Atos annuncia di aver avviato le discussioni con le parti interessate in merito alla proposta di ristrutturazione finanziaria presentata dal consorzio Onepoint, composto da Onepoint, Butler Industries ed Econocom, nonché da un gruppo che comprende alcuni creditori finanziari della Società.

Nell'ambito della continuazione di queste discussioni, per quanto riguarda la partecipazione al nuovo finanziamento di 1,5 miliardi di euro sotto forma di debito garantito previsto dalla Proposta di Ristrutturazione e di 75 milioni di euro sotto forma di capitale assegnato esclusivamente agli Obbligazionisti, sono state prese in considerazione alcune decisioni, in conformità con la Proposta di Ristrutturazione.

Ai creditori del Term Loan A da 1,5 miliardi di euro con scadenza gennaio 2025 e della Revolving Credit Facility da 900 milioni di euro con scadenza novembre 2025 (la 'RCF') sarebbe stata offerta l'opportunità di partecipare al Nuovo Finanziamento Garantito solo sotto forma di prestiti e strutture di tipo bancario (term loan / prêt à terme), nuova Revolving Credit Facility (RCF), e/o finanziamento dei crediti/factoring, nonché attraverso nuove linee di garanzia bancaria, a condizioni da definire, per un importo totale di 750 milioni di euro (di cui 300 milioni di euro in garanzie).

Ai titolari di obbligazioni emesse da Atos con scadenza nel 2024, 2025, 2026, 2028 e 2029 verrebbe offerta la possibilità di partecipare a questi Nuovi Finanziamenti Garantiti esclusivamente sotto forma di una o più obbligazioni emesse da Atos per un importo totale di 750 milioni di euro, e subordinatamente alla realizzazione della quota di partecipazione al Finanziamento Azionario; anche i termini e le condizioni principali di questi finanziamenti restano da definire.

La partecipazione al Nuovo Finanziamento Garantito e all'Equity Financing sarà ripartita tra i vari creditori che desiderano partecipare (i) in proporzione alla loro partecipazione alle Obbligazioni, da un lato, e/o (ii) in proporzione alla loro partecipazione ai crediti ai sensi dell'RCF e del Term Loan A, dall'altro, il 14 giugno 2024 dopo la chiusura dei mercati.

Qualsiasi trasferimento di Obbligazioni o crediti ai sensi dell'RCF e/o del Term Loan A dopo la Data Rilevante non darà diritto al cessionario di partecipare a tale finanziamento in relazione alle Obbligazioni e/o ai crediti così trasferiti".

La Società informerà i suoi creditori dei termini e delle condizioni di partecipazione al Nuovo Finanziamento Garantito, al Finanziamento Azionario e del calendario entro il quale i creditori possono esprimere il loro desiderio di partecipare al Nuovo Finanziamento Garantito, se applicabile', afferma il Gruppo. Copyright (c) 2024 CercleFinance.com. Tutti i diritti riservati.