Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Picchi, valli e pietre miliari

22-09-2022 | 22:36
Illustration picture of Japanese yen banknote

Uno sguardo alla giornata in corso nei mercati asiatici da Lewis Krauskopf

Una settimana febbrile di attività delle banche centrali in tutto il mondo ha lasciato i mercati agli estremi.

I prezzi delle valute sono stati scossi dopo che il Giappone è intervenuto nel mercato dei cambi per acquistare yen per la prima volta dal 1998.

Lo yen si è impennato contro il dollaro dopo l'intervento. Alcuni analisti erano scettici sul fatto che la valuta malconcia sarebbe rimasta forte, data la politica monetaria allentata della Banca del Giappone, in contrasto con le mosse da falco della Federal Reserve e di altre banche centrali questa settimana. L'indice del dollaro, che misura il biglietto verde rispetto ad un paniere di valute, si è indebolito modestamente giovedì, ma non era lontano dai massimi di 20 anni.

Le azioni della Fed di mercoledì hanno continuato a riverberare. La banca centrale statunitense ha aumentato i tassi di 75 punti base per la terza riunione consecutiva e il presidente Jerome Powell ha parlato senza mezzi termini della "sofferenza" che si prospetta quando i responsabili politici si impegneranno a domare un'inflazione elevata da quattro decenni.

I rendimenti del debito pubblico statunitense hanno raggiunto nuovi picchi giovedì. I rendimenti del Tesoro americano a due anni hanno toccato il massimo dal 2007 e quelli del benchmark a 10 anni hanno raggiunto il massimo dal 2011. La curva tra queste due scadenze si è invertita al livello più invertito almeno dal 2000, indicando le crescenti preoccupazioni per una recessione imminente.

La prospettiva di una flessione ha pesato sulle azioni. L'indicatore MSCI delle azioni di tutto il mondo ha toccato il punto più basso dal novembre 2020 durante la sessione.

Gli investitori potrebbero essere scusati per aver voluto prendere fiato venerdì, ma l'ulteriore digestione dell'azione delle banche centrali della settimana, insieme ai dati sull'inflazione in Asia e alle letture economiche in Europa, potrebbero generare maggiore volatilità.

Sviluppi chiave che potrebbero fornire una maggiore direzione ai mercati venerdì:

Malesia, Singapore, dati CPI

Produzione industriale di Taiwan

PMI della zona euro

Il Presidente della Fed Powell terrà un discorso prima di "La Fed ascolta: Transizione verso l'economia post-pandemia".


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
03:46I titoli asiatici rimbalzano in alto grazie ai segnali che i rialzi dei tassi stanno funzionando
MR
03:02Nuova Zelanda : B.centrale alza tassi di 50 p.b. al 3,50%
DJ
02:58L'imbottigliatore australiano Orora esorta il governo a contribuire alla stabilizzazione dei costi energetici
MR
02:46Le azioni australiane sfiorano i massimi di tre settimane grazie alla spinta delle banche e del settore tecnologico
MR
02:39La banca centrale della Corea del Sud prevede che l'inflazione rimarrà elevata per un lungo periodo di tempo
MR
02:34La ripartenza del turismo in Giappone fa sperare nella ripresa del settore dei servizi -PMI
MR
02:11Exxon segnala forti guadagni nel terzo trimestre grazie ai prezzi del gas naturale
MR
01:46I futures della media nikkei del giappone salgono dello 0,97% nei primi scambi...
MR
01:33Carl Icahn ha realizzato oggi un profitto di 250 milioni di dollari dopo aver acquistato azioni di Twitter negli ultimi mesi - WSJ
MR
01:33Carl icahn ha accumulato una partecipazione in twitter del valore di oltre 500 milioni di dollari...
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"