L'incendio che ha travolto un complesso di appartamenti nella città spagnola di Valencia, uccidendo almeno 10 persone, ha suscitato paragoni con l'inferno della Grenfell Tower di Londra del 2017 e ha sollevato preoccupazioni sugli standard di sicurezza antincendio e sui materiali di rivestimento.

Ecco cosa sappiamo finora dell'incendio, scoppiato giovedì sera, e dei danni che ha causato.

COME È SCOPPIATO L'INCENDIO?

Le autorità stanno indagando sulle cause dell'incendio e sul punto esatto dell'edificio in cui è scoppiato, ma secondo una sequenza di video postati su X dall'utente @estella_carlos, il balcone dell'angolo sinistro al nono piano della più alta delle due torri era in fiamme alle 17.37 (1637 GMT) di giovedì.

L'incendio si è esteso al balcone sottostante nel giro di due minuti, e altri 11 minuti dopo quasi tutto il lato sinistro dell'edificio e la parte superiore della parte centrale erano in fiamme.

Alle 18.22, l'incendio si è esteso alla torre adiacente più piccola.

PERCHÉ L'INCENDIO SI È PROPAGATO COSÌ RAPIDAMENTE?

Gli esperti affermano che, in base ai video disponibili, una combinazione di forti venti, di tettoie in tela dei balconi e di materiali di rivestimento compositi della facciata ha probabilmente contribuito a innescare l'incendio.

Ivan Cabrera, direttore della Scuola di Architettura dell'Università di Valencia, ha dichiarato all'emittente TVE che, così come l'incendio della Grenfell Tower ha indotto a modificare la legislazione britannica in materia di sicurezza antincendio e ha portato a una ristrutturazione massiccia dei rivestimenti in molte proprietà, lo stesso dovrebbe accadere in Spagna.

L'incendio nella zona ovest di Londra è scoppiato in seguito a un guasto elettrico, ma l'alto numero di morti, 71 persone, è stato in gran parte attribuito all'uso di rivestimenti esterni altamente infiammabili.

QUANTE PERSONE SONO MORTE?

Le autorità spagnole hanno dichiarato che 10 persone sono state confermate morte dopo la prima ispezione visiva all'interno del complesso di appartamenti a Valencia. Un tribunale locale ha aperto un'indagine.

Secondo il sindaco di Valencia, ora tutti sono stati rintracciati.

Un totale di 105 persone che hanno perso le loro case sono state trasferite in alberghi vicini. Più di una dozzina di persone, compresi i vigili del fuoco, sono rimaste ferite nell'incendio.

COSA SAPPIAMO DEL COMPLESSO RESIDENZIALE

Il complesso si trova in una nuova zona residenziale di Valencia, sviluppata negli ultimi due decenni.

Il complesso colpito era composto da due edifici di 14 e 10 piani, collegati da un ascensore panoramico e con una piscina aperta nel cortile. Comprendeva un totale di 138 appartamenti. I due piani inferiori erano locali commerciali, mentre gli appartamenti all'ultimo piano avevano ampie terrazze.

Il costruttore, FBEX, ha costruito l'edificio nel 2008, proprio quando il boom immobiliare spagnolo degli anni 2000 stava per trasformarsi in un fallimento. FBEX è fallita nel 2010 e le banche creditrici hanno venduto la maggior parte degli appartamenti, secondo il quotidiano El Pais. I tentativi di contattare gli ex proprietari non hanno dato risultati.

DOMANDE SUI MATERIALI

Il Comune di Valencia non ha risposto a una richiesta di commento da parte di Reuters sui materiali utilizzati nell'edificio, mentre il Consiglio degli Architetti della città ha dichiarato di conservare solo i registri tecnici degli edifici per 10 anni.

Esther Punchades dell'agenzia di ispezione assicurativa APCAS, che ha valutato in precedenza l'edificio, ha dichiarato all'emittente statale TVE che la mancanza di pareti antincendio e l'uso di poliuretano sotto uno strato di rivestimento in alluminio hanno permesso la propagazione dell'incendio.

Il materiale plastico, ha detto, tende a sciogliersi e a prendere fuoco quando entra in contatto con le fiamme libere, cadendo sui piani inferiori in grandi gocce infuocate e propagando le fiamme verso l'alto.

Tuttavia, l'Associazione spagnola dell'industria del poliuretano rigido ha dichiarato in un comunicato che non c'erano prove che il rivestimento composito contenesse poliuretano, mentre alcuni esperti hanno suggerito che il materiale isolante sotto l'alluminio fosse lana di roccia.