Le azioni ASML sono salite mercoledì dopo che un rapporto analitico di Jefferies ha citato i commenti del CFO Roger Dassen, che ha suggerito di essere positivo sulla possibilità di ordini da parte del cliente principale TSMC nei prossimi trimestri.

Un portavoce di ASML ha confermato che il CFO ha parlato durante una telefonata con gli investitori organizzata da Jefferies.

Le azioni di ASML sono salite del 6,3% a 927,10 euro (1.008,78 dollari) alle 1314 GMT.

ASML, il più grande produttore di apparecchiature per semiconduttori al mondo, produce strumenti di litografia, che utilizzano fasci di luce per aiutare a creare i minuscoli circuiti dei chip dei computer, mentre TSMC è il più grande produttore di chip avanzati al mondo.

Il rapporto di Jefferies ha detto che Dassen "è sembrato ottimista" sul fatto che i colloqui commerciali con TSMC siano prossimi alla conclusione, con ordini "significativi" legati ai 2 nm in arrivo, a partire dal secondo o terzo trimestre.

ASML ha dichiarato in precedenza di puntare a un fatturato 2025 di 30-40 miliardi di euro, grazie al boom della domanda di chip logici all'avanguardia utilizzati negli smartphone e per l'AI.

Il rapporto di Jefferies afferma che l'azienda vede che la domanda continuerà ad essere forte anche nel 2026, aiutata dalla costruzione di fabbriche sovvenzionate dai governi in tutto il mondo.

Il rapporto dice che TSMC si aspetta di ricevere una delle nuove macchine High NA ad ultravioletti estremi (EUV) di ASML, che costano più di 350 milioni di euro ciascuna, nel corso di quest'anno.

Intel è stata la prima ad acquistare una delle macchine, con l'altra installata in un laboratorio ASML-Imec inaugurato questa settimana.

ASML ha ordinato più di una dozzina di strumenti High NA da tutti i clienti che utilizzano la sua attuale linea EUV, tra cui: Intel, TSMC, Samsung, SK Hynix e Micron.

Il rapporto di Jefferies afferma inoltre che ASML non crede di dover affrontare la concorrenza nella tecnologia EUV da parte della società cinese di litografia SMEE o di Huawei "nel prossimo futuro, a causa della complessità della tecnologia stessa e dell'ecosistema". (1 dollaro = 0,9190 euro) (Relazione di Toby Sterling. Redazione di Jane Merriman)