Il Quadro Economico Indo-Pacifico guidato dagli Stati Uniti terrà una riunione ministeriale questa settimana a Singapore, con la partecipazione di importanti aziende che si uniranno ad un forum di investitori "Clean Economy" per incrementare gli investimenti in infrastrutture e clima in tutta la regione.

Si tratta della prima sessione ministeriale IPEF di persona dopo la sostanziale conclusione dei negoziati per l'Accordo IPEF sull'Economia Pulita e l'Accordo sull'Economia Equa a novembre a San Francisco.

Il Segretario al Commercio degli Stati Uniti, Gina Raimondo, ha dichiarato che i Paesi hanno in programma di delineare i passi da compiere nell'ambito di ciascuno degli accordi questa settimana.

"Finalizzeremo tutti questi accordi durante la ministeriale", ha detto Raimondo. Sono attesi ulteriori annunci su un accordo di catena di approvvigionamento, ha detto.

Il Forum degli Investitori dell'Economia Pulita dell'IPEF comprende 22 grandi aziende statunitensi come Amazon.com's AWS Bechtel, Alphabet's Google, Microsoft, BlackRock, Bechtel, Citi, Goldman Sachs, JPMorgan, Morgan Stanley e KKR. Raimondo ha detto che al forum saranno presenti anche importanti investitori australiani e giapponesi.

"Gli accordi tra governi sono ottimi", ha detto Raimondo. "Ma onestamente è tempo di implementare, di mettere dei punti sulla lavagna. ... Speriamo di iniziare a fare accordi e investimenti nell'economia pulita nei Paesi dell'IPEF".

Raimondo ha detto che ogni Paese ha presentato i suoi migliori progetti di economia pulita "e poi avremo sessioni di matchmaking al forum degli investitori". Raimondo ha detto che i progetti includono la generazione di energia rinnovabile come il solare e l'eolico, la trasmissione di energia e altri progetti di infrastrutture, trasporti e mobilità.

Ha detto che spera che nei prossimi mesi il forum porti a investimenti multimiliardari in luoghi come la Tailandia e la Malesia.

"Stanno cercando di attrarre investimenti nelle loro infrastrutture legate al clima", ha detto Raimondo. "Questi Paesi vogliono raggiungere i loro obiettivi climatici e costruire le loro infrastrutture, ma hanno bisogno di capitali ed è questo che noi porteremo nell'equazione".

L'accordo "Fair Economy" mira a combattere la corruzione e l'evasione fiscale. Si prevede che questa settimana i Paesi dettaglieranno gli impegni anticorruzione e le misure di trasparenza fiscale.

"Permette a tutto il resto di funzionare", ha aggiunto Raimondo.

I Paesi che partecipano all'IPEF sono Australia, Brunei, Figi, India, Indonesia, Giappone, Corea del Sud, Malesia, Nuova Zelanda, Filippine, Singapore, Thailandia, Vietnam e Stati Uniti.