Si prevede che la rupia indiana aprirà in gran parte invariata e si aggirerà intorno al livello di 83,50 in attesa dei dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, che dovrebbero avere un impatto sulle aspettative relative alla decisione della Federal Reserve sui tassi di interesse nel corso dell'anno.

I forward non consegnabili indicano che la rupia aprirà a 83,53-83,56 contro il dollaro USA, rispetto agli 83,5550 di venerdì. I mercati finanziari indiani sono rimasti chiusi lunedì.

La valuta asiatica è stata scambiata in uno stretto intervallo di 10 pence la scorsa settimana. Il persistente acquisto di dollari da parte delle aziende per gli obblighi di debito e per la copertura dei pagamenti a breve termine è stato contrastato dall'intervento della Reserve Bank of India nei contratti a termine non consegnabili, nei contratti a pronti e nei futures sulla valuta.

La rupia ha evitato di scivolare sotto il minimo storico di 83,5750, soprattutto grazie all'intervento della RBI.

"Questo copione si ripeterà in gran parte con 83,50 come punto centrale. Si deve presumere che la RBI non permetterà che 83,5750 venga tolto, mentre i cali (sulla rupia in dollari) rimarranno poco profondi e contenuti", ha detto un trader di valute presso una banca.

"La difesa della RBI sta stimolando piccoli short intraday (sul dollaro). A parte questo, l'attività speculativa è minima".

Nel frattempo, le vendite al dettaglio di maggio negli Stati Uniti sono aumentate dello 0,2% rispetto al mese precedente, secondo i dati che dovrebbero essere pubblicati nel corso della giornata. I dati aiuteranno gli investitori a valutare l'impatto dei tassi di interesse elevati sui consumatori statunitensi. I dati di aprile hanno indicato un leggero indebolimento, segnalando che l'elevato costo dei prestiti potrebbe finalmente avere un impatto sulla spesa al dettaglio degli Stati Uniti.

I mercati cercheranno la conferma che il contesto macro si sta indebolendo dopo i dati di aprile, ha detto ING Bank in una nota.

Una stampa di maggio più debole, che arriverebbe sulla scia del tasso di inflazione statunitense di maggio inferiore alle attese, renderà i trader più fiduciosi sul fatto che la Fed taglierà i tassi quest'anno, probabilmente a settembre.

INDICATORI CHIAVE: ** Rupia forward a un mese non consegnabile a 83,60; premio forward a un mese onshore a 7,5 paise ** Indice del dollaro in rialzo a 105,38 ** Futures sul greggio Brent in calo dello 0,1% a 84,1 dollari al barile ** Rendimento dei titoli decennali statunitensi al 4,27%.

** Secondo i dati di NSDL, gli investitori stranieri hanno acquistato un valore netto di $331,6 milioni di azioni indiane il 13 giugno.

** I dati NSDL mostrano che gli investitori stranieri hanno acquistato un valore netto di 114,8 milioni di dollari di obbligazioni indiane il 13 giugno (Segnalazione di Nimesh Vora; Redazione di Nivedita Bhattacharjee)