Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Usa : Camera accusa Steve Bannon di oltraggio al Congresso

22-10-2021 | 12:27

MILANO (MF-DJ)--La Camera statunitense ha votato a favore dell'accusa di oltraggio al Congresso per l'ex stratega di Trump, Steve Bannon, per non aver rispettato un mandato di comparizione emesso dalla Commissione ristretta che indaga sull'attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

La risoluzione è stata approvata in gran parte lungo le linee del partito nella Camera controllata dai democratici, con 229 voti a favore e 202 contrari. Il caso passa ora al dipartimento di Giustizia per un possibile procedimento penale. L'oltraggio al Congresso è un reato che può comportare una multa e una pena detentiva fino a 12 mesi.

Il dipartimento di Giustizia ha rifiutato finora di agire su altri rinvii per oltraggio negli ultimi anni, ma ha segnalato si essere aperto al processo a determinate condizioni. Nella testimonianza di ieri davanti alla Commissione Giustizia della Camera, il procuratore generale statunitense, Merrick Garland, ha offerto pochi indizi su come i pubblici ministeri avrebbero gestito un eventuale rinvio alla Camera sul caso Bannon.

"Se la Camera dei Rappresentanti voterà per un rinvio con l'accusa di oltraggio, il dipartimento di Giustizia farà ciò che fa sempre in tali circostanze. Applicherà i fatti e la legge e prenderà una decisione coerente con i principi dell'accusa", ha detto Garland.

Il presidente Usa, Joe Biden, ha suscitato scalpore la scorsa settimana quando gli è stato chiesto se pensava che il dipartimento di Giustizia dovesse perseguire coloro che si rifiutano di rispettare le citazioni in giudizio. Il presidente ha risposto "sì, sì".

Un'ora dopo i suoi commenti, il portavoce di Garland ha affermato che il dipartimento avrebbe preso "le proprie decisioni in modo indipendente in tutti i procedimenti penali, basandosi esclusivamente sui fatti e sulla legge. Punto".

Ieri sera durante un dibattito ospitato dalla Cnn, Biden ha affermato che non era appropriato che lui dicesse se il dipartimento di Giustizia avrebbe dovuto perseguire coloro che si rifiutano di rispettare le citazioni in giudizio della Commissione ristretta.

"Avrei dovuto scegliere le mie parole in modo più saggio. Non l'ho fatto e non prenderò il telefono e chiamerò il procuratore generale per dirgli chi perseguire", ha detto Biden. Il presidente ha affermato che pensa che coloro che si rifiutano di rispettare le citazioni in giudizio dovrebbero essere ritenuti responsabili ma ha spiegato che non sarebbe dovuto andare oltre.

La Commissione ristretta sul 6 gennaio sta indagando sulle cause e sulle circostanze dell'assalto al Campidoglio, quando una folla di sostenitori dell'allora presidente, Donald Trump, ha invaso l'edificio, interrompendo temporaneamente la certificazione della vittoria elettorale di Biden. La rabbia e la sfiducia che ribollono a Capitol Hill da quel giorno si sono trasformate in aperta ostilità all'interno della Camera all'inizio del voto.

La deputata, Marjorie Taylor Greene, un lealista di Trump, ha gridato contro il deputato Dem, Jamie Raskin, e la collega repubblicana, Liz Cheney. Ha affrontato Raskin, chiedendogli perché non gli importava del popolo americano e poi si è scagliata contro Cheney, una schietta critica di Trump e vicepresidente del panel del 6 gennaio dicendo che "sei finita, il tuo partito ti ha rifiutato".

I nove repubblicani che hanno rotto con il loro partito per votare a favore dell'accusa di Bannon sono stati Cheney e Adam Kinzinger dell'Illinois, l'altro membro repubblicano del panel sul 6 gennaio, insieme ai deputati Fred Upton del Michigan, Peter Meijer del Michigan, Anthony Gonzalez dell'Ohio, John Katko di New York, Nancy Mace della Carolina del Sud, Brian Fitzpatrick della Pennsylvania e Jaime Herrera Beutler dello Stato di Washington. "Nessuno è al di sopra della legge. Questo è sempre stato uno dei miei principi guida", ha detto Upton in una dichiarazione in cui ha spiegato il suo voto.

Il panel sul 6 gennaio ha chiesto la testimonianza di Bannon sulla base delle notizie secondo cui aveva incoraggiato l'ex presidente Donald Trump e i membri del Congresso a bloccare la certificazione delle elezioni presidenziali del 2020.

L'avvocato di Bannon, Robert J. Costello, ha sostenuto che Bannon non potesse rispondere alla citazione del panel a causa del privilegio esecutivo sostenuto da Trump.

I democratici hanno ribattuto che Trump non ha ancora fatto ricorso a tale privilegio di fronte alla Commissione aggiungendo che, anche se lo avesse fatto, le conversazioni di Bannon con l'ex presidente non sono privilegiate perché era un privato cittadino all'epoca oggetto della citazione in giudizio e non lavorava come funzionario del Governo. Sebbene Bannon sia stato consigliere della Casa Bianca all'inizio dell'amministrazione Trump, l'ex presidente lo ha estromesso dalla Casa Bianca nell'agosto 2017.

Opponendosi alla risoluzione, i repubblicani hanno sostenuto che il mandato di comparizione e il lavoro del panel non sono illegittimi. Il leader della minoranza alla Camera, Kevin McCarthy, ha detto prima del voto che la citazione non era valida ed era politicamente motivata e che i leader del partito esortavano i membri del loro caucus a votare no. "Ha il diritto di andare in tribunale per vedere se ha il privilegio esecutivo o meno", ha detto McCarthy di Bannon, aggiungendo che "questa Commissione non gli permette nemmeno di andare in tribunale".

Il panel è stato istituito a giugno, sempre con un voto in gran parte di partito, dopo che i leader repubblicani del Congresso e Trump si sono opposti alla creazione di una commissione indipendente bipartisan. Trump è stato messo sotto accusa dalla Camera a gennaio per aver incitato all'insurrezione ed è stato assolto al Senato a febbraio. Gli unici due deputati del partito repubblicano che hanno votato a favore della creazione della Commissione a giugno sono stati Cheney e Kinzinger.

Trump ha intentato causa alla Corte federale lunedì per impedire che i documenti del suo periodo alla Casa Bianca venissero consegnati al panel, sostenendo che le richieste del panel erano improprie e che i documenti contenevano materiale privilegiato.

L'amministrazione Biden ha affermato che non c'è motivo di invocare il privilegio esecutivo per proteggere i documenti e che trattenerli non sarebbe nell'interesse pubblico. Nel dibattito in aula prima del voto di ieri il deputato repubblicano, Jim Banks, ha accusato il gruppo di condurre un'indagine penale illecita. "Steve Bannon era un privato cittadino prima, dopo e durante il 6 gennaio. Allora perché il panel ristretto è interessato a Steve Bannon? E' semplice, è un critico del partito democratico. Stanno abusando del loro potere per metterlo in prigione", ha detto.

Il deputato Dem, Jim McGovern, ha avvertito che i repubblicani stanno minimizzando la minaccia posta alla democrazia americana, aggiungendo che il pericolo non è terminato dopo il 6 gennaio facendo riferimento alla dichiarazione di Trump, pubblicata ieri prima del voto, come prova del fatto che l'ex presidente continua a minare le istituzioni democratiche e a seminare dubbi nel processo elettorale.

"L'insurrezione ha avuto luogo il 3 novembre, il giorno delle elezioni. Il 6 gennaio c'è stata la protesta" ha detto Trump nella dichiarazione. "Sta facendo a pezzi questo Paese e il silenzio dall'altra parte lo sta aiutando nel suo tentativo", ha affermato McGovern.

cos

(END) Dow Jones Newswires

October 22, 2021 06:26 ET (10:26 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
07:17DEUTSCHE BANK AG: cambio di rotta da parte di JP Morgan
MD
06:49Le azioni indiane scivolano sulle preoccupazioni della variante Omicron
MR
05:03Le morti giornaliere di covid-19 dell'india aumentano di 211, il totale dei morti raggiunge i 473.537 - ministero della salute
MR
05:03I casi totali di covid-19 in india raggiungono i 34,64 mln - ministero della salute
MR
02:30MUKESH AMBANI: I venditori indiani minacciano interruzioni di fornitura per protestare contro Reliance
MR
05/12Bukele aumenta la scommessa di El Salvador sul bitcoin scorrevole; compra altre 150 monete
MR
05/12Bitcoin scende del 9,2% a 48.782 dollari
MR
04/12Bitcoin scende dell'8,4% a 49.228,82 dollari
MR
04/12Bitcoin crolla del 9,95% a 48.397,56 dollari
MR
04/12Bitcoin crolla di un quinto
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"