Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Opec: Al Ghais, impennata inflazione? Non Ŕ colpa nostra

17-08-2022 | 17:46

MILANO (MF-DJ)--Il nuovo segretario generale dell'Opec Haitham Al Ghais ha puntualizzato che il cartello non è responsabile dell'impennata dell'inflazione. La vera causa risiede nel cronico sottoinvestimento nell'industria del petrolio e del gas.

"L'Opec non è responsabile di questo aumento dei prezzi", ha affermato Al Ghais ai microfoni di Cnbc. "Ci sono altri fattori che sono alla base dell'impennata dei prezzi che abbiamo visto nel gas e nel petrolio. E ancora una volta, credo che in poche parole, per me, si tratti di un sottoinvestimento, un sottoinvestimento cronico".

"Questa è la dura realtà di cui la gente e i politici si devono rendere conto. Una volta che ci si rende conto di questo, penso che si possa iniziare a pensare a una soluzione. E la soluzione è molto chiara. L'Opec ha una soluzione: investire, investire, investire", ha aggiunto Al Ghais.

Per il segretario generale "l'Opec sta facendo la sua parte. Abbiamo aumentato la produzione in linea con ciò che vediamo e con un meccanismo graduale che è stato molto trasparente. Stiamo facendo tutto il possibile per riportare il mercato in equilibrio, ma ci sono fattori economici che sono davvero fuori dal controllo dell'Opec".

Per quanto riguarda i legami del cartello con la Russia, Al Ghais ha affermato che il gruppo ha un rapporto "solido" con Mosca e cerca sempre di separare la politica dai suoi obiettivi di stabilizzazione del mercato.

"Prima di tutto, se si guarda alla storia, se posso, queste sfide non sono nuove per l'Opec e per la storia dell'Opec", ha spiegato Al Ghais, citando la guerra Iran-Iraq negli anni '80 e l'invasione del Kuwait nel 1990. "Nelle nostre riunioni cerchiamo sempre di separare la politica e gli aspetti politici da ciò che facciamo in termini di gestione dell'equilibrio del mercato e in termini di ciò che facciamo come Opec+, penso che la metodologia sia chiara".

"La leadership della Russia nel sostenere la dichiarazione di cooperazione è stata chiara fin dal primo giorno, dal 2017. Il rapporto è solido in termini di gestione del mercato", ha concluso Al Ghais, ribadendo di fidarsi di Mosca.

alb

alberto.chimenti@mfdowjones.it


(END) Dow Jones Newswires

August 17, 2022 11:45 ET (15:45 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
LONDON BRENT OIL 0.91%89.56 Prezzo in differita.9.50%
S&P GSCI PETROLEUM INDEX 1.10%327.4348 Prezzo in tempo reale.12.97%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 1.66%58.985 Prezzo in differita.-19.64%
Ultime notizie "Economia & Forex"
13:16Iren : acquista 2 progetti fotovoltaici ready to build nel Lazio
DJ
13:15La polacca PKN Orlen vede l'acquisizione dell'azienda del gas PGNiG entro poche settimane - CEO
MR
13:12Loriga&Associati : digitalizzazione e riduzione emissioni per logistica del futuro
DJ
13:12Bollette : Assoutenti, con +70% gas stangata da 2.942 euro a famiglia
DJ
13:10Il rublo si stabilizza vicino a 59 contro il dollaro, ma subisce una forte flessione contro l'euro
MR
13:09La Casa Bianca esclude il divieto di esportazione di gas naturale per questo inverno
MR
13:06I futures di Wall Street salgono dell'1% mentre i rendimenti del Tesoro si ritirano
MR
13:05Energia : Udicon, Europa dia segnale forte prima che sia troppo tardi
DJ
13:01Dentons : con Dla Piper in cessione immobile Viale Cassala 22 a Milano
DJ
13:00La casa bianca sta escludendo il divieto di esportazione di gas naturale...
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"