Lo strumento è già disponibile in Cina e l'azienda sta lavorando per integrarlo commercialmente all'estero.

Honor, venduta da Huawei Technologies nel novembre 2020 e ora appartenente alla società statale Shenzhen Zhixin New Information Technology Co, fino a domenica aveva rilasciato il suo nuovo telefono esclusivamente in Cina.

Le aziende tecnologiche e di telecomunicazioni stanno rilasciando nuovi prodotti e funzionalità in vista dell'annuale Mobile World Congress (MWC) di Barcellona, che prenderà il via lunedì, sperando che il fermento intorno all'IA generativa aumenti le prospettive commerciali.

I produttori di smartphone sperano che l'eccitazione per l'IA contribuisca a rilanciare un mercato fiacco per gli smartphone, anche se molti esperti affermano che l'IA generativa potrebbe sollevare problemi legali o etici.

L'azienda, che compete con aziende del calibro di Apple e Oppo per una quota del mercato cinese degli smartphone, sta anche lavorando per integrare a livello globale il cosiddetto LlaMA 2 large language model (LLM), uno strumento simile a ChatGPT, nel suo telefono.

Nel 2023, Apple aveva una quota di mercato del 17,3% in Cina, mentre Honor aveva il 16,8%, secondo International Data Corporation.

Domenica Honor lancerà anche il suo nuovo laptop MagicBook Pro 16, con una funzione AI che consente agli utenti di spostare applicazioni come le app di messaggistica tra i dispositivi, ad esempio da uno smartphone Android a un PC Windows, con un solo trascinamento.

"Crediamo fermamente nel potere trasformativo della sinergia collaborativa, soprattutto nell'era dell'AI", ha dichiarato il CEO dell'azienda George Zhao in un comunicato.