Il principale indice azionario canadese è salito venerdì grazie ai guadagni delle azioni energetiche e di quelle sensibili ai tassi d'interesse, con l'indice che ha sovraperformato Wall Street e ha recuperato parte del suo calo settimanale.

L'indice composito S&P/TSX della Borsa di Toronto ha chiuso in rialzo di 98,93 punti, pari allo 0,5%, a 21.807,37, il terzo giorno consecutivo di guadagni. Per la settimana, è sceso dello 0,4% dopo il calo dell'1,6% della settimana precedente.

Il Nasdaq e l'S&P 500, i due principali indici di riferimento degli Stati Uniti, sono scesi in seguito a guadagni societari contrastanti e al crescente pessimismo sulla possibilità che la Federal Reserve tagli presto i tassi di interesse.

"È positivo vedere un po' di rimbalzo nei titoli sensibili ai tassi di interesse", ha detto Lorne Steinberg, presidente di Lorne Steinberg Wealth Management Inc. "Probabilmente il taglio dei tassi d'interesse (in Canada) avverrà prima di quanto avverrà negli Stati Uniti".

I mercati monetari vedono circa il 50% di possibilità che la Banca del Canada inizi ad allentare i tassi già a giugno, mentre si aspettano che la Fed aspetti fino a luglio o settembre.

I titoli dei servizi di comunicazione tendono a pagare dividendi elevati, per cui potrebbero trarre particolare vantaggio da un'eventuale riduzione dei tassi. Il settore è salito dello 0,6%, aiutato da un guadagno dell'1% per le azioni di BCE Inc.

"Siamo piuttosto rialzisti su BCE, con un dividend yield del 9% che riteniamo sostenibile", ha detto Steinberg.

Anche altri titoli ad alto dividendo, tra cui banche e società di oleodotti, hanno guadagnato terreno. L'indice dei titoli finanziari, pesantemente ponderato, ha aggiunto lo 0,7% e Enbridge Inc è salita del 2,8%.

L'energia è salita dello 0,6%, mentre il prezzo del petrolio è salito dello 0,5% a $83,14 al barile, dopo che l'Iran ha minimizzato un presunto attacco israeliano sul suo territorio, in un segnale che potrebbe evitare un'escalation delle ostilità in Medio Oriente.

La tecnologia è stata il maggior freno del mercato, con un calo dello 0,7%. (Relazioni di Fergal Smith a Toronto e di Purvi Agarwal a Bengaluru; Redazione di Ravi Prakash Kumar e Deepa Babington)