Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Le azioni salgono, i rendimenti scivolano su accenni di raffreddamento dell'economia

04-10-2022 | 22:40

Le azioni statunitensi e il petrolio martedì hanno registrato forti guadagni per il secondo giorno consecutivo, mentre i rendimenti del Tesoro statunitense sono scesi, mentre gli investitori si sono chiesti se gli sforzi globali delle banche centrali per combattere l'inflazione potrebbero allentarsi in futuro.

Un nuovo rapporto che mostra una contrazione delle aperture di posti di lavoro negli Stati Uniti, una lettura più debole dei dati manifatturieri degli Stati Uniti e un aumento dei tassi minore del previsto da parte della banca centrale australiana hanno contribuito alla speculazione degli investitori sul fatto che potrebbe profilarsi un cambiamento della banca centrale verso aumenti dei tassi meno aggressivi.

Questo sentimento ha contribuito a spingere Wall Street al rialzo martedì, con il Dow Jones Industrial Average che ha chiuso in rialzo del 2,8%, l'S&P 500 che ha fatto un balzo del 3,06% e il Nasdaq Composite che ha guadagnato il 3,34%.

L'indice azionario mondiale MSCI, che tiene traccia delle azioni di 45 Paesi, ha registrato un ultimo rialzo del 3,3%.

I rendimenti obbligazionari globali sono scesi, con quelli del titolo di riferimento del Tesoro americano a 10 anni che sono scesi al 3,631%. Il rendimento è sceso di quasi 20 punti base lunedì, dopo aver superato il 4,0% solo la settimana scorsa.

RALLENTAMENTO DEL LAVORO?

Martedì, il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha riferito che le aperture di posti di lavoro sono diminuite di più in quasi 2 anni e mezzo nel mese di agosto, suggerendo che il mercato del lavoro potrebbe iniziare a raffreddarsi con l'aumento dei tassi di interesse.

Ci sono state 1,7 offerte di lavoro per ogni disoccupato ad agosto, in calo rispetto alle due di luglio. Ma i licenziamenti sono rimasti bassi, segno di un mercato del lavoro ancora rigido che potrebbe mantenere la Federal Reserve sul suo percorso aggressivo di inasprimento della politica monetaria, dato che i funzionari della Fed insistono sul fatto che hanno ancora del lavoro da fare per contenere l'inflazione.

"Non ci aspettiamo un cambiamento nelle probabili azioni della Fed alla prossima riunione. A nostro avviso, il mercato del lavoro è passato da 'estremamente rigido' a 'molto rigido' e la Fed probabilmente risponderà con un altro aumento dello 0,75% del tasso dei Fed funds il mese prossimo", ha dichiarato Jeffrey Roach, capo economista di LPL Financial.

Tuttavia, i dati economici più deboli si sono aggiunti ad un rapporto manifatturiero statunitense più debole del previsto lunedì e ad un aumento dei tassi più contenuto in Australia, dove la Reserve Bank of Australia ha sorpreso i mercati con un aumento dei tassi d'interesse più contenuto del previsto, alimentando le speranze che altre banche centrali possano seguirne l'esempio.

"Chiaramente, la decisione odierna della RBA alimenterà la speculazione che altre banche centrali inizieranno a rallentare il ritmo dei rialzi", hanno dichiarato gli analisti di TD Securities in una nota.

Gli investitori attenderanno il rapporto mensile sui posti di lavoro negli Stati Uniti di venerdì, un dato importante che indicherà se i rialzi dei tassi avranno iniziato a pesare sull'economia.

Con i rendimenti del Tesoro in calo, il dollaro ha registrato la quinta perdita giornaliera consecutiva nei confronti di un paniere di valute - la striscia di ribassi più lunga dall'agosto 2021 - in quanto gli investitori hanno iniziato a valutare la possibilità che le condizioni di credito più rigide inducano la Federal Reserve a muoversi con maggiore cautela. L'indice del dollaro era in calo dell'1,44% a 110,14.

I mercati mostrano che gli investitori ritengono che l'inflazione possa scendere più rapidamente. Su un orizzonte di cinque anni, gli investitori vedono un'inflazione di appena il 2,33%, in calo rispetto al 3% di sei settimane fa.

I prezzi del petrolio hanno continuato la loro corsa al rialzo sulla prospettiva di tagli alla produzione da parte dei maggiori esportatori mondiali. Il greggio Brent è salito del 3,11% a 91,62 dollari al barile, mentre il greggio statunitense è salito del 3,16% a 86,27 dollari al barile.

Lo scivolone del dollaro ha anche contribuito a stimolare l'oro, con i prezzi dell'oro spot che sono saliti dell'1,5% a 1.724,61 dollari l'oncia.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia"
13:04Gli amministratori delegati di Albertsons e Kroger difenderanno la fusione da 25 miliardi di dollari davanti a senatori statunitensi scettici.
MR
13:02Il Credit Suisse propone il programma di covered bond agli investitori internazionali - memo
MR
12:57Enel : ok Ue ad acquisto controllo congiunto di Gridspertise con Cvc
DJ
12:53BOND : spread Btp/Bund in contrazione di 2,96 pb a 189,228 pb
DJ
12:51Comau: con Foton Daimler per 1* camion alta gamma realizzato in Cina
DJ
12:49Analisi Tecnica : Gold Future (MFIU)
DJ
12:47Sky I. : vince causa in tema abuso dipendeza economica
DJ
12:43Petrolio Usa : in rialzo del 2,47% a 79,12 usd
DJ
12:43Petrolio Ue : in rialzo del 2,62% a 86,09 usd
DJ
12:43Gas europeo : future Ttf dicembre in rialzo del 5,8% a 130 euro
DJ
Ultime notizie "Economia"