La Boeing ha dichiarato martedì di aver consegnato 24 aerei commerciali a maggio, circa la metà dei 50 jet consegnati ai clienti nello stesso mese dell'anno precedente, in quanto ha continuato a lavorare su una linea di assemblaggio più lenta per completare il lavoro in sospeso.

Boeing ha dichiarato che sta producendo meno jet MAX a corridoio singolo per migliorare la qualità della produzione, dopo che il 5 gennaio scorso l'esplosione a mezz'aria di un tappo della porta di un jet 737 MAX 9 ha portato il costruttore statunitense di aerei sotto un maggiore controllo da parte delle autorità di regolamentazione.

Il costruttore ha dichiarato di aver consegnato 19 jet MAX a maggio, tre in più rispetto ad aprile, ma con un calo del 45% rispetto ai 35 jet consegnati ai clienti nello stesso mese del 2023.

Reuters ha riferito in aprile che la produzione mensile di Boeing è scesa a una sola cifra alla fine di marzo, ben al di sotto del limite imposto dalla Federal Aviation Administration (FAA) di 38 jet al mese.

Le consegne di aeromobili sono osservate da vicino da Wall Street perché i costruttori di aerei sono in grado di incassare la maggior parte dei loro pagamenti quando consegnano i jet ai clienti.

Boeing ha anche dichiarato di aver acquisito quattro nuovi ordini lordi a maggio, tutti 787-10 Dreamliner per Eva Air. Questo porta il totale degli ordini lordi di Boeing per quest'anno a 142.

Togliendo le cancellazioni e le conversioni, Boeing ha registrato un totale netto di 103 ordini dall'inizio del 2024.

Dopo ulteriori aggiustamenti contabili per riflettere la qualità del portafoglio ordini, Boeing ha registrato ordini netti rettificati di 130 aeroplani finora quest'anno.

Il portafoglio ordini di Boeing è sceso da 5.646 a 5.625 al 31 maggio.

All'inizio del mese, il rivale europeo di Boeing, Airbus, ha dichiarato di aver consegnato 53 aerei a maggio, con un calo del 16% rispetto allo stesso mese del 2023, portando le consegne a 256 quest'anno. (Relazione di Allison Lampert a Montreal, a cura di Tomasz Janowski)