Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

TOP STORIES ITALIA : Confcommercio, -2,5 mln giovani occupati in 20 anni

03-08-2021 | 11:09

ROMA (MF-DJ)--Giovani generazioni sempre piú marginalizzate nel nostro

Paese e con sempre maggiori difficoltá occupazionali. Tra il 2000 e il

2019, infatti, i giovani occupati nella fascia d'etá 15-34 anni sono

diminuiti di 2 milioni e mezzo e, nello stesso periodo, è aumentata la

quota di giovani che non lavorano e non cercano un'occupazione (dal 40% al 50%).

Questi i principali risultati che emergono da un'analisi dell'Ufficio

Studi Confcommercio sulle giovani generazioni in Italia negli ultimi

vent'anni. Ma anche per chi l'impiego ce l'ha, le cose non vanno meglio: tra il 2004-2019, si riducono di oltre un quarto i giovani lavoratori dipendenti (-26,6%) e risultano piú che dimezzati gli indipendenti (-51,4%); dato quest'ultimo che, letto insieme alla contrazione di 156mila imprese giovanili e alla "scomparsa" di 345mila giovani espatriati negli ultimi 10 anni, fa capire bene quanto pesino nel nostro Paese gli ostacoli per i giovani all'iniziativa imprenditoriale.

Un quadro sconfortante, si legge in una nota, confermato, purtroppo, anche dall'analisi comparativa con altri paesi: negli ultimi vent'anni in Germania i giovani occupati sono diminuiti dieci volte di meno (-235mila contro 2,5 mln); i Neet nel nostro Paese (giovani che non studiano, non lavorano e non si formano) fanno segnare un "record" europeo arrivando, prima della pandemia, a 2 milioni, pari al 22% dell'intera popolazione di quella fascia d'etá (in Spagna sono il 15%, in Germania il 7,6%).

E' evidente, continua Confcommercio, che la questione demografica e quella giovanile rischiano di indebolire ulteriormente il Paese, anche

considerando che nel solo 2019, in Italia, circa 245mila ricerche di

lavoro da parte delle imprese sono rimaste senza esito per mancanza di

profili professionali adeguati.

Ad un quadro così problematico una risposta efficace potrá venire

dall'attuazione di quanto è previsto nel Pnrr, che ha come prioritá

trasversali le donne, i giovani ed il Sud, ma per rilanciare

l'imprenditoria giovanile e, in generale, l'occupazione delle giovani

generazioni sicuramente occorrono meno tasse e burocrazia e politiche piú

orientate a ridurre i gap di contesto: microcriminalitá, logistica,

formazione del capitale umano.

Per il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, "il sostegno alle imprese giovanili rende piú robusta, diffusa e duratura la crescita economica. Per questo è fondamentale utilizzare al meglio le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza destinate ai giovani, soprattutto per quanto riguarda formazione, incentivi e semplificazione burocratica. Favorire nel nostro Paese l'imprenditoria giovanile è la risposta piú

efficace alle sfide della competizione internazionale e della

globalizzazione".

liv

(END) Dow Jones Newswires

August 03, 2021 05:08 ET (09:08 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
17:20SALONE STUDENTE: Studio, alunni hanno apprezzato professori in Dad
DJ
17:20DHL: nuovo accordo con sindacati, stabilizzati 100 magazzinieri
DJ
17:20UE: Borrell incontra min.Esteri Pakistan, focus su situazione Afghanistan
DJ
17:18INVESCO: D'Acunti, obiettivo emissioni zero in portafogli entro 2050
DJ
17:11Dow Jones Industrial Average : Borsa Usa rimbalza da recenti perdite; focus su Fed
RE
17:09WALL STREET : rimbalzo in attesa della Fed
DJ
17:09FISCO: governatori della Lega, no a riforma catasto
DJ
16:52DAZN: Paita; ok risoluzione Camera, ora piu' trasparenza
DJ
16:46USA: Biden parlerà oggi con Macron dopo scontro diplomatico
DJ
16:40COPYRIGHT: Agcom, dubbi su istituzione Agenzia diritto d'autore
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"