Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Petrolio: big oil mettono in guardia dalle scommesse 'contro' (Wsj)

24-08-2022 | 16:58

MILANO (mf-DJ)--L'Arabia Saudita e la Goldman Sachs sono d'accordo: Gli investitori si stanno sbagliando sulla direzione del mercato del petrolio.

I gestori di fondi che si preparano a un rallentamento globale dell'economia hanno ritirato le scommesse sul petrolio e su altre materie prime, contribuendo a far scendere i prezzi. Ma la loro attenzione al potenziale calo della domanda non è condivisa da alcune delle figure più potenti del settore, né dalle banche d'investimento, che indicano una serie di altre ragioni per cui i prezzi dovrebbero salire.

Questa settimana, il principe saudita Abdulaziz bin Salman ha dichiarato che il mercato dei future sul petrolio è diventato sempre più scollegato dalla domanda e dall'offerta di energia. L'Arabia Saudita sta prendendo in considerazione tagli alla produzione Opec+ per cercare di bilanciare questa situazione, una mossa che anche altri membri del cartello petrolifero hanno dichiarato di poter sostenere. Questo suggerimento ha spinto al rialzo i prezzi del petrolio, con il Brent che ha fatto un balzo di quasi il 4% martedì 23 e ha prolungato il rialzo mercoledì 24.

La previsione mediana di 22 analisti di Wall Street intervistati da FactSet è che il greggio Brent, il benchmark globale, alla fine di settembre tocchi i 115 dollari al barile. Questo dato è in contrasto con i 100 dollari al barile di mercoledì 24. I future sul Brent più attivamente scambiati sono scesi di quasi il 4% in agosto, recuperando terreno dopo aver toccato i 92 dollari al barile all'inizio del mese.

Il mercato è irrazionale e la combinazione di una discreta domanda, di un calo delle scorte e di un'offerta limitata dovrebbe spingere i prezzi al rialzo, hanno affermato gli analisti di Goldman Sachs in un report del 12 agosto. "Quasi ogni indicatore della partecipazione degli investitori in questo settore sta diminuendo, ed è questo che ci dà la sicurezza di dire che il ribasso dei prezzi è guidato dagli investitori", ha detto Jeff Currie, responsabile della ricerca sulle materie prime della banca.

Currie ha comunque affermato che i prezzi potrebbero rimbalzare in autunno, quando i mercati saranno più rigidi. Goldman Sachs ha recentemente ridotto le sue previsioni per il quarto trimestre sui prezzi del Brent a 125 dollari da 130.

Numerosi dirigenti del settore, tra cui gli amministratori delegati di Chevron e Shell, hanno recentemente dichiarato di aspettarsi che il mercato rimanga rigido.

I sostenitori del prezzo del petrolio sottolineano la limitazione degli investimenti in nuovi giacimenti a causa della pandemia e delle pressioni ambientali. Questo ha già portato a una contrazione dell'offerta, che dovrebbe tradursi in un aumento dei prezzi.

Alcuni investitori non sono convinti. "Abbiamo ridotto la nostra allocazione di portafoglio sulle commodity, abbiamo ancora una certa esposizione, ma è davvero diminuita", ha dichiarato Shaniel Ramjee, gestore di fondi multiasset presso Pictet Asset Management. "Il motivo sono le aspettative di rallentamento della crescita globale".

Questo mese i dati provenienti dalla Cina hanno accresciuto le preoccupazioni sulla salute economica globale, rivelando un forte rallentamento dell'economia in settori quali la produzione industriale e la spesa dei consumatori.

Un segnale importante proviene dagli Etf e da prodotti analoghi, spesso utilizzati dagli investitori come un modo semplice per operare all'interno e all'esterno dei mercati delle materie prime. Secondo BlackRock, a luglio gli Etf legati alle materie prime hanno registrato il maggiore deflusso di sempre, 11,2 miliardi di dollari, da parte degli investitori.

Le statistiche risalgono al 2012 e contrastano con un controvalore totale di 280 miliardi di dollari di Etf legati alle materie prime. Il petrolio è una destinazione chiave per molti di questi prodotti, così come i metalli preziosi come l'oro e l'argento. Ad agosto gli investitori hanno ritirato altri 3,4 miliardi di dollari.

Secondo i dati del CME Group, la scorsa settimana l'open interest, ovvero il numero di contratti in essere, dei future sul petrolio negoziati al Nymex è sceso al livello più basso dal dicembre 2014.

Allo stesso modo, le scommesse sull'aumento dei prezzi del petrolio fatte da investitori che utilizzano denaro preso a prestito, come gli hedge fund, sono diminuite. Le posizioni nette lunghe detenute dai fondi a leva sia sul Brent sia sul West Texas Intermediate, il benchmark petrolifero statunitense, si sono ridotte al livello più basso da gennaio 2016, secondo una ricerca della banca nordica SEB.

Secondo Luc Filip, responsabile degli investimenti presso SYZ Private Banking, la turbolenza del petrolio sta contribuendo a spingere i money manager a ridurre le loro partecipazioni. I portafogli che Filip contribuisce a gestire hanno un budget per la volatilità complessiva, gran parte della quale è stata assorbita dalle fluttuazioni del prezzo del petrolio. Negli ultimi sei mesi il Brent ha oscillato tra 92,34 e 127,98 dollari.

"Guardate il prezzo del petrolio e guardate gli indici generali delle materie prime: sono saliti alle stelle dall'inizio della guerra in Ucraina. Poi sono scesi e poi risaliti. C'è una fortissima incertezza e volatilità", ha detto Filip. Di recente ha dimezzato le partecipazioni in materie prime dei suoi portafogli.

Inizialmente i mercati temevano che le sanzioni alla Russia potessero limitare la produzione del terzo produttore mondiale. Ma i barili russi sono stati dirottati verso mercati alternativi come l'India. Secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, le esportazioni russe si sono ampiamente stabilizzate.

red

MF-DJ NEWS

2416:56 ago 2022


(END) Dow Jones Newswires

August 24, 2022 10:57 ET (14:57 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BLACKROCK, INC. -1.27%712.98 Prezzo in differita.-21.12%
BRENT OIL -1.49%85.9 Prezzo in differita.11.13%
CHEVRON CORPORATION -0.80%181.03 Prezzo in differita.56.21%
CME GROUP 16.67%0.035 Prezzo di chiusura.-41.67%
CME GROUP INC. -0.71%176.63 Prezzo in differita.-22.13%
GENERALI 0.61%17.23 Prezzo in differita.-8.08%
S&P GSCI BRENT CRUDE INDEX -1.51%728.2562 Prezzo in tempo reale.11.82%
S&P GSCI GOLD INDEX -0.31%1053.56 Prezzo in tempo reale.-0.73%
S&P GSCI PETROLEUM INDEX -2.01%308.16 Prezzo in tempo reale.14.55%
S&P GSCI PRECIOUS METALS INDEX -0.10%2368.48 Prezzo in tempo reale.-2.35%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 0.61%61.575 Prezzo in differita.-19.90%
WTI -1.34%80.208 Prezzo in differita.6.89%
Ultime notizie "Economia"
02:23Esclusivo: un dirigente di Twitter dice che si sta muovendo velocemente sulla moderazione, mentre i contenuti dannosi aumentano
MR
01:30Il Pakistan rimborsa 1 miliardo di dollari di obbligazioni internazionali - portavoce della banca centrale
MR
00:45Wall Street va a caccia di giochi di recessione per affrontare le potenziali turbolenze del 2023
MR
02/12Sospetto per l'omicidio del rapper dei Migos Takeoff arrestato a Houston
MR
02/12L'economia Usa macina posti, la Fed sotto pressione
AW
02/12Grande affluenza alle elezioni di ballottaggio in Georgia, mentre si conclude il voto anticipato
MR
02/12Nota di chiusura
DJ
02/12L'agenda della prossima settimana - Energy e sostenibilità
DJ
02/12L'agenda della prossima settimana - Energy Corporate
DJ
02/12Lancia : campagna "Punch" si aggiudica premio San Bernardino
DJ
Ultime notizie "Economia"