Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Usa : approvano quasi tutte le esportazioni di tecnologia in Cina

16-08-2022 | 14:23

MILANO (MF-DJ)--Gli Stati Uniti hanno identificato l'intensificarsi della concorrenza tecnologica con la Cina come una delle principali minacce alla sicurezza nazionale. Il dipartimento del Commercio ha però approvato quasi tutte le richieste per l'esportazione delle tecnologie statunitensi nel Paese, facendo registrare un aumento delle vendite, secondo un'analisi dei dati commerciali.

Dei 125 miliardi di dollari totali di esportazioni verso la Cina nel 2020, i funzionari hanno richiesto una licenza per meno di mezzo punto percentuale, mostrano i dati del dipartimento del Commercio. Di questa frazione, l'agenzia ha approvato il 94% (ovvero 2.652) delle domande per l'esportazione di tecnologia in Cina.

Il risultato è che gli Stati Uniti continuano a inviare in Cina una serie di semiconduttori, componenti aerospaziali, tecnologia di intelligenza artificiale e altri articoli che potrebbero essere utilizzati per promuovere gli interessi militari di Pechino.

Il dipartimento del Commercio ha detto di concentrarsi sulla concorrenza strategica a lungo termine con la Cina e di prendere decisioni sul controllo delle esportazioni con i suoi partner nei dipartimenti della Difesa, di Stato e dell'Energia.

I critici affermano che i funzionari del commercio stanno dando in modo improprio la priorità agli interessi commerciali degli Stati Uniti rispetto alla sicurezza nazionale e che è necessario un urgente rinnovamento normativo per rispondere alla minaccia di Pechino. Per Steve Coonen, l'ex principale analista del controllo delle esportazioni cinesi del Pentagono, l'alto tasso di approvazione delle licenze per vendere tecnologia a potenziale uso militare è la prova di un significativo fallimento politico. "Non ho problemi a commerciare con la Cina", ha detto ai colleghi in un'e-mail del settembre 2021 dopo aver rassegnato le dimissioni, sottolineando che "ho un grosso problema con il fornire armi alla Cina".

Il processo per il controllo delle esportazioni degli Stati Uniti è ora al centro di un dibattito su quanto gli Stati Uniti dovrebbero continuare a commerciare con il loro avversario più potente, hanno affermato decine di attuali ed ex funzionari statunitensi in un'intervista al Wall Street Journal. "Credo che la Cina sia la più grande minaccia che dobbiamo affrontare", ha affermato Mira Ricardel, ex funzionaria del Commercio dell'amministrazione Trump responsabile dei controlli sulle esportazioni. "Quello che non abbiamo è un consenso nel governo degli Stati Uniti su quale dovrebbe essere la relazione economicamente. Ci sono persone che dicono 'no, no, no, non possiamo inviare nulla alla Cina', ma questa non è la politica", ha detto, riferendosi alle esportazioni di tecnologia.

Alcuni avvertono che restrizioni più severe sulle vendite di tecnologia da parte degli Stati Uniti alla Cina si ritorcerebbero contro perché alleati come Germania, Giappone e Corea del Sud interverrebbero per colmare il vuoto lasciato. Affinché le restrizioni alle esportazioni siano efficaci, "abbiamo bisogno che i nostri alleati abbiano gli stessi controlli", ha affermato Kevin Wolf, un alto funzionario del Commercio durante l'amministrazione Obama a Capitol Hill l'anno scorso. "E' così semplice e logico", ha aggiunto.

Tale coordinamento, tuttavia, potrebbe richiedere anni, e altri sostengono che la politica ufficiale cinese di fusione tra sfera militare e civile richieda una risposta immediata, perché ha reso impossibile per gli Stati Uniti garantire che la tecnologia trasferita in Cina non finisca nelle mani dei militari.

Alcuni mettono in dubbio il ruolo del dipartimento del Commercio sulla questione. Matt Pottinger, vice consigliere per la Sicurezza nazionale dell'ex presidente Usa Donald Trump, ha affermato che l'unità di controllo delle esportazioni dell'agenzia, chiamata Bureau of Industry (Bri) and Security, "ha lottato per conciliare la sua missione di proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti con l'obiettivo del dipartimento del Commercio di promuovere le esportazioni statunitensi".

Alla fine del 2019 Pottinger ha riunito i funzionari della Bri per una riunione speciale nella Situation Room della Casa Bianca e li ha accusati di lavorare contro la politica dell'amministrazione sulla Cina a favore degli aiuti alle imprese statunitensi, secondo persone che hanno familiarità con la questione.

cos


(END) Dow Jones Newswires

August 16, 2022 08:22 ET (12:22 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
17:42Bce: Visco; prudenza in ritmo rialzi tassi, decidere riunione dopo riunione
DJ
17:40Pil: Upb valida stime Nadef, rischi da stop gas russo e attuazione Pnrr
DJ
17:38Bce: Visco, non ha ritardato riequilibrio politica monetaria
DJ
17:36It Way : perdita netta 1* sem migliora a 0,3 mln (0,48 mln 1* sem 21)
DJ
17:36Bce: Visco, ipotizzare che segua ciecamente Fed potrebbe essere grave errore
DJ
17:36BOND : spread Btp/Bund chiude in contrazione di 5,85 punti base a 238,858 pb
DJ
17:34Dba G. : perdita 1* sem migliora a 0,3 mln (-2,2 mln al 30/6/21)
DJ
17:31Europa corre nel finale di seduta, Milano +1,6%
AW
17:28Terzo valico : assolti Salini (Webuild) e Incalza in processo appalti
DJ
17:19Gas: i numeri di oggi, importati in Italia 2.006 GWh
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"