L'indice delle azioni globali e sceso mercoledi, mentre i rendimenti del Tesoro americano di riferimento sono saliti dopo la terza asta di titoli di Stato debole di fila, e gli investitori si sono preoccupati di un aumento dei tassi di interesse in attesa del rapporto chiave sull'inflazione degli Stati Uniti, previsto per venerdi.

Il dollaro e rimasto fermo, salendo ai massimi di quattro settimane contro lo yen giapponese e sostenuto dall'aumento dei rendimenti obbligazionari.

L'indicatore MSCI dei titoli azionari di tutto il mondo e sceso di 8,15 punti, o dell'1,03%, a 784,30, mettendosi sulla buona strada per il piu grande calo percentuale di un giorno dal 30 aprile.

"Dal punto di vista del mercato azionario, ci stiamo avvicinando alla fine del mese", quindi e possibile che la gente prenda profitto, ha detto Charlie Ripley, senior investment strategist di Alliance Investment Management, sottolineando anche la debolezza dell'asta di titoli del Tesoro americano a 7 anni, dopo i risultati simili delle aste di titoli a 2 e 5 anni di martedi.

"Con l'asta dei titoli a sette anni che ha venduto note a un tasso piu alto rispetto al livello pre-asta, sono tre aste di fila in cui i rendimenti sono stati piu alti. I tassi piu alti sono meno interessanti dal punto di vista della valutazione azionaria", ha detto Ripley.

Ha notato che gli investitori si sono concentrati sulle aste del Tesoro perche stavano aspettando il rilascio di dati economici chiave.

Il rapporto sull'indice dei prezzi Core delle spese di consumo personale (PCE) degli Stati Uniti - la misura preferita della Federal Reserve per l'inflazione - non uscira prima di venerdi e il rapporto sul lavoro di maggio non uscira prima di una settimana.

Alle 14.45, il Dow Jones Industrial Average e sceso di 409,30 punti, o 1,05%, a 38.443,56, lo S&P 500 ha perso 35,29 punti, o 0,67%, a 5.270,75 e il Nasdaq Composite ha perso 75,47 punti, o 0,44%, a 16.943,81.

In precedenza, l'indice europeo STOXX 600 ha chiuso in ribasso dell'1,08%, registrando il maggior calo percentuale di un giorno dalla meta di aprile, mentre i rendimenti obbligazionari sono aumentati a causa dei timori che i tassi di interesse rimangano elevati piu a lungo a livello globale, con nuove prove di un'inflazione persistentemente elevata nell'economia piu grande della regione che aggrava le preoccupazioni.

Il rendimento del Tesoro americano a 10 anni ha toccato un massimo di quattro settimane ed e salito di 7,8 punti base al 4,62%. Il rendimento del titolo a 2 anni, che tipicamente si muove in base alle aspettative sui tassi di interesse, e salito di 2,6 punti base al 4,983%.

Una parte della curva dei rendimenti del Tesoro statunitense, molto osservata, che misura il divario tra i rendimenti dei titoli del Tesoro a due e a 10 anni, considerata un indicatore delle aspettative economiche, si e ridotta a 36,5 punti base negativi.

Il rendimento a 7 anni e salito al 4,64% dal 4,56% di martedi.

Nelle valute, l'indice del dollaro, che misura il biglietto verde rispetto ad un paniere di valute tra cui lo yen e l'euro, ha guadagnato lo 0,41% a 105,09, con l'euro in calo dello 0,45% a 1,0806 dollari.

Contro lo yen giapponese, il dollaro e salito dello 0,32% a 157,67, dopo aver toccato il livello piu alto dal 1? maggio.

I prezzi del petrolio sono diminuiti a causa delle preoccupazioni per la debolezza della domanda di benzina negli Stati Uniti e per i timori che la Fed mantenga i tassi di interesse piu alti piu a lungo.

Il greggio statunitense e sceso dello 0,75% a 79,23 dollari al barile e il Brent e sceso dello 0,74% a 83,60 dollari al barile.

L'oro spot e sceso dello 0,93% a 2.338,92 dollari l'oncia, poiche il dollaro piu forte, i rendimenti obbligazionari piu alti e i commenti da falco di un funzionario della Fed martedi hanno ancora pesato sul sentimento.