IL DIRIGENTE DI BIOGEN DICE CHE IL MERCATO DEI FARMACI PER L'ALZHEIMER "SI SVILUPPERÀ PIÙ RAPIDAMENTE CON L'ENTRATA IN GIOCO DI LILLY", MA NON PUÒ IPOTIZZARE COSA ACCADRÀ CON L'ETICHETTA DI DONANEMAB