(Alliance News) - Lunedì, i principali listini europei sono attesi in territorio positivo in una giornata povera di spunti sotto il profilo macroeconomico e mentre la Borsa del Canada resta chiusa per la Festa della Regina Vittoria.

Così, i futures di IG danno il FTSE Mib in verde dello 0,2% o su di 70,0 punti, dopo aver chiuso in parità a 35.398,82

Il CAC 40 di Parigi è previsto in rialzo dello 0,1% o su di 11,2 punti, il DAX 40 di Francoforte è dato in verde dello 0,1% o su di 26,0 punti, il FTSE 100 di Londra è previsto in attivo dello 0,2% o su di 14,0 punti.

Fra i listini minori, venerdì, il Mid-Cap ha chiuso in calo dello 0,2% a 48.302,91, lo Small-Cap in calo dello 0,1% a 29.465,48, mentre l'Italia Growth in verde dello 0,3% a 8.251,81.

Tra le notizie macroeconomiche, la People's Bank of China ha mantenuto invariati i principali tassi di interesse sui prestiti in occasione del fixing di maggio, rispettando le aspettative del mercato.

Il tasso di riferimento per la maggior parte dei prestiti alle imprese e alle famiglie, il loan prime rate LPR a 1 anno, è stato mantenuto al 3,45%.

Il tasso a 5 anni, riferimento per i mutui immobiliari, è stato invece mantenuto al 3,95% dopo il taglio record di 25 punti percentuali di febbraio.

Entrambi i tassi sono ai minimi storici, nel contesto dei tentativi di Pechino di stimolare la ripresa economica dopo i dati contrastanti sull'attività di aprile, evidenziati dalla crescita sostenuta della produzione industriale, dal tasso di disoccupazione più basso degli ultimi cinque mesi e dalla debolezza del fatturato al dettaglio.

Sul Mib, venerdì, Saipem è salita del 2,8% a EUR2,2740 per azione, confermando la sua forza sin dal suono della campanella. La company ha comunicato giovedì di essersi aggiudicata un nuovo contratto offshore da Azule Energy Angola per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, come parte del progetto Agogo Integrated West Hub, situato a circa 180 chilometri al largo della costa dell'Angola. Il valore del contratto è di circa USD850 milioni.

Bene Banca Monte dei Paschi, che è salita del 2,8%, con la banca senese che da inizio anno segna un guadagno del 73%.

Fra i migliori si è vista anche Banco BPM, su del 2,9% a EUR6,72. Durante la seduta precdente, ha aggiornato il massimo per il 2024 con prezzo accarezzato a quota EUR6,57, mentre ha risvisto il massimo a 52 settimane a EUR6,66 nella sessione corrente.

In coda, Interpump ha perso il 2,5%. Il titolo - che sul settimanale mostra un attivo del 7,7% - mercoledì ha approvato il resoconto intermedio al 31 marzo, chiudendo il periodo con un utile netto pari a EUR67,6 milioni rispetto a EUR86,0 milioni del primo trimestre 2023 con un decremento del 22% circa.

Peggio di tutti ha fatto ERG, che ha chiuso in ribasso del 3,8%.

Sul Mid-Cap, bene Intercos, su del 2,6% e alla sua quarta seduta di fila chiusa tra i rialzisti.

El.En. ha guadagnato lo 0,1%, con prezzo a EUR10,02. Il board della società ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo, con un risultato prima delle imposte positivo di EUR14,4 milioni che registra un decremento del 13% rispetto a EUR16,6 milioni del 31 marzo 2023.

Per Moltiply Group il guadagno è invece del 2,6%. La società ha fatto sapere giovedì che la propria Divisione Mavriq ha firmato accordi vincolanti per l'acquisizione di un operatore leader nella comparazione e intermediazione online nei Paesi Bassi. L'entreprise value pattuito per il 100% delle azioni di Pricewise è pari a EUR25,0 milioni e l'acquisto verrà finanziato mediante disponibilità liquide e/o utilizzo di linee di credito già disponibili.

Industrie de Nora ha guadagnato l'1,1%, invertendo la rotta dopo flessione della vigilia del 2,0%.

Sullo Small-Cap, Netweek ha perso il 3,5%, con nuovo prezzo a EUR0,0504. La società ha fatto sapere giovedì che è stato firmato il contratto di acquisizione del 100% di Telecity 2, società nella quale erano state conferite le attività televisive ed editoriali del gruppo Telecity, leader in Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta. Il prezzo pagato per il 100% di Telecity 2 è pari a EUR6 milioni e comprende - tra le altre - le attività televisive delle quattro emittenti regionali, la sede di Assago e circa 40 dipendenti.

Alkemy ha perso lo 0,8% dopo due sedute chiuse fra i ribassisiti per via dei conti del primo triemstre resi noti pochi giorni fa. La company ha chiuso con un utile di EUR200.000 in calo del 63% da EUR700.000 dello stesso periodo del 2023.

Eurotech - in calo del 3,6% dopo due sedute in cui ha perso oltre il 16% - ha comunicato mercoledì sera di aver realizzato, nel primo trimestre, una perdita di EUR4,2 milioni da un utile di EUR100.000 nel primo quarter del 2023.

Caleffi ha ceduto il 2,9%. La company ha comunicato che oggi verrà avviato un piano di buyback già approvato dai soci questa settimana. Il piano ha a oggetto l'acquisto di massime 200.000 azioni ordinarie proprie, per un importo massimo di EUR200.000.

Fra le PMI, forza su iVision tech, salita del 3,2% dopo essere andata in asta di volatilità. La società ha comunicato che il proprio consiglio d'amministrazione ha deliberato l'emissione di due bond per un controvalore complessivo di EUR7,0 milioni.

SG Co - in rialzo dell'1,9% - ha comunicato venerdì che il valore del portafoglio ordini delle commesse contrattualizzate del gruppo al 30 aprile è pari a circa EUR19,3 milioni, in crescita dell'87% rispetto al dato dello stesso periodo dell'anno prima, quando era pari a EUR10,3 milioni. Il dato equivale al 65% del fatturato consolidato del gruppo al 31 dicembre 2023, pari a EUR 29,5 milioni.

La coda del listino è di ESI, in calo del 4,7%, e di Impianti, giù del 4,1% e vittima di prese di profitto dopo che il titolo, negli ultimi sette giorni, ha guadagnato il 70% mentre, nell'ultimo mese, ha raddoppiato la propia capitalizzazione.

In Asia, il Nikkei è in verde dello 0,7% a 39.077,03, l'Hang Seng è in verde dello 0,7% a 19.680,91 e lo Shanghai Composite è in rialzo dello 0,6% a 3.173,28.

A New York, venerdì, il Dow ha chiuso in rialzo dello 0,3% a 40.003,59, il Nasdaq ha terminato in calo dello 0,1% a 16.685,97 e l'S&P 500 è salito dello 0,1% a 5.303,27.

Tra le valute, l'euro passa di mano a USD1,0882 da USD1,0874 di venerdì in chiusura azionaria europea mentre la sterlina vale USD1,2708 da USD1,2701 di venerdì sera.

Tra le commodity, il Brent si quota a USD84,31 al barile da USD83,26 al barile di venerdì sera. L'oro scambia invece a USD2.453,20 l'oncia da USD2.406,48 l'oncia di venerdì sera.

Il calendario macroeconomico di lunedì alle 1000 CEST prevede i dati sulla bilancia commerciale spagnola.

La fiducia dei consumatori iberici verrà resta nota alle 1200 CEST, stessa ora della pubblicazione dei dati sugli investimenti diretti esteri cinesi. Nessun macro rilevante è atteso dagli USA nel pmoeriggio, dove invece si terranno delle aste di T-Note a tre e sei mesi, alle 1730 CEST.

Tra le società di Piazza Affari, sono previsti i risultati di Assicurazioni Generali e Bestbe Holding.

Di Claudia Cavaliere, Alliance News reporter

Commenti e domande a redazione@alliancenews.com

Copyright 2024 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.