FRANKFURT (dpa-AFX) - Secondo Commerzbank (Coba), le minacciate tariffe punitive dell'UE sulle auto elettriche cinesi importate colpirebbero in modo particolare le case automobilistiche tedesche - anche a causa delle misure di ritorsione minacciate dalla Cina. "Tuttavia, riteniamo che un'escalation in una guerra commerciale su larga scala sia complessivamente improbabile", ha sottolineato Vincent Stamer in uno studio pubblicato mercoledì.

L'economista ha sottolineato che le case automobilistiche tedesche producono veicoli elettrici in Cina per reimportarli in Europa. Con l'imposizione di tariffe punitive dell'UE, che si aggiungerebbero al tasso tariffario regolare, questo "difficilmente sarebbe redditizio senza un considerevole aumento dei prezzi". Al contrario, i produttori cinesi "hanno margini di profitto così elevati che possono compensare i dazi doganali aggiuntivi fino al 30% e continuare ad esportare le loro auto in Europa con un profitto".

Stamer vede le tariffe di ritorsione minacciate dalla Cina come un ulteriore fattore negativo per Volkswagen, Mercedes-Benz e BMW. A causa dell'elevato volume di scambi commerciali, le automobili sarebbero il loro bersaglio più probabile. Stamer ha sottolineato che la seconda economia mondiale è un importante mercato di vendita per le case automobilistiche tedesche. Con il 24%, la quota delle esportazioni di auto tedesche in Cina è relativamente alta, mentre è appena significativa per i concorrenti francesi e italiani.

Secondo Stamer, l'impatto delle tariffe punitive e delle contromisure nel settore automobilistico sull'inflazione nell'Eurozona sarebbe basso se non ci fosse un'escalation. "Tuttavia, a causa dell'inflazione in Europa e della ripresa della crescita economica in Cina, nessuna delle due parti ha alcun incentivo per una guerra commerciale al momento". Inoltre, il volume in gioco in questa disputa commerciale è una percentuale relativamente piccola del volume totale degli scambi tra i due blocchi./gl/tih/mis

Pubblicazione dello studio originale: 12/06/2024 / 12:49 / CEST

Prima diffusione dello studio originale: Data non specificata nello studio / Ora non specificata nello studio / Fuso orario non specificato nello studio