Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Spiegazione: le pillole abortive possono superare i divieti degli Stati Uniti?

24-06-2022 | 23:05
FILE PHOTO: FILE PHOTO: Dr. Shelly Tien hands a patient the initial abortion inducing medication at Trust Women clinic in Oklahoma City

In seguito alla sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti del 24 giugno, che ha eliminato il diritto all'aborto riconosciuto a livello nazionale quasi 50 anni fa nella storica sentenza Roe v. Wade, la domanda di pillole abortive, che possono essere prescritte attraverso visite di telemedicina online, probabilmente aumenterà. Tuttavia, l'aborto farmacologico non offrirà necessariamente un modo alla maggior parte delle donne di evitare i nuovi severi divieti di aborto che si prevede passeranno negli Stati conservatori, dicono gli esperti.

CHE COS'È UN ABORTO FARMACOLOGICO?

In un aborto farmacologico, la paziente assume un farmaco chiamato mifepristone, noto anche come RU-486, seguito da un secondo farmaco chiamato misoprostolo, per interrompere la gravidanza anziché sottoporsi a un intervento chirurgico. Oltre la metà degli aborti negli Stati Uniti sono aborti farmacologici, secondo il Guttmacher Institute, un gruppo di ricerca per la difesa dei diritti dell'aborto.

COME IL GOVERNO FEDERALE REGOLAMENTA GLI ABORTI FARMACOLOGICI?

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato il mifepristone nel 2000, ma fino a poco tempo fa, l'FDA imponeva che le pazienti lo ottenessero presso uno studio medico, una clinica o un ospedale. Dopo aver alleggerito queste restrizioni durante la pandemia COVID-19, a dicembre l'agenzia ha eliminato definitivamente il requisito della dispensazione di persona, consentendo alle pazienti di consultarsi con gli operatori sanitari tramite appuntamenti di telemedicina e di ricevere le pillole per posta. Questo ha aumentato l'accesso all'aborto per le pazienti che vivono in aree remote senza fornitori nelle vicinanze e per le donne che non possono prendersi un periodo di ferie dal lavoro o che non possono raggiungere le cliniche per altri motivi. I farmaci sono approvati per l'uso fino alla 10a settimana di gravidanza.

GLI STATI LIMITANO L'ABORTO FARMACOLOGICO?

Sì. Gli aborti farmacologici sono diventati un bersaglio dei politici e degli attivisti anti-aborto. L'Indiana vieta l'aborto farmacologico a 10 settimane e il Texas dopo sette settimane; altri Stati che vietano l'aborto farmacologico sono stati bloccati dai tribunali.

Trentadue Stati permettono solo ai medici, e non ad altri medici come gli infermieri, di dispensare pillole abortive, secondo il Guttmacher Institute. Diciannove Stati richiedono che il medico dispensatore sia in presenza fisica della paziente, vietando di fatto la telemedicina.

QUAL È L'IMPATTO DELLA SENTENZA DELLA CORTE SUPREMA SULL'ABORTO IN TELEMEDICINA?

Prima della sentenza della Corte Suprema, 13 Stati avevano scritto le cosiddette "leggi grilletto" per imporre nuovi divieti sull'aborto immediatamente o subito dopo l'annullamento della Roe v. Wade, e si prevede che altri Stati li seguiranno dopo la sentenza di venerdì nella causa Dobbs v. Jackson Women's Health.

L'Istituto Guttmacher prevede che almeno 26 Stati, compresi quelli con leggi di attivazione, approveranno nuove leggi sull'aborto. Tali leggi statali finora non hanno distinto tra aborto chirurgico e aborto farmacologico, quindi si prevede che vietino completamente l'aborto farmacologico. Alcuni vietano l'aborto quasi completamente, mentre altri vietano l'aborto a sei settimane o a 15 settimane.

La senatrice statunitense Tina Smith del Minnesota, una democratica, giovedì ha presentato un disegno di legge che garantirebbe la disponibilità dell'aborto in telemedicina negli Stati in cui l'aborto rimane legale, in previsione della sentenza della Corte Suprema.

UNA PAZIENTE IN UNO STATO IN CUI L'ABORTO MEDICO È ILLEGALE PUÒ OTTENERE LE PILLOLE DA UN FORNITORE DI UN ALTRO STATO IN CUI È LEGALE?

Dipende. Secondo gli esperti legali, è illegale che un medico prescriva le pillole tramite un appuntamento di telemedicina a una donna in uno Stato in cui sono illegali.

"Le leggi sulla telemedicina in genere dicono che il luogo in cui si trova il paziente è determinante", ha detto Amanda Allen, consulente senior del Lawyering Project, un'organizzazione che rappresenta i fornitori di aborti. I medici che prescrivono pillole abortive a una paziente in uno Stato in cui sono illegali, potrebbero perdere la loro licenza in quello Stato, o addirittura affrontare accuse penali, ha detto.

Una donna che vive in uno Stato in cui l'aborto è illegale potrebbe recarsi in uno Stato in cui è legale, sottoporsi a una visita di telemedicina e farsi spedire il farmaco a un indirizzo lì.

"In alcuni casi, questo è un po' meno oneroso e costoso rispetto a un viaggio fino a una clinica di proprietà in uno Stato vicino", ha detto, notando che le pazienti che si recano alle cliniche in altri Stati hanno talvolta affrontato attese di settimane per gli appuntamenti.

CI SONO ATTUALMENTE CAUSE LEGALI CHE SFIDANO LE RESTRIZIONI STATALI SULL'ABORTO MEDICO?

Sì. GenBioPro Inc, un'azienda che vende il mifepristone, ha già sfidato le restrizioni del Mississippi sulla prescrizione di pillole abortive tramite telemedicina, sostenendo che sono "preempted" dalla FDA, il che significa che l'approvazione federale del farmaco ha la precedenza su qualsiasi legge statale. Non c'è stata una sentenza in questo caso, che è pendente presso il tribunale federale del Mississippi.

Sfide simili hanno avuto successo in passato. Nel 2014, un giudice federale del Massachusetts ha respinto una legge statale che cercava di regolamentare i farmaci oppioidi in modo più severo rispetto alla legge federale, in quanto era stata esclusa.

Il Procuratore Generale degli Stati Uniti Merrick Garland è apparso a sostegno di questa posizione in una dichiarazione sulla sentenza della Corte Suprema del 24 giugno, affermando che gli Stati "non possono vietare il mifepristone sulla base di un disaccordo con il giudizio degli esperti della FDA sulla sua sicurezza ed efficacia".

Il Mississippi ha sostenuto che l'approvazione della FDA non può superare le sentenze della Corte Suprema che concedono agli Stati l'autorità di regolamentare gli aborti.

LE PAZIENTI POSSONO OTTENERE LE PILLOLE ABORTIVE DA ALTRI PAESI?

Sì. Le donne negli Stati che stanno reprimendo l'aborto in telemedicina si sono rivolte sempre più spesso all'ordinazione di pillole online dall'estero.

Sebbene la pratica non sia legale, le autorità statali hanno dichiarato di non avere un modo efficace per controllare gli ordini di medici e farmacie stranieri.


© MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
14:13ELEZIONI: Lotti, escluso da Letta per rancore e scelta politica
DJ
14:04UCRAINA: nuove esplosioni in Crimea, vicino a base russa Simferopoli
DJ
13:38Le perdite da hacking di criptovalute sono aumentate del 60% a 1,9 miliardi di dollari nel periodo gennaio-luglio -Chainalysis
MR
13:23BCE: colloca 0,82 mld euro Mro allo 0,5%
DJ
13:19DAZN: Codacons, indennizzi immediati e procedure semplici per utenti
DJ
13:13Factbox-L'azione sindacale dei lavoratori del Regno Unito è un'occasione di crisi per il costo della vita
MR
13:08Walmart prevede un calo degli utili più contenuto, mentre gli sconti spingono la domanda
MR
13:03L'Indonesia prevede un investimento di 1,41 miliardi di dollari per la nuova capitale nel 2023 -governo
MR
13:02ESCLUSIVO: la Casa Bianca propone un piano in tre parti per i diritti dell'aborto
MR
13:00Grandi esplosioni scuotono il deposito di munizioni nella Crimea annessa alla Russia
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"