1. Home
  2. Azioni
  3. Hong Kong
  4. Hong Kong Stock Exchange
  5. CNOOC Limited
  6. Notizie
  7. Riassunto
    883   HK0883013259

CNOOC LIMITED

(883)
  Rapporto
Tempo differito Hong Kong Stock Exchange  -  10:08 10/08/2022
9.570 HKD   -0.93%
28/07La Cina CNOOC estrae olio di scisto in un pozzo di esplorazione nel Mar Cinese Meridionale
MR
27/07La Cina riduce i prezzi del carburante al dettaglio da mercoledì
MT
26/07Shenzhen chiede a Huawei, ZTE, BYD e altre aziende tecnologiche di formare bolle di fabbrica.
MT
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietąFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

L'Iraq si oppone a un maggiore controllo cinese dei suoi giacimenti petroliferi

17-05-2022 | 02:22
FILE PHOTO: Iraqi Oil Minister Ihsan Abdul Jabbar walks during a Lukoil energy event, in Baghdad

Il Ministero del Petrolio iracheno ha ostacolato tre potenziali accordi l'anno scorso che avrebbero dato alle aziende cinesi un maggiore controllo sui suoi giacimenti petroliferi e hanno portato all'esodo delle major petrolifere internazionali che Baghdad vuole investire nella sua economia scricchiolante.

Dall'inizio del 2021, i piani della russa Lukoil e della major petrolifera statunitense Exxon Mobil di vendere quote di importanti giacimenti a società cinesi sostenute dallo Stato sono stati bloccati dopo gli interventi del Ministero del Petrolio iracheno, secondo i funzionari petroliferi iracheni e i dirigenti del settore.

La vendita di una quota a una società statale cinese era anche una delle diverse opzioni prese in considerazione dalla britannica BP, ma i funzionari l'hanno convinta a rimanere in Iraq per il momento, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

La Cina è il principale investitore dell'Iraq e Baghdad è stato il maggior beneficiario l'anno scorso dell'iniziativa Belt and Road di Pechino, ricevendo 10,5 miliardi di dollari in finanziamenti per progetti infrastrutturali, tra cui una centrale elettrica e un aeroporto.

Ma quando si tratta di ulteriori investimenti cinesi nei principali giacimenti petroliferi, Baghdad ha tracciato una linea di demarcazione.

Il governo iracheno e i funzionari delle aziende statali sono preoccupati che un ulteriore consolidamento dei giacimenti nelle mani delle aziende cinesi possa accelerare l'esodo delle compagnie petrolifere occidentali, hanno dichiarato a Reuters sette funzionari petroliferi iracheni e dirigenti di aziende che operano in Iraq.

Sostenuto dai funzionari delle compagnie petrolifere statali, il Ministro del Petrolio iracheno Ihsan Abdul Jabbar ha dissuaso Lukoil, l'anno scorso, dal vendere una partecipazione in uno dei maggiori giacimenti del Paese, West Qurna 2, all'azienda statale cinese Sinopec, hanno detto tre persone che hanno familiarità con la questione.

I funzionari iracheni sono intervenuti anche l'anno scorso per impedire alle aziende statali cinesi di acquistare la partecipazione di Exxon in West Qurna 1 e per convincere BP a rimanere in Iraq piuttosto che scaricare la sua partecipazione nel gigantesco giacimento petrolifero di Rumaila a una società cinese, hanno detto persone familiari con la questione.

Insieme, Rumaila e West Qurna producono circa la metà del greggio proveniente dall'Iraq, che si trova al quinto posto tra le riserve di petrolio più grandi al mondo.

Il Ministero del Petrolio iracheno non ha risposto alle richieste di commento sugli accordi o sul ruolo del Ministro in eventuali interventi.

Il governo teme che il dominio della Cina possa rendere l'Iraq meno attraente per gli investimenti provenienti da altri Paesi, hanno detto due funzionari governativi.

Il rafforzamento della relazione della Cina con l'Iran ha favorito la sua posizione in Iraq grazie all'influenza politica e militare di Teheran, ma il Ministero del Petrolio è cauto nel cedere un maggiore controllo sulle risorse chiave del Paese, hanno detto alcuni funzionari.

"Non vogliamo che il settore energetico iracheno venga etichettato come un settore energetico guidato dalla Cina e questo atteggiamento è condiviso dal governo e dal Ministero del Petrolio", ha detto un altro funzionario iracheno.

STRATEGIA RISCHIOSA

Gli interventi sulle posizioni di BP, Exxon e Lukoil in Iraq arrivano dopo che la major petrolifera britannica Shell ha deciso nel 2018 di ritirarsi dal vasto giacimento petrolifero iracheno di Majnoon.

Gli interventi segnano anche un cambiamento di posizione dopo che le aziende cinesi si sono aggiudicate la maggior parte degli accordi e dei contratti energetici assegnati negli ultimi quattro anni. I funzionari petroliferi iracheni hanno detto che le aziende cinesi hanno accettato margini di profitto inferiori rispetto alla maggior parte dei rivali.

"Tutte le regole relative alle gare d'appalto sono state formulate congiuntamente dalle parti cinese e irachena e sono state condotte secondo principi trasparenti ed equi", ha dichiarato la società statale China National Offshore Oil Corporation (CNOOC) in una dichiarazione inviata via e-mail.

Respingere ulteriori investimenti cinesi è una strategia rischiosa, tuttavia, poiché non c'è garanzia che altri si facciano avanti e il governo ha bisogno di miliardi di dollari per ricostruire l'economia dopo che l'insurrezione dello Stato Islamico è stata sconfitta nel 2017.

Nell'ultimo decennio, le entrate petrolifere hanno rappresentato il 99% delle esportazioni irachene, l'85% del bilancio del Paese e il 42% del suo prodotto interno lordo, secondo la Banca Mondiale.

Mentre le major petrolifere hanno lottato per ottenere l'accesso ai vasti giacimenti petroliferi iracheni dopo l'invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2003, sono sempre più concentrate sulla transizione energetica e su giochi più redditizi altrove. Vogliono anche condizioni migliori per sviluppare i giacimenti, hanno detto i dirigenti del settore petrolifero.

La Cina è tra i maggiori acquirenti di greggio iracheno e le aziende statali cinesi hanno costruito una posizione dominante nella sua industria petrolifera.

Ma quando Lukoil ha notificato al Governo, l'estate scorsa, che stava considerando di vendere una parte della sua partecipazione in West Qurna 2 a Sinopec, il Ministro del Petrolio è intervenuto, secondo quanto riferito da persone che hanno familiarità con la questione.

In precedenza non era stato riferito che Sinopec fosse il potenziale acquirente della partecipazione di Lukoil. L'azienda cinese non ha risposto a una richiesta di commento.

Per incoraggiare Lukoil a rimanere, l'Iraq ha offerto un incentivo, ha detto una persona con conoscenze dirette.

Pochi mesi dopo che Lukoil aveva segnalato che stava valutando una vendita, Baghdad ha finalmente approvato il suo piano di sviluppo di un giacimento noto come Blocco 10, dove l'azienda russa aveva scoperto un giacimento di petrolio nel 2017. In seguito, Lukoil ha abbandonato l'idea di vendere la sua partecipazione in West Qurna 2, ha detto la fonte.

Lukoil non ha risposto a una richiesta di commento.

BP E EXXON

Negli ultimi anni anche BP ha parlato con il Governo delle sue opzioni - tra cui quella di lasciare del tutto l'Iraq - prima di decidere di scorporare la sua partecipazione in Rumaila in una società autonoma lo scorso anno, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione.

Il Ministro del Petrolio Abdul Jabbar ha guidato gli sforzi per convincere BP a non andarsene, poiché il Governo temeva che il suo partner nel settore, China National Petroleum Corporation (CNPC), avrebbe acquistato la partecipazione di BP, hanno detto le persone. Baghdad era anche desiderosa di mantenere nel Paese una major petrolifera internazionale di così alto profilo, hanno detto.

BP ha rifiutato di commentare.

Quando Exxon ha segnalato la sua intenzione di lasciare l'Iraq nel gennaio 2021, i funzionari degli Stati Uniti hanno detto a Exxon che non erano soddisfatti della prospettiva che la più grande major petrolifera statunitense si ritirasse, per ragioni che facevano eco alle preoccupazioni irachene.

I funzionari del Dipartimento di Stato hanno detto che l'uscita di Exxon potrebbe creare un vuoto da riempire per le aziende cinesi, ha detto una persona a conoscenza delle conversazioni. I funzionari statunitensi hanno poi chiesto a Exxon cosa avrebbe richiesto per rimanere in Iraq, ha detto la persona, rifiutando di fornire ulteriori dettagli.

Un portavoce del Dipartimento di Stato ha dichiarato: "Ci impegniamo regolarmente con le nostre controparti irachene per promuovere un ambiente favorevole agli investimenti del settore privato".

Exxon ha firmato un accordo per la vendita della sua partecipazione in West Qurna 1 a CNOOC e PetroChina, il braccio quotato in borsa di CNPC, hanno detto le persone che hanno familiarità con la questione.

Né CNOOC né CNPC hanno risposto alle richieste di commento sugli accordi.

La partecipazione di Exxon è stata valutata tra i 350 e i 375 milioni di dollari, hanno detto le persone familiari con la questione. Tuttavia, l'Iraq ha un potere di veto sulle transazioni di giacimenti petroliferi e non ha approvato la transazione.

Exxon ha presentato un'istanza di arbitrato presso la Camera di Commercio Internazionale contro Basra Oil Co. sostenendo di aver rispettato i termini del suo contratto per West Qurna 1 e di avere un buon accordo sul tavolo, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

Il Ministero del Petrolio ha quindi compiuto l'insolito passo di cercare di mediare un accordo per conto di Exxon. Il Ministero ha offerto la quota di Exxon ad altre società occidentali, tra cui Chevron Corp.

Nessuno era interessato. Piuttosto che lasciare la quota alle aziende cinesi, Baghdad ha detto che l'avrebbe presa la Compagnia Nazionale Petrolifera Irachena (INOC), gestita dallo Stato, anche se l'INOC è ancora in fase di rianimazione dopo essere stata inattiva per molti anni.

"(Exxon) continuerà a lavorare a stretto contatto e in modo costruttivo per raggiungere una risoluzione equa", ha dichiarato una portavoce.

CONTRATTI DI SERVIZIO

L'industria petrolifera irachena si basa principalmente su contratti di servizio tecnico tra la Basra Oil Co. sostenuta dallo Stato e le società straniere che vengono rimborsate dei costi più una commissione per barile per sviluppare i giacimenti, mentre l'Iraq mantiene la proprietà delle riserve.

Le major petrolifere in genere preferiscono accordi che consentono una partecipazione ai profitti, piuttosto che un compenso fisso.

La priorità per le aziende cinesi, tuttavia, è ottenere forniture sicure di petrolio per alimentare l'economia cinese in crescita, piuttosto che i ritorni per gli investitori, ha detto un dirigente petrolifero cinese con conoscenza diretta degli investimenti globali della CNPC.

Ci sono alcuni segnali, tuttavia, che indicano che l'Iraq sta cercando di rendere le sue condizioni più attraenti.

La francese TotalEnergies ha firmato a settembre un accordo da 27 miliardi di dollari che prevedeva il pagamento del 40% delle entrate di un giacimento. Tuttavia, l'accordo si è arenato a causa di controversie sui termini e deve ancora essere approvato da alcune agenzie governative irachene, ha riferito Reuters a febbraio.

TotalEnergies ha dichiarato di essere pienamente impegnata nel progetto.

Un dirigente della compagnia petrolifera ha detto di essere scettico sul fatto che l'Iraq introdurrà condizioni più interessanti. Ma a meno che non migliorino in modo significativo, gli analisti dicono che è difficile immaginare che l'Iraq sarà in grado di arginare l'esodo, mentre la transizione energetica accelera.

"Molte delle major energetiche stanno valutando le emissioni di carbonio, la loro capacità di generare flussi di cassa se i prezzi delle materie prime sono bassi, e stanno cercando di migliorare i rendimenti", ha detto Ian Thom, direttore della ricerca presso la società di consulenza Wood Mackenzie. "Poiché le priorità delle aziende energetiche stanno cambiando, l'attrattiva relativa dell'Iraq sta cambiando".


© MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BP PLC 0.01%422.55 Prezzo in differita.27.85%
CHEVRON CORPORATION 1.30%155.41 Prezzo in differita.30.73%
CHINA PETROLEUM & CHEMICAL CORPORATION 0.24%4.11 Prezzo di chiusura.-2.84%
CNOOC LIMITED -0.93%9.57 Prezzo in differita.20.30%
EXXON MOBIL CORPORATION 1.84%90.59 Prezzo in differita.48.05%
LONDON BRENT OIL -1.75%94.67 Prezzo in differita.23.87%
LUKOIL -1.14%3911 Prezzo di chiusura.-40.47%
MSCI SINGAPORE (GDTR) -0.42%5777.04 Prezzo in tempo reale.-7.19%
PETROCHINA COMPANY LIMITED -0.29%3.44 Prezzo in differita.-0.58%
SHELL PLC -0.32%2176.5 Prezzo in differita.34.70%
TOTALENERGIES SE 0.20%50.94 Prezzo in tempo reale.13.94%
WTI -1.84%88.949 Prezzo in differita.19.95%
Tutte le notizie su CNOOC LIMITED
28/07La Cina CNOOC estrae olio di scisto in un pozzo di esplorazione nel Mar Cinese Meridion..
MR
27/07La Cina riduce i prezzi del carburante al dettaglio da mercoledì
MT
26/07Shenzhen chiede a Huawei, ZTE, BYD e altre aziende tecnologiche di formare bolle di fab..
MT
25/07La Cina inserisce il produttore di iPhone e CNOOC nel 'circuito chiuso' di Shenzhen per..
MR
21/07Hua Yang registra profitti e ricavi inferiori nel primo trimestre fiscale
MT
19/07L'Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,9% a causa della pandemia e delle prospettive ..
MT
18/07La Guyana corre contro il tempo per mettere a frutto la sua bonanza petrolifera
MR
18/07La produzione di greggio della Cina si stabilizza a giugno
MT
15/07CNOOC prevede un aumento del 118% dell'utile del primo semestre.
MT
14/07CNOOC Limited fornisce una guida agli utili per il primo semestre conclusosi il 30 giug..
CI
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su CNOOC LIMITED
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2022 363 Mld 53 691 M 52 494 M
Risultato netto 2022 120 Mld 17 708 M 17 313 M
Indebitamento netto 2022 80 831 M 11 970 M 11 703 M
P/E ratio 2022 3,22x
Rendimento 2022 12,8%
Capitalizzazione 396 Mld 58 622 M 57 315 M
VS / Fatturato 2022 1,31x
VS / Fatturato 2023 1,30x
N. di dipendenti 18 887
Flottante 34,8%
Grafico CNOOC LIMITED
Durata : Periodo :
CNOOC Limited: grafico analisi tecnica CNOOC Limited | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica CNOOC LIMITED
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleNeutraleNeutrale
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media Buy
Numero di analisti 20
Ultimo prezzo di chiusura 8,31 CNY
Prezzo obiettivo medio 12,19 CNY
Differenza / Target Medio 46,7%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Xin Huai Zhou Chief Executive Officer & Executive Director
Qing Long Xia President & Executive Director
Wei Zhi Xie Chief Financial Officer
Dong Jin Wang Chairman
Xiaonan Wu Joint Secretary & Compliance Officer
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
CNOOC LIMITED20.30%58 622
CONOCOPHILLIPS32.32%121 587
EOG RESOURCES, INC.21.85%63 433
CANADIAN NATURAL RESOURCES LIMITED26.96%59 066
OCCIDENTAL PETROLEUM CORPORATION107.11%57 977
PIONEER NATURAL RESOURCES COMPANY19.96%52 075