Le aziende energetiche statunitensi hanno aggiunto questa settimana il maggior numero di impianti di perforazione petrolifera da novembre e il maggior numero di impianti in un mese dall'ottobre 2022, ha dichiarato la società di servizi energetici Baker Hughes nel suo rapporto seguito da vicino venerdì.

Il conteggio combinato degli impianti di trivellazione per il petrolio e il gas, un indicatore precoce della produzione futura, è salito di cinque unità a 626 nella settimana al 23 febbraio, il massimo dall'agosto 2023. < RIG-USA-BHI>< RIG-OL-USA-BHI>< RIG-GS-USA-BHI>

Nonostante l'aumento degli impianti di perforazione di questa settimana, Baker Hughes ha dichiarato che il conteggio totale è ancora in calo di 127 unità, ovvero del 17% rispetto a questo periodo dell'anno scorso.

Baker Hughes ha detto che le piattaforme petrolifere statunitensi sono aumentate di sei unità a 503 questa settimana, mentre le piattaforme per il gas sono scese di una unità a 120, il minimo dal 2 febbraio.

Per il mese, il conteggio totale degli impianti di trivellazione è aumentato di cinque unità, l'incremento maggiore dal novembre 2022, mentre separatamente, il conteggio degli impianti di trivellazione per il petrolio è aumentato di quattro unità e quello degli impianti di trivellazione per il gas di una.

Il conteggio degli impianti di perforazione per petrolio e gas negli Stati Uniti è sceso di circa il 20% nel 2023, dopo essere aumentato del 33% nel 2022 e del 67% nel 2021, a causa del calo dei prezzi del petrolio e del gas, dell'aumento dei costi di manodopera e delle attrezzature dovuto all'impennata dell'inflazione e del fatto che le aziende si sono concentrate maggiormente sulla riduzione del debito e sull'aumento dei rendimenti degli azionisti, invece di aumentare la produzione.

I futures sul petrolio degli Stati Uniti sono aumentati di circa il 7% finora nel 2024, dopo un calo dell'11% nel 2023. I futures sul gas degli Stati Uniti, invece, sono scesi di oltre il 35% nel 2024, dopo essere crollati del 44% nel 2023.

Alcuni produttori di gas hanno dichiarato che avrebbero tagliato le spese e ridotto l'attività di trivellazione a seguito del brusco calo dei prezzi, scesi ai minimi di 3 anni e mezzo nelle ultime settimane. Gli analisti, tuttavia, hanno notato che queste riduzioni degli impianti di perforazione potrebbero non apparire nei dati per alcuni mesi.

Nonostante il calo dei prezzi, della spesa e del numero di impianti di perforazione, la produzione di petrolio e gas degli Stati Uniti è ancora sulla buona strada per raggiungere i massimi storici nel 2024 e nel 2025, grazie ai guadagni di efficienza e al completamento da parte delle aziende del lavoro sui pozzi già perforati.

Il numero totale di pozzi perforati ma non completati (DUC) è sceso al minimo storico di 4.386 a gennaio, secondo i dati federali sull'energia risalenti a dicembre 2013.