Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A.

(BMPS)
Prezzo in differita. Tempo differito Borsa Italiana - 24/09 17:35:13
1.0845 EUR   +0.42%
24/09TOP STORIES ITALIA: Amco e Mcc al lavoro su B.Mps per soluzione nei tempi
DJ
24/09BORSA: commento di chiusura
DJ
24/09BORSA: Milano -0,22%, WS apre poco mossa
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietąFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

B.Mps: i 5 mesi per salvare la banca (Milanofinanza.it)

30-07-2021 | 13:29

(Di Luca Gualtieri, Milanofinanza.it)

MILANO (MF-DJ)--L'annuncio fatto ieri sera da Unicredit apre il periodo decisivo per il futuro del Montepaschi e indirettamente per le nuove geografie del sistema bancario italiano. Nella sua apertura alla proposta del Tesoro (anticipata mercoledì 28 da MF-Milano Finanza) il ceo Andrea Orcel è stato molto chiaro nel delineare le condizioni dell'istituto: pulizia del target da rischi legali e di credito, effetto accrescitivo sull'utile per azione e soprattutto neutralità del deal sul capitale.

Ma quali saranno le prossime della delicata trattativa tra il gruppo e il governo, che oggi detiene il 64% del Monte? Secondo quanto appreso da Milanofinanza.it, dal perimetro che sarà definito a settembre dovrebbero uscire 6,2 miliardi di contenzioso legale, 2-2,5 miliardi di crediti deteriorati e forse anche i crediti in bonis ad alto rischio (ossia una parte del portafoglio del portafoglio stage 2). Per quest'ultima categoria di attivi è anche possibile una soluzione diversa, simile a quella messa a punto per Intesa Sanpaolo durante il salvataggio delle banche venete: lo Stato potrebbe concedere a Unicredit un'opzione put con un tetto e un arco temporale predefiniti per rispedire indietro i portafogli dalla qualità dubbia. La soluzione è comunque ancora allo studio, ma l'importo potrebbe avvicinarsi a 1,5-2 miliardi. Tutti gli asset scartati confluirebbero in una bad company che provvederebbe poi a liquidarli nel tempo. Amco si farebbe invece carico degli npe, come accaduto in buona parte degli ultimi salvataggi bancari.

Dal perimetro destinato a Unicredit non dovrebbe invece uscire la rete commerciale del Monte sulla quale però il compratore potrebbe mettere mano dopo il trasferimento. Parte del network potrebbe infatti essere ceduto a terze parti o per ottemperare alle richieste dell'Antitrust o per rispondere a esigenze di natura strategica. Secondo le prime stime il gruppo potrebbe mettere sul mercato circa 150 sportelli, collocati principalmente nelle regioni del Sud (per lo più Sicilia e Puglia). Se la scelta fosse confermata, l'acquirente naturale sarebbe il Mediocredito Centrale che lo scorso anno, con l'acquisto della Popolare di Bari, ha posto le basi di un gruppo creditizio radicato nel Mezzogiorno. Sempre secondo ipotesi allo studio il trasferimento potrebbe riguardare anche parte del personale delle direzioni centrali, anche se per il momento non circolano numeri o progetti concreti in merito. Se su tutti questi delicati aspetti verrà raggiunto un accordo (soggetto comunque alle autorizzazioni di Bce-Bankitalia, Ivass, Consob e Antitrust), l'operazione sarà sottoposta alle rispettive assemblee di Unicredit e Mps nel corso dell'autunno per arrivare al closing per fine anno.

L'ultima tappa a quel punto dovrebbe essere la ricapitalizzazione dell'istituto senese: agli attuali azionisti verrebbero richieste nuove risorse per un importo stimato tra 2 e 2,5 miliardi attraverso un'operazione a mercato che non dovrebbe incontrare particolari problemi. Se questa è la road map che circola in Via XX Settembre e nelle banche d'affari, occorre ricordare che le incognite sono ancora molte e che il diavolo sta nei dettagli. Di certo però da ieri seduto al tavolo c'è un interlocutore disposto a lavorare sulla privatizzazione del Monte. Una notizia accolta molto positivamente dal governo e dal mercato.

Ieri peraltro Unicredit, pur nella sua cautela, ha delineato anche le potenzialità industriali del progetto. L'operazione, spiegava infatti la nota della banca, permetterebbe infatti a piazza Gae Aulenti di accelerare i piani di crescita organica e agevolare il raggiungimento di ritorni sostenibili superiori al costo del capitale. Mps potrebbe contribuire, subordinatamente alla definizione del perimetro dell'operazione, circa 3,9 milioni di clienti, 80 miliardi di crediti alla clientela, 87 miliardi di depositi della clientela, 62 miliardi di masse in gestione e 42 miliardi di masse in amministrazione. L'operazione permetterebbe al gruppo di rafforzare il posizionamento competitivo in Italia e in particolare nel Centro-Nord, dove si trova il 77% degli sportelli di Mps, contribuendo fra l'altro a una crescita della quota di mercato in Toscana di 17 punti percentuali, in Lombardia e in Emilia Romagna di 4 punti percentuali e in Veneto di 8 punti percentuali. «Tale operazione», spiega inoltre la nota, «porterebbe inoltre un incremento rilevante della profittabilità prospettica, preservando al contempo la posizione di capitale e migliorando la qualità dell'attivo e il profilo di rischio del gruppo su base pro forma. Qualsiasi potenziale operazione avverrebbe nell'ambito dell'esistente focalizzazione da parte del gruppo su liberazione del valore interno che rimane e rimarrà una priorità». (riproduzione riservata)

red/cce

MF-DJ NEWS

3013:27 lug 2021

(END) Dow Jones Newswires

July 30, 2021 07:28 ET (11:28 GMT)

Valori citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. 0.42%1.0845 Prezzo in differita.3.98%
INTESA SANPAOLO S.P.A. -0.12%2.4245 Prezzo in differita.26.76%
UNICREDIT S.P.A. -0.07%10.984 Prezzo in differita.43.62%
Tutte le notizie su BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A.
24/09TOP STORIES ITALIA: Amco e Mcc al lavoro su B.Mps per soluzione nei tempi
DJ
24/09BORSA: commento di chiusura
DJ
24/09BORSA: Milano -0,22%, WS apre poco mossa
DJ
24/09B.MPS: Lega; no svendita a Unicredit, Draghi e Letta chiariscano
DJ
24/09B.MPS: Uilca; sindacati in piazza, Mef ci incontri
DJ
24/09BORSA: azionario prosegue sotto la parità
DJ
24/09B.MPS: Natale (Amco); stiamo lavorando, felici di svolgere ruolo in soluzione
DJ
24/09B.MPS: B.Mattarella (Mcc), ancora in data room per valutare porzione sportelli
DJ
24/09B.MPS: Sileoni; lavoratori hanno fatto tanti sacrifici, è ora di ricevere
DJ
24/09B.MPS: Letta, governo convochi sindacati
DJ
Pił notizie
Dati finanziari
Fatturato 2021 3 013 M 3 531 M -
Risultato netto 2021 -89,0 M -104 M -
Indebitamento netto 2021 - - -
P/E ratio 2021 -12,1x
Rendimento 2021 -
Capitalizzazione 1 071 M 1 254 M -
Capi. / Fatturato 2021 0,36x
Capi. / Fatturato 2022 0,37x
N. di dipendenti 21 388
Flottante 27,8%
Grafico BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A.
Durata : Periodo :
Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A.: grafico analisi tecnica Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRibassistaNeutraleNeutrale
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media Alleggerire
Numero di analisti 7
Ultimo prezzo di chiusura 1,08 €
Prezzo obiettivo medio 0,95 €
Differenza / Target Medio -12,4%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Guido Bastianini Chief Executive Officer & Director
Giuseppe Sica Chief Financial Officer
Maria Patrizia Grieco Chairman
Vittorio Calvanico Chief Operating Officer
Ettore Carneade Group Compliance Officer