Si prevede che le decisioni delle banche centrali di Gran Bretagna, Svizzera e Norvegia forniranno ulteriori prove del fatto che la corsa al taglio dei tassi a livello globale sta rallentando, mentre i dati sulle vendite al dettaglio di Stati Uniti e Cina forniranno un controllo sulla salute dei consumatori.

Una crisi dell'offerta mette sotto i riflettori i mercati del cacao e l'Europa si prepara ad un'estate di sport con il torneo Euro 2024 che prenderà il via in Germania.

Ecco il resoconto della settimana che ci attende sui mercati mondiali da Lewis Krauskopf a New York, Rae Wee a Singapore e Dhara Ranasinghe, Marc Jones e Karin Strohecker a Londra.

1/ GRANDE GIORNATA FUORI

Gran Bretagna, Svizzera e Norvegia tengono riunioni delle banche centrali giovedì.

La Banca d'Inghilterra probabilmente spegnerà le speranze del partito conservatore al potere di un taglio dei tassi prima delle elezioni del 4 luglio. I mercati ora si aspettano un allentamento più tardi che presto, valutando una probabilità del 40% circa di una mossa di un quarto di punto ad agosto e una probabilità del 70% a settembre, con l'inflazione dei salari e dei servizi appiccicata.

La Banca Nazionale Svizzera ha dato il via ai tagli dei tassi a marzo. Un altro taglio giovedì è visto come 50-50 dopo l'inflazione stabile di marzo. La Norvegia, che non ha fretta di tagliare i tassi con un'inflazione core intorno al 4%, rilascia nuove proiezioni economiche. La banca centrale australiana si riunisce martedì e si prevede che non si allenterà per qualche tempo.

Dopo la corsa al rialzo dei tassi in seguito all'impennata dell'inflazione, il movimento globale verso i tagli procede a rilento.

2/ RAPPORTO SULLE VENDITE

Gli investitori che cercano di capire la forza dell'economia statunitense - e la tempistica dei tagli dei tassi della Federal Reserve, che ora non sono previsti prima di settembre - analizzeranno i numeri delle vendite al dettaglio mensili del 18 giugno.

Si prevede che le vendite al dettaglio siano aumentate dello 0,3% a maggio, secondo un sondaggio Reuters tra gli economisti, dopo essere state inaspettatamente piatte ad aprile.

La spesa dei consumatori è un'area di attenzione per Wall Street, in quanto gli investitori cercano di valutare l'impatto dell'aumento dei tassi di interesse sull'economia. I dati dell'inizio del mese hanno mostrato che l'economia statunitense ha creato molti più posti di lavoro del previsto a maggio e che la crescita annuale dei salari è aumentata di nuovo.

Tuttavia, i dati recenti hanno mostrato che i prezzi al consumo degli Stati Uniti sono rimasti fermi a maggio, in quanto i prezzi più bassi della benzina e di altri beni hanno compensato i costi più elevati degli alloggi in affitto.

3/ SPERANZE CHE SI AFFIEVOLISCONO

Gli investitori sono in disparte in attesa di una ripresa più robusta in Cina, in particolare con il settore immobiliare assediato che continua a gettare una nuvola scura sulle prospettive di crescita.

Lunedì sono attesi i dati sui prezzi delle case in Cina, la prima pubblicazione di questo tipo dopo che Pechino ha annunciato passi "storici" per stabilizzare il mercato immobiliare il mese scorso, anche se finora con effetti limitati. Sono previsti anche i dati sulla produzione industriale di maggio, sul tasso di disoccupazione urbana e sulle vendite al dettaglio, con la speranza che quest'ultimo possa indicare una ripresa più forte dopo la delusione di aprile.

Tuttavia, i dati recenti continuano a sottolineare la necessità di ulteriori stimoli da parte dei responsabili politici, con la decisione sul tasso di prestito prime prevista per giovedì.

L'inasprimento delle relazioni commerciali si aggiunge ai problemi, con l'Europa che potrebbe imporre dazi aggiuntivi sulle auto elettriche cinesi importate.

4/ DOLCE AMARO

I prezzi del cacao sono tornati al di sopra dello spartiacque dei 10.000 dollari per tonnellata e si stanno avvicinando ai massimi storici, mentre la crisi di approvvigionamento dell'industria del cioccolato si aggrava a causa della carenza di forniture globali dovuta al clima avverso, al cronico sottoinvestimento nelle piantagioni di cacao e alla speculazione degli investitori.

Il primo produttore, la Costa d'Avorio, ha bloccato le esportazioni di cacao per il mese di giugno e le vendite anticipate per la prossima stagione nei giorni scorsi. Il numero due, il Ghana, sta cercando di ritardare la consegna di fino a 350.000 tonnellate di semi per la prossima stagione, a causa dei cattivi raccolti.

Il prezzo del cacao è più che raddoppiato quest'anno e ora è più costoso di molti metalli. I produttori di cioccolato stanno scaricando l'onere sui consumatori o modificando i loro prodotti. La produzione fresca proveniente da Paesi al di fuori dell'Africa, come il Brasile e l'Ecuador, richiederà tempo per arrivare sul mercato.

5/ INIZIO DEL CICLO DI VITA

Il Campionato Europeo di Calcio UEFA prenderà il via venerdì a Monaco di Baviera e con 24 squadre che disputeranno 51 partite in 22 giorni, non saranno solo Cristiano Ronaldo, Kylian Mbappe e Harry Kane a sperare di fare grandi risultati in Germania.

Le birrerie e le aziende tedesche sperano che i tifosi bevano di più e acquistino una grande TV. Berlino vuole che il torneo dia alla sua economia appesantita lo stesso tipo di spinta che ha avuto la frizzante Coppa del Mondo del 2006.

I produttori di kit sono all'avanguardia: quasi due terzi delle squadre sono sponsorizzate da Nike e Adidas, comprese le due grandi favorite Inghilterra e Francia, oltre alla Germania, padrona di casa. Gli accordi per i kit di Francia, Germania e Inghilterra valgono da soli oltre 150 milioni di dollari.

Ecco alcune statistiche da considerare: Ben 330 milioni di persone hanno guardato la finale Italia-Inghilterra del 2020 - più del doppio di quelle che hanno guardato il Super Bowl.