Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

TOP STORIES ITALIA: azionario corre con inflazione Usa inferiore a stime

10-08-2022 | 18:01

MILANO (MF-DJ)--L'inflazione americana cresce meno delle attese e i listini europei festeggiano con Piazza Affari che a fine giornata registra un progresso di quasi l'1%.

Bene anche i listini Usa con gli operatori che sperano in un atteggiamento meno aggressivo della Fed dopo queste indicazioni migliori del previsto.

In una giornata dominata dai dati macro relativi ai prezzi in diverse zone del mondo, è stato proprio il dato pubblicato oggi pomeriggio negli Usa ad accendere l'azionario dopo una mattinata sulla paritá. In particolare, l'inflazione negli Stati Uniti è rimasta invariata a livello mensile ed è cresciuta dell'8,5% su base annuale a luglio, rispetto al +0,3% m/m e al +8,9% a/a attesi dal consensus.

L'indice dei prezzi al consumo core, attentamente monitorato dalla Fed, è salito dello 0,3% a livello congiunturale ed è aumentato del 5,9% a/a (+0,5% m/m e +6,1% a/a il consenso).

Secondo Paolo Zanghieri, Senior Economist di Generali Investments, però "i prezzi dell'energia e delle materie prime rimangono i driver chiave dell'inflazione, quindi l'allentamento dell'indice dei prezzi al consumo negli Usa - mentre riduce i timori di mosse troppo aggressive da parte della Fed - non rappresenta un punto di svolta per la politica monetaria. La decelerazione del tasso core è un'indicazione provvisoria che potremmo essere vicini al picco dell'inflazione, ma gli affitti continuano ad aumentare a un ritmo molto sostenuto e ci vorrà del tempo prima che il raffreddamento dei prezzi delle case influisca su questa componente chiave del paniere dei consumi. Quindi la discesa a un tasso di inflazione ragionevole richiederà mesi".

Nonostante queste notizie moderatamente buone, prosegue l'esperto, "il compito per la Fed rimane molto difficile: gli ottimi numeri occupazionali della scorsa settimana e i continui segnali di crescita salariale mostrano che il mercato del lavoro rimane estremamente positivo. I progressi limitati e incerti sul fronte dell'inflazione visibili nei dati appena pubblicati non sono sufficienti perché la Fed si muova verso un ritmo di normalizzazione molto meno aggressivo. Il nostro scenario di base rimane un aumento di 50 pb a settembre, con un certo rischio che si ripeta il rialzo di 75 pb registrato a luglio".

Prima del dato americano, erano arrivate altre indicazioni - anche in questo caso non così negative - da Cina, Germania e Italia.

In Germania, infatti, l'inflazione a luglio è cresciuta dello 0,9% m/m, in linea alle attese degli analisti, mentre in Cina l'inflazione è salita sui massimi da due anni a luglio, spinta dall'impennata dei prezzi della carne di maiale, ma il dato è stato inferiore alle previsioni.

Nel dettaglio l'indice dei prezzi al consumo cinese è cresciuto del 2,7% a livello annuale a luglio, rispetto all'incremento del 2,5% a/a di giugno. Si tratta della lettura piú alta dal luglio del 2020. Il dato è comunque al di sotto del consenso.

In Italia, infine, a luglio i prezzi al consumo hanno registrato un aumento dello 0,4% su base mensile e del 7,9% su base annua (da +8% del mese precedente).

fus


(END) Dow Jones Newswires

August 10, 2022 12:00 ET (16:00 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ASSICURAZIONI GENERALI S.P.A. -2.50%14.43 Prezzo in differita.-22.54%
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -0.44%0.65004 Prezzo in differita.-10.08%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) -1.51%1.06248 Prezzo in differita.-19.80%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.30%0.7334 Prezzo in differita.-7.03%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) -0.32%0.965 Prezzo in differita.-14.81%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) -0.39%0.01226 Prezzo in differita.-8.35%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -0.17%0.5728 Prezzo in differita.-15.97%
Ultime notizie "Economia & Forex"
08:41PA: Compensi enti pubblici parametrati al bilancio (IO)
DJ
08:39GCash, altri portafogli elettronici asiatici si espandono in Corea del Sud con Alipay+ di Ant.
MR
08:39GAS: apertura in calo, ad Amsterdam scende a 183 euro
AW
08:39PETROLIO UE: scende a 83,75 usd, su minimi intraday di gennaio
DJ
08:34LDC ha raggiunto un accordo per l'acquisto di Emerald Grain di Longriver Farms
MR
08:33L'umore dei produttori giapponesi del terzo trimestre è visto più solido, le prospettive piatte nel tankan della BOJ
MR
08:31LXi REIT rinuncia a un accordo per l'acquisto dei negozi Sainsbury
MR
08:30Il Primo Ministro francese afferma, a proposito delle elezioni italiane, che l'UE ha determinati valori da sostenere.
MR
08:29FISCO: Versamenti previdenziali trasparenti (IO)
DJ
08:27SOCIETÀ: personalità giuridica anche senza un capitale minimo (IO)
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"