La Settimana della Moda di Londra ha preso il via venerdì con lo stilista irlandese Paul Costelloe che ha scelto i look classici e ha portato un po' di nostalgia in passerella, in occasione del 40° compleanno della manifestazione.

Lo stilista 78enne, che non ha potuto partecipare alla sfilata a causa di una malattia, ha presentato un mix di bianchi, grigi scuri e molti tweed nella sua collezione autunno/inverno 2024 "Once upon a Time", descritta come "Dove Limerick incontra Downtown New York".

Modelli con giacche bianche e gonne a ruota hanno aperto la sfilata. È seguita una selezione di look a quadri, mentre la palette di colori si è fatta più scura per i completi sartoriali in tweed, i cappotti con cintura e gli abiti corti femminili.

Per la sera, c'erano abiti a fantasia con maniche a sbuffo.

"Questa collezione esprime la mia opinione che il design classico ha ancora il suo posto nell'alta moda", ha detto Costelloe nelle note della sfilata.

"Ho aggiunto un momento personale di nostalgia, aggiungendo una stampa basata sulla strada in cui vivevo una volta. Era un momento glorioso per sognare e vivere".

Il team di Costelloe ha anche condiviso una nota dello stilista che spiega la sua assenza a causa di un virus e augura alla Settimana della Moda di Londra un "buon 40° compleanno".

Quest'anno ricorrono i 40 anni da quando il British Fashion Council (BFC) ha organizzato la prima Settimana della Moda di Londra, che è una delle quattro grandi passerelle insieme a New York, Milano e Parigi ed è conosciuta soprattutto per i suoi talenti emergenti e le tendenze d'avanguardia.

Giovedì sera, diversi punti di riferimento di Londra sono stati illuminati di verde per l'occasione e altre celebrazioni sono previste nel corso dell'anno.

"Naturalmente, i 40 anni rappresentano una sorta di raggiungimento dell'età, una maturità e quando ci guardiamo indietro, penso che riflettiamo sull'incredibile creatività che si è sviluppata a Londra e sulla London Fashion Week come piattaforma", ha detto a Reuters Caroline Rush, amministratore delegato del BFC.

"Continua a parlare di cultura giovanile, di sottoculture, di creatività, di innovazione e di essere davvero all'avanguardia per il resto dell'industria della moda".

La sfilata di Costelloe è stata una delle oltre 40 presentazioni in passerella di questa Settimana della Moda di Londra, che durerà fino al 20 febbraio, e che vedrà sfilare anche stilisti del calibro di Burberry, Bora Aksu e Mark Fast. (Relazioni di Marie-Louise Gumuchian e Natasha Montague; editing di Miral Fahmy)