Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Francia
  4. Euronext Paris
  5. BNP Paribas
  6. Notizie
  7. Riassunto
    BNP   FR0000131104

BNP PARIBAS

(BNP)
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietàFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

BNP Paribas : Rimanere in rotta nella tempesta

12-08-2019 | 20:56

La più grande banca della zona euro è valutata solo la metà del suo patrimonio netto e sette volte i suoi profitti

Questi indicatori, che sono ben al di sotto delle medie di mercato, riflettono la scarsa fiducia degli investitori nel settore bancario europeo

Nonostante i risultati incoraggianti delle banche, BNP non è chiaramente immune da questa sfiducia

Per una panoramica generale, consultate il nostro articolo Come funziona una banca. Tuttavia, per i dettagli, dobbiamo andare oltre e concentrarci sull'essenziale. Ma come tutte le banche gigantesche, le cosiddette banche universali, il Gruppo BNP è perfettamente impossibile da analizzare e valutare, anche con un grado di precisione approssimativo, sia nel settore bancario che in quello assicurativo

L'opacità è totale; il gruppo ha migliaia di filiali - consolidate o meno - in tutti i continenti, alcune delle quali sono domiciliate in paradisi fiscali. E poi ci sono centinaia di miliardi di euro di attività il cui valore può variare rapidamente da semplice a cinque volte - verso l'alto o verso il basso - soprattutto per quelle più illiquide

Tuttavia, quando si tratta di investimenti, a volte possiamo ignorare i ragionamenti sofisticati a favore della semplicità. In altre parole, in questo caso, ignorare l'insormontabile complessità della pratica per conservare una sola cosa: i profitti di una banca sono per il 99% del tempo indicizzati alla buona salute dell'economia

Naturalmente è risaputo che la zona euro sta scivolando via. I tassi sono ai minimi storici, comprimendo i margini dei finanziatori; la crescita delle principali economie rimane lenta e viene addirittura criticata in Germania e nel Regno Unito; i cosiddetti "non-performing loans" - contratti da mutuatari a malapena solvibili - rimangono un problema ricorrente nell'Europa meridionale; e si teme che l'autorità di regolamentazione possa aumentare ulteriormente i coefficienti di capitalizzazione, costringendo le banche a conservare i loro profitti invece di ridistribuirli

Di fronte a queste difficoltà, è difficile immaginare che la Banca Centrale Europea decida di aumentare i propri tassi. È anche probabile che accada il contrario, poiché la necessità di un nuovo stimolo sarà pressante. In questo contesto, la fine del tunnel per le banche potrebbe essere ancora una strada da percorrere

Allo stato attuale, le uniche che sembrano ancora nelle buone mani degli investitori sono le banche svizzere, in particolare grazie alle loro attività di gestione patrimoniale generatrici di reddito, anche quando sono in autopilota, e ai loro sforzi di ristrutturazione che vengono effettuati più velocemente rispetto a quelli dei loro omologhi della zona euro

Tuttavia, potrebbe essere sensato adottare un modo di pensare contrariante. Da un lato, se si evita lo scenario peggiore, la valutazione delle banche sarà immediatamente corretta verso l'alto. Dall'altro, la cattiva notizia si riflette già nel prezzo. Tranne che per una catastrofe, il margine di sicurezza appare quindi sostanziale

Nel corso del lungo ciclo, ossia nell'ultimo decennio, BNP si è distinta per la stabilità complessiva dei suoi risultati. È riuscita a uscire dall'ultima grande crisi in Europa senza troppe difficoltà e ha superato la crisi molto meglio dei suoi pari Crédit Agricole e Société Générale. Il gruppo ha aumentato costantemente sia il valore del proprio patrimonio netto che il pagamento dei dividendi ai propri azionisti

La forza di BNP risiede nella relativa stabilità delle sue tradizionali attività di prestito alle famiglie, agli enti locali e alle imprese. Meno avventuroso del Crédit Agricole - troppo esposto al Sud Europa - e della Société Générale - troppo dipendente dalle sue attività di investment banking - il gruppo sembra navigare saggiamente per il momento in un ambiente nuovo ed esigente

In effetti, le commissioni e i proventi delle sue attività di servizio hanno permesso di compensare la riduzione dei margini sulle attività di prestito, mentre le attività di investment banking del gruppo, un tempo meno strategiche, beneficiano pienamente delle difficoltà di rivali come Deutsche Bank - che è nel bel mezzo di un crollo - e Société Générale.

Sono proprio queste attività di investment banking a dare impulso agli ultimi risultati del gruppo. Questa tendenza dovrebbe continuare nei prossimi trimestri

Da notare che BNP ha recentemente ceduto partecipazioni non strategiche - ad esempio nella banca americana First Hawaiian e nell'assicuratore indiano SBI - per aumentare i propri coefficienti di capitalizzazione. Ciononostante, il gruppo ha ancora una leva finanziaria relativamente elevata, quasi il doppio di quella dei suoi omologhi americani ristrutturati - che, per coincidenza, operano a livelli di valutazione doppi

(L'autore non è un azionista)


© MarketScreener.com 2019
Valori citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BNP PARIBAS -0.20%56.2 Prezzo in tempo reale.30.66%
BYD COMPANY LIMITED 1.13%214.4 Prezzo di chiusura.5.51%
LETS HOLDINGS GROUP CO., LTD. 1.29%7.05 Prezzo di chiusura.-9.38%
LOOK HOLDINGS INCORPORATED -4.06%1513 Prezzo di chiusura.58.10%
SWISS RE LTD 0.24%84.7 Prezzo in differita.1.37%
Tutte le notizie su BNP PARIBAS
11/06WALL STREET : rallenta dopo ennesimo record S&P 500
DJ
09/06TOP STORIES ITALIA : 330 investitori da 35 Paesi per nuovo Btp a 10 anni
DJ
09/06BOND : 330 investitori da 35 Paesi per nuovo Btp 10 anni
DJ
09/06BOND : Grecia colloca 2,5 mld euro bond al giugno 2031 via sindacato
DJ
09/06BNP PARIBAS RE : Advisor di Aquileia C.S. per Les Nouvelles a Cuneo
DJ
09/06L'agenda di oggi
DJ
08/06L'agenda di domani
DJ
08/06TOP STORIES ITALIA : buona domanda per Btp via sindacato, spread in calo
DJ
08/06WALL STREET : appena sopra parità, S&P 500 a un passo da record
DJ
08/06BOND : Italia colloca 10 mld Btp al 2031 via sindacato
DJ
Più notizie
Rating Surperformance©
  Help  
Note di base
Rating complessivo
Rating Trading
Rating Investimento
Crescita
Valorizzazione -
Situazione Finanziaria -
Redditività
Qualità delle pubblicazioni
Visibilità
P/E ratio
Potenziale
Rendimento
Consensus
Revisione EPS 7 giorni
Revisione EPS 4 mesi
Revisione EPS 1 anno
Revisione fatturato 4 mesi
Revisione fatturato 1 anno
Note tecniche
Timing Breve Termine
Timing Medio Termine
Timing Lungo Termine
RSI
Bande di Bollinger
Volumi Anormali
Cifre chiave
Capitalizzazione (EUR)
70 347 993 548
Capitalizzazione (USD)
85 094 948 044
Fatturato (EUR)
44 275 000 000
Fatturato (USD)
53 590 460 000
Numero di dipendenti
193 000
Fatturato / Dipendente (EUR)
229 404
Fatturato / Dipendente (USD)
277 671
Flottante
86,7%
Capitalizzazione flottante (EUR)
61 021 196 346
Capitalizzazione flottante (USD)
73 812 986 991
Scambio medio 20 sessioni (EUR)
198 150 632
Scambio medio 20 sessioni (USD)
239 841 524
Capitale medio giornaliero negoziato
0,28%
Evoluzione del Conto di Risultati
EPS & Dividendo
Revisioni EPS
Revisioni Fatturato
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media Comprare
Numero di analisti 24
Prezzo obiettivo medio 60,18 €
Ultimo prezzo di chiusura 56,32 €
Differenza / Prezzo obiettivo massimo 27,8%
Differenza / Target Medio 6,86%
Differenza / Target minimo -19,7%
Evoluzione del consensus