Il principale indice azionario canadese ha chiuso in rialzo mercoledì, grazie al calo dei costi di prestito a lungo termine, in seguito al rilascio dei dati sull'inflazione negli Stati Uniti, e all'acquisizione da parte della National Bank of Canada, che ha rafforzato il sentimento degli investitori.

L'indice composito S&P/TSX della Borsa di Toronto ha chiuso in rialzo di 74,21 punti, pari allo 0,3%, a 21.961,55, prolungando l'andamento altalenante degli ultimi giorni.

"Con un po' di M&A, con rendimenti più bassi, sembra che ci sia un po' più di rischio", ha detto Greg Taylor, gestore di portafoglio presso Purpose Investments. "Le banche sono in rialzo, le materie prime stanno facendo meglio con un dollaro USA più basso".

La valuta e i rendimenti obbligazionari statunitensi sono scesi dopo che i prezzi al consumo degli Stati Uniti sono aumentati meno del previsto a maggio, aumentando le speranze di un taglio dei tassi da parte della Federal Reserve nei prossimi mesi, con la banca centrale che ha mantenuto i tassi di interesse ai livelli attuali nella sua ultima dichiarazione politica.

La Banca del Canada ha già iniziato a tagliare i tassi di interesse.

I titoli canadesi delle utility e del settore immobiliare saranno probabilmente tra i maggiori beneficiari del ciclo di allentamento della BoC, mentre la prospettiva di un aumento della domanda di prestiti potrebbe aiutare le azioni bancarie, dicono gli investitori.

I titoli finanziari hanno aggiunto lo 0,5% dopo che la National Bank ha accettato un accordo da 5 miliardi di dollari (3,65 miliardi di dollari) per acquistare la Canadian Western Bank di Alberta. Le azioni di National Bank sono scese del 5,9%, mentre Canadian Western Bank è balzata del 68,3%.

Il settore immobiliare è salito dell'1% e la tecnologia ha chiuso in rialzo dell'1,4%.

Il prezzo del petrolio è salito dello 0,8% a 78,50 dollari al barile. Tuttavia, l'energia ha perso lo 0,7%.

Anche i beni di consumo discrezionali hanno chiuso in ribasso, con un calo dello 0,5%; le azioni di Dollarama sono scese del 4,1%, dopo che il discount ha registrato un calo delle vendite dei negozi comparabili nel primo trimestre. (Relazioni di Fergal Smith a Toronto e di Nikhil Sharma e Shristi Achar A; Redazione di Shreya Biswas e Alistair Bell)