Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
  1. Home
  2. Azioni
  3. Svizzera
  4. Swiss Exchange
  5. Credit Suisse Group AG
  6. Notizie
  7. Riassunto
    CSGN   CH0012138530

CREDIT SUISSE GROUP AG

(CSGN)
  Rapporto
Tempo reale stimato Cboe Europe  -  11:05:18 24/03/2023
0.7460 CHF   -6.84%
10:50L'amministratore delegato di StanChart dice che l'azzeramento delle obbligazioni AT1 da parte di Credit Suisse avrà un impatto sui regolamenti globali
MT
10:31"Banchieri non hanno paura della Finma", dice esperto
AW
10:14UBS sarebbe disposta ad offrire pacchetti di fidelizzazione ai Relationship Manager di Credit Suisse in Asia
MT
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivatiFondi 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

Analisi - Il panico bancario solleva lo spettro del 2008, ma pu˛ portare un cambiamento duraturo

18-03-2023 | 19:26
FILE PHOTO: Banking regulators close Silicon Valley Bank

La velocitÓ fulminea con cui l'industria bancaria Ŕ scesa nelle turbolenze ha scosso i mercati globali e i governi, facendo rivivere i ricordi inquietanti della crisi finanziaria. Come nel 2008, gli effetti potrebbero essere di lunga durata.

Nel giro di una settimana, due banche statunitensi sono crollate, Credit Suisse Group AG ha avuto bisogno di un'ancora di salvezza da parte della Svizzera e le più grandi banche americane hanno concordato di depositare 30 miliardi di dollari in un'altra azienda in difficoltà, First Republic Bank, nel tentativo di aumentare la fiducia.

Evocando i ricordi dei frenetici accordi del fine settimana per salvare le banche durante la crisi finanziaria del 2008, le turbolenze hanno richiesto un'azione monumentale da parte della Federal Reserve, del Tesoro degli Stati Uniti e del settore privato. Come nel 2008, il panico iniziale non sembra essersi placato.

"Non ha senso, dopo le azioni della FDIC, della Fed e del Tesoro (domenica scorsa), che le persone siano ancora preoccupate per le loro banche", ha detto Randal Quarles, l'ex regolatore bancario principale della Federal Reserve. Ora affronta nuove critiche sulla sua agenda alla Fed, dove ha supervisionato gli sforzi per ridurre le normative sulle banche regionali.

"In un mondo precedente, le cose si sarebbero già calmate", ha detto Quarles.

Il crollo della Silicon Valley Bank, che deteneva un alto numero di depositi non assicurati oltre il limite garantito dalla Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) di 250.000 dollari, ha scosso la fiducia e ha spinto i clienti a ritirare i loro soldi. I clienti delle banche statunitensi hanno inondato di depositi i giganti bancari, tra cui JPMorgan Chase & Co, Bank of America Corp e Citigroup Inc. Questo ha portato ad una crisi di fiducia e ad un forte selloff delle banche più piccole.

"Facciamo molti piani di emergenza", ha detto Stephen Steinour, amministratore delegato di Huntington Bancshares Inc, un prestatore con sede a Columbus, Ohio. "Abbiamo iniziato a fare lo scenario 'what if' e abbiamo esaminato i nostri libri di gioco".

Mentre le banche sono alle prese con gli shock a breve termine, stanno anche valutando il lungo termine.

Gli eventi rapidi e drammatici hanno cambiato radicalmente il panorama delle banche. Ora, le grandi banche potrebbero diventare più grandi, le banche più piccole potrebbero sforzarsi di tenere il passo e altri istituti di credito regionali potrebbero chiudere. Nel frattempo, le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti cercheranno di aumentare il controllo sulle aziende di medie dimensioni che stanno sopportando il peso dello stress.

Si prevede che le banche regionali statunitensi paghino tassi più alti ai depositanti per evitare che passino a prestatori più grandi, lasciando loro costi di finanziamento più elevati.

"Le persone stanno effettivamente spostando il loro denaro, tutte queste banche appariranno fondamentalmente diverse tra tre mesi, sei mesi", ha detto Keith Noreika, vice presidente di Patomak Global Partners ed ex Comptroller repubblicano della valuta.

IL 2008 SI RIPETE?

La crisi attuale può sembrare spaventosamente familiare per coloro che hanno vissuto il 2008, quando i regolatori e i banchieri si sono riuniti in stanze chiuse per giorni per elaborare soluzioni. La spinta di giovedì, guidata dalle banche, per 30 miliardi di dollari, a First Republic ha ricordato anche il tentativo del 1998, guidato dall'industria, di salvare Long-Term Capital Management, quando le autorità di regolamentazione hanno mediato un accordo con i giganti del settore per pompare miliardi nell'hedge fund in difficoltà.

In quest'ultimo panico, ci sono delle differenze.

"Per chiunque abbia vissuto la crisi finanziaria globale, la settimana appena trascorsa ha un sapore familiare", ha scritto in un post sul blog Josh Lipsky, direttore senior del Centro di GeoEconomia del Consiglio Atlantico ed ex consulente del FMI. "Se si guarda oltre la superficie, è chiaro che il 2023 ha poche somiglianze con il 2008".

Nel 2008, le autorità di regolamentazione hanno dovuto fare i conti con miliardi di dollari di mutui tossici e derivati complessi che giacevano nei libri contabili delle banche. Questa volta, il problema è meno complesso, in quanto le partecipazioni sono costituite da Treasury statunitensi, scrive Lipsky.

E questa volta, il settore è fondamentalmente sano.

Mentre il Congresso e le autorità di regolamentazione hanno ridotto le salvaguardie per le banche regionali nel corso degli anni, ci sono standard più severi per le banche globali più grandi, grazie ad una serie di nuove restrizioni imposte da Washington nella legge di riforma finanziaria Dodd-Frank del 2010.

Questa stabilità è stata messa in mostra giovedì, quando le aziende più grandi hanno accettato di collocare miliardi di depositi presso First Republic, scommettendo di fatto che l'azienda sarebbe rimasta a galla. Tuttavia, l'azienda rimane sotto pressione, con il prezzo delle sue azioni che è sceso del 33% il giorno dopo l'infusione di capitale.

"Le banche sono in realtà più sane di quanto non lo fossero prima della crisi del 2008, perché non sono state autorizzate a fare praticamente nulla in termini di assunzione di veri rischi di credito sottostanti alle loro attività", ha dichiarato Dan Zwirn, CEO di Arena Investors a New York.

Ora i banchieri e le autorità di regolamentazione sono alle prese con una serie di sfide inaspettate. I depositi, a lungo considerati una fonte affidabile di liquidità bancaria, sono ora messi in discussione.

E coloro che hanno assistito al rapido crollo di SVB si chiedono quale ruolo abbiano avuto i social media, oggi onnipresenti ma di nicchia nel 2008, nel far sì che le persone ritirassero il denaro.

"42 miliardi di dollari in un giorno?", ha detto un alto funzionario del settore che ha rifiutato di essere nominato, riferendosi alla massiccia fuga di depositi di Silicon Valley Bank prima del suo fallimento. "È semplicemente pazzesco".

LENTE NORMATIVA

L'ultima crisi ha cambiato il settore bancario, in quanto le grandi aziende sono fallite o sono state acquistate da altri e la Dodd-Frank è stata promulgata. Ora sono in corso sforzi simili.

"Ora le autorità di regolamentazione sanno che queste banche offrono un rischio maggiore per la nostra economia generale di quanto pensassero. E sono sicura che torneranno indietro e aumenteranno la regolamentazione per quanto possibile", ha detto Amy Lynch, fondatrice e presidente di FrontLine Compliance.

Secondo gli analisti, un Congresso diviso non è in grado di portare avanti alcuna riforma completa. Ma i regolatori bancari, guidati dalla Fed, stanno segnalando la possibilità di inasprire le regole esistenti sulle imprese più piccole, al centro dell'attuale crisi.

Attualmente, le banche regionali con un patrimonio inferiore a 250 miliardi di dollari hanno requisiti di capitale, liquidità e stress test più semplici. Queste regole potrebbero aumentare di intensità dopo che la Fed avrà concluso la sua revisione.

"Devono assolutamente, non si tratta nemmeno di doverlo fare, devono riconsiderare e cambiare le loro strategie e le regole che sono state adottate", ha detto Saule Omarova, una professoressa di legge che il Presidente Joe Biden ha nominato alla guida dell'Ufficio del Comptroller of the Currency.

La recente crisi ha anche riportato le grandi banche sul radar di Washington, forse cancellando anni di lavoro del settore per sfuggire alla reputazione macchiata dalla crisi del 2008.

Importanti critici delle grandi banche, come la senatrice Elizabeth Warren, stanno criticando il settore per aver spinto verso regole più semplici, in particolare una legge del 2018 che consente alle banche di medie dimensioni, come la Silicon Valley Bank, di evitare la sorveglianza più rigorosa.

Altri politici riservano l'ira ai regolatori, chiedendosi ad alta voce come SVB abbia potuto finire in una posizione così disastrosa mentre i guardiani erano al lavoro.

La Federal Reserve intende condurre una revisione interna della sua supervisione della banca. Ma crescono le richieste di un esame indipendente. Giovedì, un gruppo bipartisan di 12 senatori ha inviato una lettera alla Fed, affermando che è "gravemente preoccupante" che i supervisori non abbiano identificato le debolezze in anticipo.

"SVB non è una banca molto complicata", ha detto Dan Awrey, professore di legge della Cornell ed esperto di regolamentazione bancaria. "Se le banche grandi e non complesse non possono ottenere la supervisione appropriata, si pone la domanda: chi mai possiamo regolamentare?".


ę MarketScreener con Reuters 2023
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -0.51%0.6645 Prezzo in differita.-1.70%
BANK OF AMERICA CORPORATION -2.42%26.97 Prezzo in differita.-18.57%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) -0.49%1.22194 Prezzo in differita.1.50%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.37%0.72638 Prezzo in differita.-1.25%
CITIGROUP INC. -0.59%43.45 Prezzo in differita.-3.94%
CREDIT SUISSE GROUP AG -6.59%0.7484 Prezzo in differita.-71.03%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) -0.85%1.07406 Prezzo in differita.1.24%
FIRST REPUBLIC BANK -6.00%12.53 Prezzo in differita.-89.72%
HUNTINGTON BANCSHARES INCORPORATED 0.19%10.68 Prezzo in differita.-24.26%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) -0.16%0.012143 Prezzo in differita.0.26%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -0.62%0.6204 Prezzo in differita.-1.87%
SVB FINANCIAL GROUP -60.41%106.04 Prezzo in differita.0.00%
Tutte le notizie su CREDIT SUISSE GROUP AG
10:50L'amministratore delegato di StanChart dice che l'azzeramento delle obbligazioni AT1 da..
MT
10:31"Banchieri non hanno paura della Finma", dice esperto
AW
10:14UBS sarebbe disposta ad offrire pacchetti di fidelizzazione ai Relationship Manager di ..
MT
08:43Credit Suisse; Azzeramento obbligazioni, anche banche asiatiche hanno clausola
AW
08:42Ubs offre incentivi a wealth banker Credit Suisse Asia per trattenere talenti - fonti
RE
08:39Bce rassicurerà leader Ue su stabilità banche, richiederà sistema garanzie depositi
RE
08:13Il sorriso di Colonna-Dollaro sembra un po' sbilenc..
MR
06:21L'offerta di obbligazioni verdi da 1,75 miliardi di euro di Volkswagen riceve ordini pe..
MT
05:59UBS offre pacchetti di fidelizzazione ai banchieri del Credit Suisse Asia - fonti
MR
04:59L'amministratore delegato di StanChart dice che l'azzeramento delle obbligazioni di Cre..
MR
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su CREDIT SUISSE GROUP AG
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2023 14 604 M 15 989 M 14 680 M
Risultato netto 2023 -2 237 M -2 449 M -2 248 M
Indebitamento netto 2023 - - -
P/E ratio 2023 -1,51x
Rendimento 2023 5,99%
Capitalizzazione 3 156 M 3 456 M 3 172 M
Capi. / Fatturato 2023 0,22x
Capi. / Fatturato 2024 0,20x
N. di dipendenti 50 480
Flottante 98,4%
Grafico CREDIT SUISSE GROUP AG
Durata : Periodo :
Credit Suisse Group AG: grafico analisi tecnica Credit Suisse Group AG | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica CREDIT SUISSE GROUP AG
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRibassistaRibassistaRibassista
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media Underperform
Numero di analisti 15
Ultimo prezzo di chiusura 0,80 CHF
Prezzo obiettivo medio 2,79 CHF
Differenza / Target Medio 249%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Ulrich K÷rner Group Chief Executive Officer
Dixit Joshi Chief Financial Officer
Axel P. Lehmann Chairman
Joanne Hannaford Chief Technology Officer
Francesca Jane McDonagh Chief Operating Officer
Settore e Concorrenza
1 MarketScreener vale pi¨ di 1000 Influencer!
Registrazione 100% gratuita
fermer