Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietąMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

TOP STORIES ITALIA : Istat conferma +0,4% m/m inflazione aprile, +1,1% a/a

17-05-2021 | 15:04

ROMA (MF-DJ)--Nel mese di aprile, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettivitá (Nic), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,4% su base mensile e dell'1,1% su base annua (da +0,8% di marzo).

Lo rileva l'Istat confermando la stima preliminare. L'accelerazione tendenziale dell'inflazione si deve essenzialmente ai prezzi dei Beni energetici, la cui crescita passa da +0,4% di marzo a +9,8% a causa sia dei prezzi della componente regolamentata (che invertono la tendenza da -2,2% a +16,8%) sia di quelli della componente non regolamentata (che accelerano da +1,7% a +6,6%); tale dinamica è solo in parte compensata dall'inversione di tendenza dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (da +1,0% a -0,3%) e di quelli dei Servizi relativi ai trasporti (da +2,2% a -0,7%).

L'"inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici decelerano e si portano entrambe a +0,3% (da +0,8% di marzo). L'inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,2% per l'indice generale e a +0,6% per la componente di fondo.

L'aumento congiunturale dell'indice generale è dovuto prevalentemente alla crescita dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (+3,6%), dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+1,4%), degli Energetici non regolamentati e degli Alimentari non lavorati (+1% per entrambi), solo in parte compensata dalla diminuzione dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-1,2%).

I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona amplificano la loro flessione (da -0,1% a -0,7%), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto accelerano (da +0,7% a +1,0%).

L'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) registra un aumento su base mensile dello 0,9% e dell'1,0% su base annua (da +0,6% di marzo), confermando la stima preliminare. L'aumento congiunturale dell'IPCA, piú marcato rispetto a quello del Nic, è spiegato dalla fine dei saldi stagionali prolungatisi anche a marzo e di cui il NIC non tiene conto; i prezzi di Abbigliamento e calzature registrano infatti un aumento congiunturale pari a +5,1% e una flessione meno marcata su base annua (da -0,7% a -0,2%).

L'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, registra un aumento dello 0,4% su base mensile e dell'1,2% su base annua.

Ad aprile, spiega l'Istat, è l'accelerazione dei prezzi dei Beni energetici a trainare l'ulteriore crescita dell'inflazione. Questa accelerazione è dovuta, però, in buona misura, al confronto con aprile 2020, quando i prezzi di questa tipologia di prodotti, anche a causa dell'emergenza sanitaria, avevano subito una diminuzione marcata rispetto al mese precedente. L'inflazione al netto degli energetici scende quindi a +0,3%, valore prossimo a quello di settembre 2020 (+0,2%, ma con un'inflazione generale negativa e pari a -0,6%) e, nello stesso tempo, i prezzi del cosiddetto "carrello della spesa" ampliano la loro flessione (-0,7%), portandosi a livelli che non si registravano da agosto 1997 (quando diminuirono su base annua dello 0,8%).

"Prosegue l'effetto beni energetici, con una stangata per benzina, gasolio, luce e gas", afferma Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori. "Non solo salgono con rialzi record su base annua, +24,5% per l'energia elettrica del mercato tutelato, solo in parte giustificato dal fatto che nell'aprile 2020 si era in piena emergenza sanitaria, ma anche i rincari mensili sono intollerabili: luce mercato tutelato +3,6%, gas +3,5%, benzina +1,3%, gasolio per auto +0,9%, luce mercato libero +1%. Unica consolazione che scendono, anche se solo dello 0,7%, i prezzi del carrello della spesa, facendo risparmiare qualche centesimo alla casalinga di Voghera".

"Per una coppia con due figli, la famiglia tradizionale di una volta, se l'inflazione a +1,1% significa un aumento del costo della vita pari a 360 euro su base annua, 186 per la sola voce Abitazione, acqua ed elettricitá (+5%), 157 euro per il Trasporti (+2,9%), il calo dei prezzi della spesa di tutti i giorni dello 0,7% fa risparmiare 31 euro. Per una coppia con 1 figlio, la tipologia di nucleo familiare ora piú diffusa in Italia, la maggior spesa annua è pari a 343 euro, 186 per l'abitazione, 136 per i trasporti, mentre per i beni alimentari, per la cura della casa e della persona la riduzione è pari a 28 euro, per una famiglia media se il rialzo complessivo è di 292 euro, per il carrello si guadagnano 23 euro, non è molto, ma meglio di niente", conclude.

pev

eva.palumbo@mfdowjones.it

(END) Dow Jones Newswires

May 17, 2021 09:03 ET (13:03 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
19:33CDP: CCXI conferma rating AAA
DJ
19:28STUDI LEGALI: Herbert Smith Freehills con C&M Book Logistics per data protection
DJ
19:28ZENITH SERVICE: in 1* cartolarizzazione crediti commerciali RiverRock
DJ
19:28STUDI LEGALI: Legislab con Maxizoo in apertura nuovo pet shop Torino
DJ
19:28HOWDEN: apre in Italia con acquisizione Andrea Scagliarini SpA
DJ
19:27FIRST C.: Nav al 30 giugno a 77,6 mln euro, massimo storico
DJ
19:18GIUSTIZIA: Gelmini; bene sintesi, è riforma garantista
DJ
19:15GIUSTIZIA: Conte; lavori in corso, contribuito a migliorare riforma
DJ
19:01AUTO: Uilm, con elettrico a rischio 30% posti lavoro
DJ
19:01AUTOMOTIVE: Pichetto, transizione green sia sostenibile
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"