Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Quale crisi? Il prestito di criptovalute ad alto rischio sembra destinato a rimanere

21-09-2022 | 07:13
FILE PHOTO: Illustration shows representation of cryptocurrency Bitcoin, Ethereum and Dash plunging into water

L'11 maggio, Scott Odell, un analista del prestatore britannico di criptovalute Blockchain.com, ha inviato un messaggio istantaneo a Edward Zhao di Three Arrows Capital, chiedendo che l'hedge fund di Singapore rimborsasse almeno una parte di un prestito di 270 milioni di dollari.

Three Arrows aveva appena subito un colpo dal crollo della criptovaluta Terra, sollevando dubbi sulla sua capacità di rimborso. Questa era una preoccupazione per Blockchain.com, dal momento che non aveva preso garanzie per assicurare il prestito, come dimostrano i documenti del tribunale.

"È una questione di tempo, quindi cerchiamo di capire se è disponibile", ha detto Odell a proposito del rimborso.

Zhao sembrava perdere le parole.

"Yo", ha risposto.

"uhh"

"hmm"

Three Arrows ha presentato istanza di fallimento a luglio e Blockchain.com ha dichiarato a Reuters di non aver ancora recuperato un centesimo del suo prestito. Lo scambio di testi è tra i documenti depositati dai liquidatori nell'ambito della procedura di liquidazione del fondo hedge.

Three Arrows non ha risposto alle richieste di commento. Odell ha rifiutato di commentare, mentre Reuters non è riuscita a contattare Zhao.

Il prestito faceva parte di una rete opaca di prestiti non garantiti tra le società di criptovalute che ha lasciato il settore esposto quando i prezzi delle criptovalute sono crollati del 50% all'inizio di quest'anno, secondo un'analisi di Reuters dei tribunali fallimentari e dei documenti normativi, e le interviste con circa 20 dirigenti ed esperti.

Il prestito istituzionale di criptovalute comporta il prestito di criptovalute e di contanti in cambio di un rendimento. Rinunciando all'obbligo per il mutuatario di fornire garanzie - come azioni, obbligazioni o, più comunemente, altri token cripto - i prestatori possono applicare tassi più elevati e aumentare i profitti, mentre i mutuatari possono generare rapidamente liquidità.

Da allora, Blockchain.com ha cessato in gran parte i prestiti non garantiti, che rappresentavano il 10% delle sue entrate, ha dichiarato a Reuters il responsabile commerciale Lane Kasselman. "Non siamo disposti a impegnarci nello stesso livello di rischio", ha detto, anche se ha aggiunto che l'azienda continuerà a offrire prestiti non garantiti "estremamente limitati" ai clienti migliori, a determinate condizioni.

I prestiti non garantiti sono diventati comuni in tutto il settore delle criptovalute, secondo la revisione dei documenti e le interviste. Nonostante la recente scossa, molti degli addetti ai lavori hanno affermato che la pratica è destinata a continuare e potrebbe addirittura crescere.

Alex Birry, responsabile analitico per le istituzioni finanziarie di S&P Global Ratings, ha affermato che il settore delle criptovalute sta in effetti assistendo ad una tendenza generale verso i prestiti non garantiti. Il fatto che la cripto sia un "ecosistema concentrato" aumenta il rischio di contagio in tutto il settore, ha aggiunto.

"Quindi, se si presta solo a persone che operano in questo ecosistema, e soprattutto se il numero di queste controparti è relativamente limitato, sì, si assisterà a eventi come quello che abbiamo appena visto", ha detto a proposito del crollo estivo dei prestatori.

BOOM E CROLLO DELLA CRIPTOVALUTA

I prestatori di criptovalute, le banche di fatto del mondo delle criptovalute, hanno avuto un boom durante la pandemia, attirando i clienti al dettaglio con tassi a due cifre in cambio dei loro depositi di criptovalute. Sul versante opposto, gli investitori istituzionali, come gli hedge fund che desiderano effettuare scommesse con leva finanziaria, hanno pagato tassi più elevati per prendere in prestito i fondi dai prestatori, che hanno tratto profitto dalla differenza.

I prestatori di criptovalute non sono tenuti a detenere riserve di capitale o di liquidità come i prestatori tradizionali e alcuni si sono trovati esposti quando la carenza di garanzie ha costretto loro - e i loro clienti - a sostenere grandi perdite.

Voyager Digital, che è diventata una delle maggiori vittime dell'estate quando ha presentato istanza di fallimento a luglio, offre una finestra sulla rapida crescita dei prestiti di criptovalute non garantiti.

Il portafoglio di prestiti in criptovalute del prestatore con sede nel New Jersey è cresciuto da 380 milioni di dollari nel marzo 2021 a circa 2 miliardi di dollari nel marzo 2022, e ha accettato garanzie per appena l'11% di questi 2 miliardi di dollari, come risulta dai documenti normativi della società.

Il prestatore è crollato dopo che Three Arrows si è resa inadempiente su un prestito di criptovalute che all'epoca valeva più di 650 milioni di dollari. Sebbene nessuna delle due parti abbia dichiarato se questo prestito fosse non garantito, Voyager non ha riferito di aver liquidato alcuna garanzia in seguito all'inadempienza, mentre Three Arrows ha elencato il suo stato di garanzia con Voyager come "sconosciuto", come risulta dai documenti di fallimento delle società.

Voyager ha rifiutato di commentare per questo articolo.

Anche il prestatore rivale Celsius Network, che ha presentato istanza di fallimento a luglio, ha offerto prestiti non garantiti, come risulta dai documenti del tribunale, anche se Reuters non ha potuto accertarne l'entità.

Dal momento che la maggior parte dei prestiti sono privati, l'ammontare dei prestiti non garantiti in tutto il settore è sconosciuto, e anche gli addetti ai lavori forniscono stime molto diverse.

La società di ricerca di criptovalute Arkham Intelligence ha stimato la cifra intorno ai 10 miliardi di dollari, per esempio, mentre il prestatore di criptovalute TrueFi ha detto che si tratta di almeno 25 miliardi di dollari.

Antoni Trenchev, co-fondatore del prestatore di criptovalute Nexo, ha affermato che la sua azienda ha rifiutato le richieste di fondi e trader che chiedevano prestiti non garantiti. Ha stimato che i prestiti non garantiti in tutto il settore sono "probabilmente nell'ordine delle centinaia di miliardi di dollari".

RIALZISTA SUI PRESTITI

Mentre Blockchain.com si è ampiamente ritirato dai prestiti non garantiti, molti prestatori di criptovalute rimangono fiduciosi sulla pratica.

La maggior parte degli 11 prestatori intervistati da Reuters ha dichiarato che continuerà a fornire prestiti non garantiti, anche se non ha specificato di quale parte del proprio portafoglio prestiti si tratterà.

Joe Hickey, responsabile globale del trading di BlockFi, uno dei principali prestatori di criptovalute, ha detto che continuerà a offrire prestiti non garantiti solo ai clienti migliori per i quali ha visto i bilanci certificati.

Un terzo dei prestiti da 1,8 miliardi di dollari di BlockFi erano non garantiti al 30 giugno, secondo la società, che è stata salvata dalla borsa di criptovalute FTX a luglio, quando ha citato perdite su un prestito e un aumento dei ritiri dei clienti.

"Credo che il nostro processo di gestione del rischio sia stato una delle cose che ci ha salvato da eventi di credito più grandi", ha detto Hickey.

Inoltre, un numero crescente di piattaforme di prestito peer-to-peer più piccole sta cercando di colmare il vuoto lasciato dall'uscita di operatori centralizzati come Voyager e Celsius.

Sid Powell, co-fondatore e CEO della piattaforma di prestito di criptovalute non garantito Maple, ha detto che i prestatori istituzionali di criptovalute sono stati più cauti dopo l'insolvenza di Three Arrows, ma da allora le condizioni si sono normalizzate e i prestatori sono di nuovo a loro agio nel concedere prestiti non garantiti.

I dirigenti di altri due prestatori peer-to-peer, TrueFi e Atlendis, hanno dichiarato di aver registrato un aumento della domanda, in quanto i market maker continuano a cercare prestiti non garantiti.

Brent Xu, CEO di Umee, un'altra piattaforma peer-to-peer, ha detto che il settore delle criptovalute imparerà dai suoi errori e che i finanziatori faranno meglio estendendo i prestiti a una gamma più diversificata di società di criptovalute.

Ad esempio, questo includerebbe le aziende che cercano di fare acquisizioni o di finanziare l'espansione, ha aggiunto, piuttosto che concentrarsi su quelle che fanno operazioni con leva sui prezzi delle criptovalute.

"Sono molto ottimista sul futuro dei prestiti e dei mutui non garantiti", ha detto Xu.

MILIONI DI DOLLARI DI BITCOIN

Per essere sicuri, molti prestiti in cripto sono garantiti. Anche in questo caso, però, la garanzia è spesso sotto forma di token volatili che possono perdere rapidamente valore.

BlockFi ha sovra-collateralizzato un prestito a Three Arrows, ma ha comunque perso 80 milioni di dollari, come ha detto il CEO del prestatore Zac Prince in un tweet di luglio. BlockFi ha detto che il suo prestito all'hedge fund è stato garantito con un paniere di token cripto e azioni di un trust di bitcoin.

"Un prestatore più tradizionale probabilmente vorrebbe una copertura di garanzia più che completa su un prestito sostenuto da criptovalute, perché in un giorno qualsiasi il valore della garanzia potrebbe oscillare del 20% o più", ha detto Daniel Besikof, partner di Loeb & Loeb che si occupa di fallimenti.

"Prestare un milione di dollari a fronte di un milione di dollari di bitcoin è più rischioso che prestare a fronte di garanzie più tradizionali e stabili".


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
03:46I titoli asiatici rimbalzano in alto grazie ai segnali che i rialzi dei tassi stanno funzionando
MR
03:02Nuova Zelanda : B.centrale alza tassi di 50 p.b. al 3,50%
DJ
02:58L'imbottigliatore australiano Orora esorta il governo a contribuire alla stabilizzazione dei costi energetici
MR
02:46Le azioni australiane sfiorano i massimi di tre settimane grazie alla spinta delle banche e del settore tecnologico
MR
02:39La banca centrale della Corea del Sud prevede che l'inflazione rimarrà elevata per un lungo periodo di tempo
MR
02:34La ripartenza del turismo in Giappone fa sperare nella ripresa del settore dei servizi -PMI
MR
02:28Corea del Sud, Stati Uniti lanciano missili in mare per protestare contro il test 'sconsiderato' della Corea del Nord
MR
02:11Exxon segnala forti guadagni nel terzo trimestre grazie ai prezzi del gas naturale
MR
01:46I futures della media nikkei del giappone salgono dello 0,97% nei primi scambi...
MR
01:33Carl Icahn ha realizzato oggi un profitto di 250 milioni di dollari dopo aver acquistato azioni di Twitter negli ultimi mesi - WSJ
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"