Il Presidente di BBVA, Carlos Torres, lunedì ha esortato gli azionisti a partecipare all'assemblea straordinaria del 5 luglio, convocata per approvare un'emissione di azioni per finanziare la sua offerta pubblica di acquisto ostile da 12 miliardi di euro (13 miliardi di dollari) per il rivale più piccolo Banco Sabadell.

La banca ha offerto un'azione BBVA di nuova emissione per ogni 4,83 di Sabadell, che rappresenta un premio del 30% rispetto al prezzo di chiusura di Sabadell del 29 aprile, pari a 1,73750 euro, valutando la banca a 12,28 miliardi di euro. Quel giorno, le azioni BBVA hanno chiuso a 10,9 euro ciascuna.

BBVA vuole emettere 1,126 miliardi di nuove azioni, che ai prezzi di mercato attuali di 9,778 euro, valuterebbero Sabadell circa 11 miliardi di euro, il 6,6% in più rispetto ad oggi.

"Come azionista, il suo coinvolgimento nel processo decisionale della banca è essenziale e vorrei incoraggiarla a partecipare a questa assemblea degli azionisti", ha detto Torres in un messaggio video.

Tra gli oltre 726.000 azionisti di BBVA, il 62,8% sono investitori istituzionali, mentre il resto sono azionisti retail.

Il mese scorso, BBVA è diventata ostile dopo che la sua rivale più piccola ha rifiutato la sua offerta iniziale.

L'offerta è subordinata all'acquisizione di oltre il 50,01% di Sabadell, all'approvazione degli azionisti e ad altre autorizzazioni normative e potrebbe richiedere dai sei agli otto mesi.

Sabadell ha detto ai suoi azionisti retail che la banca ha "eccellenti prospettive" da sola e che potrebbero non dover prendere una decisione sul tentativo di acquisizione da parte di BBVA fino al 2025. (Relazione di Jesús Aguado; Redazione di Emelia Sithole-Matarise)