(Alliance News) - Martedì i principali indici europei aprono in lieve rialzo e recuperano le perdite di lunedì, mentre gli operatori si focalizzano sulle prospettive di politica monetaria e sulla decisione della Fed di domani.

Così, il Mib apre in verde frazionale a 34.561,80, il Mid-Cap avanza dello 0,1% a 48.160,41, lo Small-Cap è in parità a 29.281,26 mentre l'Italia Growth è in rosso dello 0,2% a 8.181,40.

In Europa, il FTSE 100 di Londra è in verde dello 0,2%, il CAC 40 di Parigi avanza dello 0,1% come il DAX 40 di Francoforte.

Sul Mib, Poste Italiane sale dello 0,7%. La società ha fatto sapere lunedì di aver acquistato in giornata 235.297 azioni proprie al prezzo medio unitario di EUR12,722558, per un controvalore complessivo di EUR3,0 milioni.

Poste ha così concluso una prima tranche del programma di acquisto di azioni proprie, attuato nell'ambito dell'autorizzazione deliberata dall'assemblea degli azionisti del 31 maggio 2024.

In cima al listino ci sono Amplifon e Iveco Group, in rialzo dell'1,8% e dell'1,3% rispettivamente.

In coda, invece, finiscono Banco BPM, Banca Monte dei Paschi di Siena e Unipol, in rosso del 2,3% e dell'1,1%.

Sul segmento cadetto, The Italian Sea Group si prende la vetta con un rialzo del 3,3%. La società ha fatto sapere che il consiglio di amministrazione ha deliberato di cooptare Simona Del Re, nominandola presidente della società sino alla prossima assemblea dei azionisti.

SAES Getters è flat a EUR27,70. SGG Holding ha comunicato di aver alzato l'offerta sulle azioni di SAES Getters nell'ambito dell'offerta pubblica d'acquisto lanciata lo scorso mese.

Il nuovo corrispettivo dell'OPA è di EUR28,00, in aumento rispetto a EUR26,30 per azione offerto in precedenza.

Iren cede lo 0,6%. La società ha fatto sapere lunedì di aver firmato, insieme a Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa un finanziamento in formato green di tipo Public Finance Facility per un ammontare di EUR80 milioni, utilizzabili in più tranche con una durata fino a 16 anni, che servirà a finanziare parte del piano di investimenti nelle infrastrutture idriche di Iren nelle province di Genova e La Spezia.

Sullo Small-Cap, Greenthesis - flat a EUR2,24 - ha comunicato lunedì che il raggruppamento temporaneo di imprese di cui è capogruppo con una quota pari a circa il 40%, ha sottoscritto un contratto con Invitalia Spa per un progetto complessivo di circa EUR269 milioni.

Del raggruppamento temporaneo di imprese fanno parte anche Eni Rewind Spa, Sirai Srl, Vianini Lavori Spa, Semataf Srl e Consorzio Stabile Grandi Lavori Scrl.

doValue, in verde dello 0,7%, ha comunicato martedì che l'Alta Corte di Giustizia di Madrid si è pronunciata a suo favore, respingendo il tentativo di Altamira Asset Management Holding SL di annullare una precedente decisione che le imponeva di effettuare un pagamento a favore di doValue relativo a un tax claim.

Grazie a questa decisione, il gruppo doValue registrerà un provento finanziario di EUR22,7 milioni, si legge nella nota della società, che avrà un impatto positivo sull'utile netto del primo semestre di circa EUR0,28 per azione

Piquadro - su del 2,2% - ha approvato lunedì il progetto di bilancio relativo all'esercizio che va dall'1 aprile 2023 al 31 marzo 2024 e il bilancio consolidato al 31 marzo 2024, riportando un utile in crescita del 62% a EUR10,5 milioni da EUR6,5 milioni dell'anno precedente. I ricavi ammontano a EUR185,5 milioni in aumento da EUR177,6 milioni dell'anno prima.

Fra le PMI, SolidWorld Group cede l'8,9%. La società ha comunicato lunedì in serata che il consiglio di amministrazione ha deliberato un aumento di capitale sociale mediante emissione di massime 811.250 nuove azioni ordinarie a EUREUR2,8 l'una e massimi EUR2,3 milioni.

Planetel cede lo 0,8%. La società ha comunicato lunedì di aver avviato il programma di buyback da EUR1,8 milioni.

Il piano avrà durata massima di 18 mesi e, per lo svolgimento dello stesso, è stato incaricata MIT SIM Spa.

Iervolino & Lady Bacardi Entertainment non scambia ancora dopo aver ceduto lo 0,6%, in seguito ai risultati consuntivi di gruppo relativi al primo trimestre al 31 marzo, chiuso con un utile netto di EUR400.000 da EUR2,5 milioni dello stesso periodo dell'anno prima, come conseguenza di un minor Ebit ma anche per l'incremento a tre cifre degli oneri finanziari connesso con i maggiori tassi d'interesse. I ricavi ammontano a EUR29,6 milioni da EUR32,5 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente.

In Asia, il Nikkei ha chiuso in verde dello 0,2% a 39.109,17, l'Hang Seng cede l'1,1% a 18.168,00 e lo Shanghai Composite ha terminato in calo dello 0,8% a 3.028,05.

A New York, nella notte europea, il Dow ha chiuso in rialzo dello 0,2% a 38.868,04, il Nasdaq ha guadagnato lo 0,4% a 17.192,53, mentre l'S&P 500 è in verde dello 0,3% a 5.360,79.

Tra le valute, l'euro passa di mano a USD1,0767 da USD1,0746 di lunedì in chiusura azionaria europea mentre la sterlina vale USD1,2720 da USD1,2727 di lunedì sera.

Tra le commodity, il Brent si quota a USD81,52 al barile da USD81,12 al barile di lunedì in chiusura. L'oro scambia invece a USD2.304,15 l'oncia da USD2.304,60 di lunedì sera.

Nel calendario macroeconomico di martedì, alle 1300 CEST verrà pubblicato il report mensile dell'OPEC mentre, alle 1900 CEST, è prevista un'asta di note del Tesoro USA con scadenza a 10 anni.

Alle 2230 CEST, infine, in arrivo il dato sulle scorte settimanali di petrolio.

Fra le società di Piazza Affari, sono attesi i conti di Compagnia dei Caraibi e Homizy.

Di Chiara Bruschi, Alliance News reporter

Commenti e domande a redazione@alliancenews.com

Copyright 2024 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.