Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Le esplosioni colpiscono la base russa in Crimea, l'Ucraina prende di mira le linee di rifornimento

17-08-2022 | 03:04
Rescuers work at the site of a residential building destroyed by a Russian missile strike in Kharkiv

La Russia ha incolpato il sabotaggio per le esplosioni in una delle sue basi militari nella Crimea annessa a Mosca, mentre Kiev ha lasciato intendere di essere responsabile, mentre i funzionari ucraini hanno detto che la loro strategia era quella di distruggere le linee di rifornimento a sostegno dell'invasione russa.

Le esplosioni di martedì hanno inghiottito un deposito di munizioni in una base militare nel nord della penisola di Crimea, interrompendo i treni e costringendo all'evacuazione di 2.000 persone da un villaggio vicino, secondo i funzionari russi e le agenzie di stampa.

In seguito, sono stati avvistati dei pennacchi di fumo in una seconda base militare russa nella Crimea centrale, secondo il quotidiano russo Kommersant. L'azione ha seguito le esplosioni in una base aerea militare russa nella Crimea occidentale la scorsa settimana, che hanno distrutto otto aerei da guerra.

Il Ministero della Difesa russo ha detto che le esplosioni di martedì al deposito di munizioni erano "il risultato di un sabotaggio". La penisola di Crimea, che Mosca ha annesso nel 2014, è la principale via di rifornimento per le forze russe nel sud dell'Ucraina e la base della sua flotta del Mar Nero.

L'Ucraina non ha confermato né smentito la responsabilità delle esplosioni, anche se i suoi funzionari hanno apertamente esultato per le battute d'arresto della Russia.

Il consigliere presidenziale Mykhailo Podolyak e il capo dello staff Andriy Yermak hanno entrambi esultato sui social media per la "smilitarizzazione", un apparente riferimento beffardo alla parola che la Russia usa per giustificare la sua invasione.

"L'operazione 'smilitarizzazione' nello stile preciso delle Forze Armate dell'Ucraina continuerà fino alla completa de-occupazione dei territori ucraini", ha scritto Yermak su Telegram.

Podolyak ha poi dichiarato al quotidiano britannico Guardian che la strategia dell'Ucraina consiste nel distruggere la "logistica russa, le linee di rifornimento e i depositi di munizioni e altri oggetti dell'infrastruttura militare". Sta creando un caos all'interno delle loro forze".

Mentre Kyiv considera una potenziale controffensiva nel sud, le esplosioni hanno sollevato la prospettiva di nuove dinamiche nella guerra di sei mesi, se l'Ucraina ha ora la capacità di colpire più in profondità nel territorio occupato dai russi o se i gruppi pro-Kyiv stanno avendo successo con attacchi in stile guerriglia.

Il Presidente Volodymyr Zelenskiy ha esortato gli ucraini a stare alla larga dalle basi militari russe e dai depositi di munizioni e ha detto che le esplosioni potrebbero avere una serie di cause, tra cui l'incompetenza.

"Ma tutti significano la stessa cosa: la distruzione della logistica degli occupanti, delle loro munizioni, delle attrezzature militari e di altro tipo e dei posti di comando, salva la vita del nostro popolo", ha detto in un discorso serale.

Nelle esplosioni di martedì, anche una sottostazione elettrica ha preso fuoco, secondo i filmati della TV di Stato russa. Sette treni hanno subito ritardi e il traffico ferroviario su parte della linea nel nord della Crimea è stato sospeso, ha dichiarato l'agenzia di stampa russa RIA.

CENTRALI NUCLEARI

Negli ultimi giorni l'attenzione si è concentrata anche sui bombardamenti vicino al complesso di reattori nucleari di Zaporizhzhia, il più grande d'Europa, in un'area occupata dai russi nel sud-est dell'Ucraina.

I funzionari russi installati in quella zona, citati dall'agenzia di stampa Interfax, hanno detto martedì che le forze ucraine hanno bombardato la città di Enerhodar, dove si trova l'impianto. Hanno accusato l'Ucraina di averlo fatto per provocare la Russia a rispondere al fuoco.

Più tardi, martedì, 20 razzi russi e 10 proiettili di artiglieria hanno colpito la città di Nikopol, sulla sponda del fiume Dnipro controllata dal governo ucraino, di fronte a Enerhodar, ha scritto su Telegram il governatore regionale ucraino Valentyn Reznichenko.

Ha detto che quattro persone sono rimaste ferite.

Reuters non ha potuto verificare immediatamente i resoconti di entrambe le parti.

Ciascuna delle due parti ha incolpato l'altra per l'aumento dei rischi per l'impianto di Zaporizhzhia, che la Russia ha sequestrato a marzo, anche se i tecnici ucraini continuano ad operare.

Il conflitto in Ucraina ha causato la fuga di milioni di persone, ucciso migliaia di persone e approfondito una spaccatura geopolitica tra l'Occidente e Mosca, che definisce la sua invasione una "operazione militare speciale" per smilitarizzare il suo vicino e proteggere le comunità russofone. L'Ucraina, che faceva parte dell'Unione Sovietica dominata dalla Russia fino al suo scioglimento nel 1991, accusa la Russia di aver condotto una guerra di conquista in stile imperiale.

PROGRESSI NELL'ESPORTAZIONE DI CEREALI

Ci sono stati ulteriori progressi nell'accordo mediato dalle Nazioni Unite per la ripresa delle esportazioni di grano ucraino, dopo che il blocco russo dei porti del Mar Nero aveva aggravato la crisi alimentare globale.

Con i porti sbloccati, la nave Brave Commander ha lasciato il porto ucraino di Pivdennyi trasportando il primo carico di aiuti alimentari diretti in Africa dall'Ucraina dopo l'invasione della Russia.

E la prima nave a partire in base all'accordo di luglio, la Razoni battente bandiera della Sierra Leone, ha attraccato nella città portuale siriana di Tartous.

L'Ucraina può esportare 3 milioni di tonnellate di grano dai suoi porti a settembre e potrebbe essere in grado di esportare 4 milioni di tonnellate al mese, ha detto un funzionario governativo.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres visiterà Odesa, il principale porto ucraino sul Mar Nero, venerdì durante un viaggio nel Paese. Incontrerà Zelenskiy e il Presidente turco Tayyip Erdogan, che ha contribuito all'accordo sul grano, ha detto un portavoce delle Nazioni Unite.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
DOW JONES AFRICA TITANS 50 INDEX -0.06%396.22 Prezzo in tempo reale.-25.33%
POWER SOLUTIONS, LTD. 2.51%2530 Prezzo in differita.8.30%
S&P AFRICA 40 INDEX -0.92%127.85 Prezzo in tempo reale.-26.29%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) -3.33%56 Prezzo in differita.-22.40%
US DOLLAR / TURKISH LIRA (USD/TRY) -0.15%18.4766 Prezzo in differita.38.50%
Ultime notizie "Economia & Forex"
19:49No. 2 Democratici della Camera degli Stati Uniti non si impegnano sulla proposta di legge sul trading azionario, non si voterà presto
MR
19:31Tereos rallenta la produzione di zucchero mentre TotalEnergies blocca le forniture di carburante
MR
19:31Bdo Italia: lancia 4* edizione Master online Esg-Sustainability advanced management
DJ
19:30E-commerce : Mister Worker si aggiudica il Netcomm Award 2022
DJ
19:30TOP STORIES ITALIA: Profumo; contenti di Intesa, priorità è digitalizzazione
DJ
19:28Ferrarini : aderisce a campagna Etichetta Consapevole di Too Good To Go
DJ
19:26Trevisan & Cuonzo : con A.Gabriella Crespi per collaborazione con Serapian
DJ
19:26Cbre : advisor di Briseide Srl in locazione 6.000 mq uffici
DJ
19:26Roadhouse : inaugura due nuovi ristoranti ad Arezzo
DJ
19:24Csm Ingredients : inaugurato nuovo stabilimento Hi-Food
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"