia:

ABBIGLIAMENTO

ADIDAS

L'azienda tedesca di abbigliamento sportivo ha avvertito a marzo di un impatto sulle vendite dovuto alla chiusura in Russia, senza fornire una stima. Gestisce 500 negozi nel Paese, un quarto del suo totale.

Ha anche detto che l'Ucraina potrebbe rappresentare un rischio per le vendite fino a 250 milioni di euro (264 milioni di dollari), o circa l'1% del totale del gruppo nel 2021.

LPP

I risultati del quarto trimestre di LPP, il più grande rivenditore di moda della Polonia, sono stati colpiti da una svalutazione di 335 milioni di zloty (75,4 milioni di dollari), a copertura della chiusura dei suoi negozi in Russia.

Nel 2021/2022, la Russia è stata il secondo mercato più grande di LPP dopo la Polonia, costituendo il 19,2% del fatturato dell'intero anno. LPP vede la sospensione delle attività in Ucraina e la chiusura dei negozi in Russia costare il 25% del fatturato.

TJX

Il rivenditore di moda TJX, con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato che venderà la sua partecipazione del 25% nella catena russa di negozi di abbigliamento a basso costo Familia. La partecipazione era valutata a 186 milioni di dollari alla fine di gennaio, meno dei 225 milioni di dollari che TJX aveva pagato nel 2019.

TJX ha dichiarato che potrebbe dover registrare una svalutazione a causa della cessione se il valore equo dell'investimento in Familia dovesse scendere al di sotto del suo valore contabile nel bilancio.

PRODUTTORI DI AUTOMOBILI

RENAULT

Renault ha dichiarato a marzo che stava valutando una svalutazione di 2,2 miliardi di euro, non in contanti, per riflettere i costi potenziali della sospensione delle attività in Russia.

Le vendite perse hanno rappresentato 166 milioni di euro di perdita di fatturato nel primo trimestre, anche se la Russia è rimasta il secondo mercato più grande dell'azienda dopo la Francia.

VOLVO

Il produttore svedese di camion ha dichiarato l'8 aprile di aver accantonato accantonamenti per un valore di 423 milioni di dollari dopo la sospensione delle attività in Russia, che ammontavano al 3% delle vendite del gruppo.

BANCHE

CITIGROUP

La banca statunitense ha dichiarato, in relazione alla sua relazione trimestrale, di prevedere una perdita fino a 3,0 miliardi di dollari dalle sue esposizioni in Russia in uno scenario gravemente avverso.

Citi ha dichiarato di aver ridotto la sua esposizione totale alla Russia dal dicembre 2021 di 2,0 miliardi di dollari, portandola a 7,8 miliardi di dollari.

La più globale delle banche statunitensi ha aggiunto 1,9 miliardi di dollari alle sue riserve nel primo trimestre per prepararsi alle perdite derivanti dalle esposizioni dirette in Russia e all'impatto economico della crisi ucraina.

CREDIT AGRICOLE

Il Credit Agricole ha annunciato di aver accantonato più di 500 milioni di euro in relazione alla sua esposizione alla Russia, in occasione della pubblicazione dei risultati del primo trimestre.

CREDIT SUISSE

La banca svizzera ha stimato il 20 aprile che l'impatto dell'invasione russa dell'Ucraina le costerà 200 milioni di franchi svizzeri (203,1 milioni di dollari) nel primo trimestre del 2022.

SOCIETE GENERALE

La banca francese ha dichiarato che abbandonerà la Russia e cancellerà 3,1 miliardi di euro dalla vendita della sua unità Rosbank a Interros Capital.

L'importo include un colpo di 2 miliardi di euro al valore contabile di Rosbank, mentre il resto è legato allo storno delle riserve di conversione in rubli.

UNICREDIT

L'italiana UniCredit, una delle banche europee più esposte alla Russia, ha dichiarato di aver contabilizzato 1,3 miliardi di euro di accantonamenti per perdite su prestiti relativi alla Russia, in occasione della pubblicazione dei risultati del primo trimestre. UniCredit gestisce il 14° istituto di credito più grande della Russia

UBS

La banca svizzera ha dichiarato il 26 aprile che l'invasione della Russia in Ucraina ha avuto un costo di circa 100 milioni di dollari. UBS ha anche ridotto la sua esposizione in Russia a 400 milioni di dollari alla fine di marzo, da 600 milioni di dollari.

UTENZE E MATERIALI DI CONSUMO

ESSITY

Il gruppo svedese di prodotti per l'igiene ha dichiarato che registrerà una svalutazione di 1,4 miliardi di corone svedesi (141,5 milioni di dollari) dopo aver interrotto la produzione e le vendite in Russia a marzo.

L'anno scorso, l'azienda ha generato circa il 2% delle sue vendite totali nel Paese, pari a 2,8 miliardi di corone.

FORTUM

La finlandese Fortum ha dichiarato che registrerà una svalutazione ante imposte di 2,1 miliardi di euro dalle sue attività in Russia nel primo trimestre.

Ciò include 0,3 miliardi di euro dal segmento Russia di Fortum, 0,6 miliardi di euro da Unipro, una società russa di proprietà della filiale Uniper di Fortum, e 0,2 miliardi di euro dalla partecipazione di Fortum nella società elettrica russa TGC-1 e nelle joint venture sulle energie rinnovabili in Russia.

HENKEL

Nella sua relazione trimestrale, l'azienda tedesca di prodotti chimici e di consumo ha dichiarato di prevedere un impatto di 1 miliardo di euro sulle vendite dell'intero anno in relazione all'attuale situazione geopolitica.

Il produttore dei detersivi Persil e della colla Pritt ha annunciato a metà aprile l'uscita dalla Russia, aggiungendo venerdì che sta uscendo anche dalla Bielorussia.

PHILIP MORRIS

Il gigante del tabacco ha sostenuto un onere di 3 centesimi per azione legato alla crisi ucraina nel primo trimestre, dopo aver interrotto le vendite di alcuni prodotti di sigarette Marlboro e Parliament in Russia.

Gli utili del primo trimestre di Philip Morris sono scesi del 3,6% a 2,32 miliardi di dollari, o 1,50 dollari per azione, incluso l'onere di 3 centesimi. L'anno scorso, la Russia ha generato un fatturato di oltre 1,8 miliardi di dollari, circa il 6% delle sue vendite globali.

ENERGIA

BP

Il gigante del petrolio e del gas BP ha registrato una svalutazione di 24 miliardi di dollari in Russia, leggermente inferiore alla stima iniziale di 25 miliardi di dollari. BP ha dichiarato che la svalutazione non in contanti delle sue partecipazioni in Rosneft e in altre due joint venture ha spinto l'azienda a una perdita nominale di 20,4 miliardi di dollari nel trimestre.

EQUINOR

La norvegese Equinor ha interrotto il trading di petrolio russo a marzo, oltre a chiudere le sue operazioni nel Paese. L'azienda ha rilevato svalutazioni nette per 1,08 miliardi di dollari relative alle attività in Russia nel primo trimestre.

Inoltre, sta per abbandonare le sue joint venture con la russa Rosneft.

EXXON MOBIL CORP

La decisione del gigante petrolifero di lasciare la Russia e di interrompere le operazioni di petrolio e gas colpirà i guadagni e la produzione di petrolio dall'1% al 2%, ha dichiarato il direttore finanziario.

Le operazioni russe di Exxon Mobil nel settore del petrolio e del gas sono state valutate più di 4 miliardi di dollari. I risultati del primo trimestre dell'azienda hanno incluso un impatto di 3,4 miliardi di dollari al netto delle imposte sulla sua attività russa Sakhalin-1.

OMV

Il gruppo energetico austriaco ha dichiarato l'8 aprile che subirà un colpo da 2 miliardi di euro nel primo trimestre come risultato del suo ritiro dalla Russia, diviso equamente tra il suo legame con il progetto del gasdotto Nord Stream 2 e gli aggiustamenti al metodo di consolidamento di due entità russe.

SHELL

Il più grande commerciante di gas naturale liquefatto del mondo svaluterà fino a 5 miliardi di dollari dopo la sua decisione di uscire dalla Russia, oltre i 3,4 miliardi di dollari precedentemente comunicati, ha dichiarato la società il 7 aprile. L'aumento è dovuto a ulteriori impatti potenziali su contratti, svalutazioni di crediti e perdite di credito.

INGEGNERIA E COSTRUZIONI

ALFA LAVAL

La società di ingegneria svedese, che ha sospeso tutti i nuovi ordini in Russia, ha dichiarato il 26 aprile che, a causa delle sanzioni, sono stati cancellati ordini per 602 milioni di corone svedesi.

Inoltre, ha registrato 327 milioni di corone di accantonamenti per coprire vari costi legati agli obblighi contrattuali esistenti relativi alla Russia.

KONECRANES

Il gruppo ingegneristico finlandese ha dichiarato di aver effettuato una svalutazione di 79 milioni di euro di ordini dalla Russia nel primo trimestre. Ha inoltre cancellato 32 milioni di euro di vendite al Paese, con un impatto negativo sull'utile operativo del trimestre di circa 39 milioni di euro.

NIBE INDUSTRIER

L'azienda svedese di tecnologia di riscaldamento ha deciso di chiudere le sue attività in Russia, il che ha avuto un impatto negativo sull'utile operativo del primo trimestre con una svalutazione una tantum di circa 114 milioni di corone svedesi (11,51 milioni di dollari).

SRV

La società di costruzioni finlandese ha dichiarato il 28 aprile di aver svalutato la maggior parte delle sue attività in Russia e di aver venduto le sue partecipazioni in Fennovoima, registrando una svalutazione di 141,2 milioni di euro nel suo bilancio.

Le sue attività rimanenti in Russia sono valutate a 2,6 milioni di euro.

Poiché la diminuzione del valore delle attività avrà un impatto significativo sul patrimonio netto e sul rapporto di capitale proprio di SRV, l'azienda ha dichiarato che riorganizzerà il suo finanziamento, includendo una prevista emissione di diritti e la conversione della sua obbligazione a tasso fisso non garantita.

SIEMENS AG

La tedesca Siemens ha annunciato il 12 maggio che avrebbe lasciato la Russia dopo quasi 170 anni di attività nel Paese. Le perdite sono state stimate dall'azienda di ingegneria e tecnologia con sede a Monaco di Baviera in 600 milioni di euro per il secondo trimestre, con ulteriori costi da sostenere nei prossimi mesi.

VALMET

Il gruppo ingegneristico finlandese ha dichiarato che diversi dei suoi progetti consegnati in Russia non soddisfano più i criteri di un contratto con il cliente ai fini del riconoscimento dei ricavi, per cui ha effettuato uno storno di circa 70 milioni di euro nel suo portafoglio ordini.

WARTSILA

Il gruppo ingegneristico finlandese ha registrato una svalutazione di 200 milioni di euro nella sua relazione finanziaria del primo trimestre, in quanto ha ridotto la sua attività in Russia.

La svalutazione comprende circa 75 milioni di euro di svalutazione dell'avviamento e delle attività immateriali legate a Voyage, 50 milioni di euro di svalutazione delle attività in Russia e circa 75 milioni di euro di svalutazione di progetti e crediti commerciali.

La svalutazione non ha un impatto sul risultato operativo comparabile dell'azienda, ma le azioni relative all'attività in Russia hanno un impatto negativo sulle sue finanze operative.

Le attività legate alla Russia hanno rappresentato circa il 5% del fatturato netto di Wartsila nel 2021, di cui il fatturato netto dei servizi è stato di circa 40 milioni di euro.

YIT

La società di costruzioni finlandese ha registrato una svalutazione di 133 milioni di euro nel primo trimestre, dopo aver classificato le attività russe come destinate alla vendita.

YIT ha annunciato ad aprile che avrebbe venduto le sue attività nel Paese a Etalon Group.

SERVIZI DI STREAMING

NETFLIX

Il gigante globale dello streaming ha dichiarato il 19 aprile che la sua decisione di sospendere i servizi in Russia ha comportato la perdita di 700.000 membri, mentre l'azienda ha perso abbonati per la prima volta in oltre un decennio.

ALIMENTI E BEVANDE

AB INBEV

Il 22 aprile, il produttore di birra belga ha annunciato che venderà la sua partecipazione non di controllo nella sua joint venture russa AB InBev Efes. La cessione comporterà una svalutazione di 1,1 miliardi di dollari nel primo trimestre. La joint venture possiede 11 birrifici in Russia e tre in Ucraina.

CARLSBERG

Il produttore di birra danese ha dichiarato che la decisione di vendere la sua attività in Russia comporterà una svalutazione di circa 9,5 miliardi di corone danesi (71,1 milioni di dollari). L'azienda ha generato il 10% del suo fatturato e il 6% del suo utile operativo in Russia nel 2021.

Ha inoltre dichiarato di aspettarsi 300 milioni di corone di oneri di svalutazione per l'Ucraina, oltre a svalutazioni dell'avviamento per 700 milioni di corone per la regione dell'Europa centrale e orientale, che include l'Ucraina.

HEINEKEN

Il produttore di birra con sede ad Amsterdam ha deciso a fine marzo di lasciare la Russia, concludendo che la proprietà di un'attività in quel Paese non è più sostenibile o redditizia nell'ambiente attuale.

Heineken ha dichiarato che non trarrà profitto da un eventuale trasferimento di proprietà e prevede una svalutazione e altri oneri eccezionali non monetari per un totale di circa 0,4 miliardi di euro.

MCDONALD'S

McDonald's ha annunciato il suo piano di uscita dalla Russia e di vendita di tutti i suoi ristoranti. La catena di hamburger più grande del mondo sosterrà un onere non monetario fino a 1,4 miliardi di dollari in seguito alla vendita.

A marzo, l'azienda statunitense aveva dichiarato che la chiusura dei suoi ristoranti russi le sarebbe costata circa 50 milioni di dollari al mese. La società gestisce 847 siti in Russia, su un totale globale di oltre 38.000.

La società di brokeraggio Piper Sandler prevede che l'interruzione delle attività della catena di ristoranti in Russia comporterà un impatto sugli utili per azione di 1,19 dollari nel 2022.

PRODUTTORI DI GIOCATTOLI

HASBRO

Il 19 aprile, il produttore americano di giocattoli ha avvertito di un potenziale calo delle entrate di circa 100 milioni di dollari quest'anno, a causa della sua decisione di sospendere le spedizioni di giocattoli in Russia.

ALTRI

HUSQVARNA

Il produttore svedese di attrezzature per il giardinaggio ha dichiarato il 21 aprile di aver registrato svalutazioni per 119 milioni di corone svedesi nel primo trimestre, a seguito dell'interruzione di tutte le esportazioni e degli investimenti in Russia. Nel 2021, la Russia rappresentava l'1,5% delle vendite del gruppo.

AP MOELLER-MAERSK

Il gruppo marittimo danese ha dichiarato di aver registrato un impatto negativo di 718 milioni di dollari sugli utili del primo trimestre prima degli interessi e delle imposte. Questo include 162 milioni di dollari nel segmento Ocean, 53 milioni di dollari in Logistics & Services e 485 milioni di dollari in Terminals.

A marzo, Maersk ha dichiarato che avrebbe venduto tutte le sue attività in Russia, compresa la sua partecipazione del 30,75% nell'operatore portuale russo Global Ports Investments.

MARUBENI

La casa di commercio giapponese ha dimezzato la sua esposizione netta verso la Russia a partire da marzo 2022, portandola a 12,3 miliardi di yen (94,4 milioni di dollari), a causa di una svalutazione della sua partecipazione nel progetto petrolifero russo Sakhalin-1.

L'amministratore delegato ha dichiarato che la Russia rappresenta meno dello 0,5% della sua esposizione totale all'estero, pari a 2,7 trilioni di yen. Ad aprile, l'azienda ha dichiarato che avrebbe congelato le nuove transazioni in Russia, comprese quelle non soggette a sanzioni.

METSO OUTOTEC

Il fornitore finlandese di tecnologia mineraria, che ha interrotto le consegne in Russia a marzo, ha dichiarato il 21 aprile che le attività operative relative ai clienti russi, pari a circa 100 milioni di euro, potrebbero essere a rischio se non fosse in grado di chiudere i contratti esistenti in modo controllato.

L'azienda, che ha generato il 10% dei ricavi dalle vendite in Russia nel 2021, ha aggiunto di avere 269 milioni di euro di garanzie di pagamento anticipato legate alle consegne in Russia a fine marzo.

SKF

Il 22 aprile, l'azienda svedese produttrice di cuscinetti e guarnizioni ha dichiarato che avrebbe cessato tutte le attività in Russia e avrebbe pianificato la cessione delle sue attività russe in modo controllato.

La decisione ha provocato una svalutazione di circa 500 milioni di corone svedesi nel secondo trimestre. Le vendite in Russia rappresentavano circa il 2% delle vendite totali del gruppo nel 2021.

SSAB

Il produttore svedese di acciaio ha dichiarato il 26 aprile che le preoccupazioni legate al suo ufficio vendite in Russia hanno portato a svalutazioni di attività per 158 milioni di corone svedesi nel Paese.

La guerra e le sanzioni hanno avuto un impatto anche sulle prospettive del progetto Fennovoima in Finlandia, le cui azioni sono state svalutate di 272 milioni di corone, azzerando il loro valore.

SSAB ha interrotto le vendite dirette alla Russia e alla Bielorussia e ha sospeso i nuovi acquisti di minerale e carbone dalla Russia, fino a nuovo avviso.

STORA ENSO

L'azienda forestale finlandese ha completato la sua uscita dalla Russia cedendo le sue attività forestali, due segherie e gli impianti di imballaggio alla gestione locale. L'azienda ha registrato una svalutazione di 130 milioni di euro nel primo trimestre, di cui 70 milioni relativi alla vendita delle segherie e delle attività forestali e 35 milioni dalla vendita dell'attività di imballaggio. Le cessioni determineranno anche un'ulteriore perdita sulla transazione secondo le regole contabili IFRS, rispettivamente di circa 60 e 55 milioni di euro, da registrare alla data di chiusura. Il suo fatturato russo ha rappresentato circa il 3% del fatturato totale del gruppo nel 2021.

TEAMVIEWER

La società di software tedesca ha dichiarato di aver interrotto le sue attività in Russia e Bielorussia e prevede un impatto negativo sulle fatture di circa l'1% derivante dall'interruzione delle attività commerciali nei due Paesi.

(1 dollaro = 0,9457 euro)

(1 dollaro = 4,4461 zloty)

(1 dollaro = 0,9849 franchi svizzeri)

(1 dollaro = 9,8961 corone svedesi)

(1 dollaro = 7,0337 corone danesi)

(1 dollaro = 130,3500 yen)


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AB SKF 1.33%152.5 Prezzo in differita.-29.84%
AB VOLVO 0.85%159.72 Prezzo in differita.-24.46%
ADIDAS AG -0.66%167.64 Prezzo in differita.-33.35%
ALFA LAVAL AB -0.12%246.3 Prezzo in differita.-32.33%
ANADOLU EFES BIRACILIK VE MALT SANAYII ANONIM SIRKETI 2.41%27.16 Prezzo di chiusura.-8.31%
ANHEUSER-BUSCH INBEV SA/NV 1.79%52.28 Prezzo in tempo reale.-3.40%
AP MOLLER MAERSK 0.39%16620 Prezzo in differita.-29.40%
BP PLC -1.34%383.1 Prezzo in differita.17.84%
CARLSBERG A/S 0.35%907.2 Prezzo in differita.-19.96%
CITIGROUP INC. 1.91%46.87 Prezzo in differita.-23.85%
CREDIT SUISSE GROUP AG 0.07%5.424 Prezzo in differita.-38.91%
CRÉDIT AGRICOLE S.A. -0.01%8.73 Prezzo in tempo reale.-30.43%
DAWSON GEOPHYSICAL COMPANY 4.85%1.405 Prezzo in differita.0.00%
EQUINOR ASA -3.66%330 Prezzo in tempo reale.45.21%
ESSITY AB (PUBL) 3.38%275.5 Prezzo in differita.-9.97%
ETALON GROUP PLC 0.00%0.2025 Prezzo in differita.-81.42%
EXXON MOBIL CORPORATION 2.23%87.55 Prezzo in differita.39.96%
FORTUM OYJ 5.41%15.09 Prezzo in differita.-46.96%
GLOBAL PORTS INVESTMENTS PLC 0.00%0.635 Prezzo in differita.-83.02%
HASBRO, INC. -0.65%81.35 Prezzo in differita.-17.58%
HEINEKEN HOLDING N.V. 1.44%70.45 Prezzo in tempo reale.-13.19%
HEINEKEN N.V. 1.72%88.5 Prezzo in tempo reale.-10.48%
HENKEL AG & CO. KGAA 1.02%59.38 Prezzo in differita.-17.37%
HUSQVARNA AB (PUBL) 0.35%75.5 Prezzo in differita.-48.06%
KONECRANES OYJ 2.61%22.8 Prezzo in differita.-36.80%
LONDON BRENT OIL 1.74%111.38 Prezzo in differita.48.43%
LPP SA 1.72%9150 Prezzo in differita.-47.70%
MARUBENI CORPORATION -2.61%1192 Prezzo in differita.9.33%
MCDONALD'S CORPORATION 2.46%252.96 Prezzo in differita.-7.58%
METSO OUTOTEC OYJ -1.85%7.018 Prezzo in differita.-23.51%
NETFLIX, INC. 2.91%179.95 Prezzo in differita.-70.97%
NIBE INDUSTRIER AB (PUBL) 1.35%77.84 Prezzo in differita.-43.84%
OMV AG -5.65%42.23 Prezzo in differita.-10.39%
PHILIP MORRIS INTERNATIONAL, INC. 0.99%99.72 Prezzo in differita.6.18%
PIPER SANDLER COMPANIES -1.13%112.08 Prezzo in differita.-36.40%
PUBLIC JOINT STOCK COMPANY ROSBANK 0.18%111 Prezzo di chiusura.46.05%
RENAULT 2.37%24.355 Prezzo in tempo reale.-22.11%
ROSNEFT OIL COMPANY PJSC -5.71%362.25 Prezzo di chiusura.-39.61%
S&P GSCI NATURAL GAS INDEX 5.64%268.2836 Prezzo in tempo reale.74.21%
SHELL PLC -1.03%2112 Prezzo in differita.31.92%
SIEMENS AG -1.12%96 Prezzo in differita.-36.41%
SIR ROYALTY INCOME FUND 2.35%13.07 Prezzo in differita.12.87%
SOCIÉTÉ GÉNÉRALE -0.41%20.805 Prezzo in tempo reale.-30.84%
SSAB AB -0.92%44.26 Prezzo in differita.-14.82%
STORA ENSO OYJ 0.03%14.97 Prezzo in differita.-7.28%
TEAMVIEWER AG 0.40%9.536 Prezzo in differita.-19.64%
TOTALENERGIES SE -0.44%50.15 Prezzo in tempo reale.12.86%
UNICREDIT S.P.A. 0.17%9.08 Prezzo in differita.-33.07%
UNIPER SE 10.30%15.63 Prezzo in differita.-66.10%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 2.08%55.25 Prezzo in differita.-30.64%
VALMET OYJ 1.24%23.7 Prezzo in differita.-37.94%
WTI 2.10%108.483 Prezzo in differita.45.61%
WÄRTSILÄ OYJ 3.01%7.654 Prezzo in differita.-39.89%
YIT OYJ 0.44%3.194 Prezzo in differita.-26.29%
Ultime notizie "Economia & Forex"
01/07L'amministrazione Biden propone un piano di trivellazione offshore incentrato principalmente sul Golfo degli Stati Uniti.
MR
01/07La Fed riceve il nuovo responsabile delle politiche, mentre aumentano i timori per l'inflazione e la recessione
MR
01/07Gli Stati Uniti inviano all'Ucraina due sistemi missilistici terra-aria - Pentagono
MR
01/07Gli investitori si preparano a un luglio cruciale dopo un primo semestre negativo
MR
01/07Le proteste per l'interruzione dell'energia elettrica colpiscono le città libiche, mostrando rabbia verso i leader delle fazioni
MR
01/07Le importazioni di fertilizzanti in Brasile aumentano, mentre gli agricoltori si preparano a piantare nuove colture.
MR
01/07Le forze di sicurezza del Sudan si scontrano con i manifestanti dopo i morti della protesta
MR
01/07Gli investitori verdi aumenteranno la pressione sulle società di servizi pubblici statunitensi dopo la sentenza del tribunale
MR
01/07Il Brasile registra un'eccedenza commerciale di 8,8 miliardi di dollari a giugno
MR
01/07BIDEN: Non ci sono abbastanza voti per cambiare l'ostruzionismo per i diritti dell'aborto
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"