PHILADELPHIA/LEVERKUSEN (dpa-AFX) - L'azienda farmaceutica e agrochimica Bayer deve pagare molto meno del previsto in una causa sul diserbante Roundup a base di glifosato. Un tribunale di Philadelphia ha ridotto i danni assegnati all'attore da una giuria da 2,25 miliardi di dollari a 400 milioni di dollari (367,5 milioni di euro), secondo i documenti giudiziari depositati martedì scorso. Si tratta del risarcimento più alto da quando è iniziato il contenzioso sul diserbante Roundup nel 2018, ma Bayer ha dichiarato che farà appello.

"Sebbene il tribunale abbia ridotto l'importo incostituzionalmente elevato dei danni, non siamo d'accordo con la decisione del tribunale nel merito", ha annunciato l'azienda mercoledì. Il procedimento è stato caratterizzato da gravi errori. Questi potevano e dovevano essere corretti. Inoltre, Bayer sottolinea che l'azienda ha prevalso in tribunale in 14 degli ultimi 20 casi. La maggior parte delle cause è stata anche risolta, ha aggiunto.

Bayer ha portato i problemi relativi al diserbante Roundup a base di glifosato all'interno dell'azienda nel 2018, con l'acquisizione dell'azienda statunitense Monsanto, costata oltre 60 miliardi di dollari. La prima sentenza contro l'azienda quotata al DAX è seguita nello stesso anno. Questo ha scatenato un'ondata di cause legali negli Stati Uniti. Nel 2020, Bayer ha lanciato un programma multimiliardario per risolvere la maggior parte delle cause senza ammettere la responsabilità. Una buona parte delle cause è stata risolta, ma i rischi rimangono. Alla fine di gennaio, circa 54.000 dei circa 165.000 casi erano ancora aperti. L'ondata di cause legali sul glifosato è già costata a Bayer 13 miliardi di euro. Alla fine del 2023, gli accantonamenti ammonteranno a 6,3 miliardi di dollari (5,7 miliardi di euro)./mne/lew/stk