Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
  1. Home
  2. Azioni
  3. Emirati Arabi Uniti
  4. Abu Dhabi Securities Exchange
  5. Dana Gas
  6. Notizie
  7. Riassunto
    DANA   AED000701014

DANA GAS

(DANA)
  Rapporto
Prezzo di chiusura Abu Dhabi Securities Exchange  -  08/12/2022
0.9090 AED   +1.11%
09/11Dana Gas PJSC riporta i risultati dei guadagni per il terzo trimestre e i nove mesi conclusi il 30 settembre 2022
CI
30/09DANA GAS : Data ex dividendo per dividendo intermedio
FA
22/09Dana Gas PJSC approva un dividendo in contanti intermedio per il primo semestre 2022
CI
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniFondi 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Esclusivo: gli attacchi al principale giacimento di gas iracheno allontanano gli appaltatori statunitensi

30-08-2022 | 09:10
FILE PHOTO: Kurdish people sit in a cafe in the old city of Erbil

Una serie di attacchi missilistici contro un giacimento di gas nel nord dell'Iraq ha fatto scappare gli appaltatori statunitensi che lavoravano alla sua espansione, infliggendo un duro colpo alle speranze della regione curda di incrementare le proprie entrate e di offrire una piccola alternativa al gas russo.

Il progetto di espansione del giacimento di Khor Mor, gestito dal Consorzio Pearl, di proprietà della Dana Gas di Abu Dhabi e della sua affiliata Crescent Petroleum, è stato sospeso alla fine di giugno dopo tre attacchi missilistici.

I lavoratori dell'azienda texana Exterran Corp sono tornati il mese scorso per riprendere il lavoro, ma altri due razzi hanno colpito il sito il 25 luglio, costringendo l'azienda a lasciare nuovamente il sito senza una data di ritorno prevista, hanno detto fonti dell'industria e del governo curdo.

Khor Mor è uno dei più grandi giacimenti di gas in Iraq e il piano di espansione mira a raddoppiare la produzione in una regione che ha un disperato bisogno di più gas per generare elettricità e porre fine ai blackout quasi quotidiani.

Non ci sono stati danni gravi dagli attacchi e le operazioni esistenti non sono state interrotte, ma l'espansione, che prevede la costruzione di un nuovo gasdotto in una fase successiva verso la Turchia, è stata sospesa fino a quando non sarà garantita la sicurezza nell'area, hanno detto le fonti.

Il progetto, che è in parte finanziato attraverso un accordo di finanziamento da 250 milioni di dollari con l'International Development Finance Corporation degli Stati Uniti, mira anche ad esportare il gas in Turchia e in Europa, una volta soddisfatte le esigenze del mercato interno.

Exterran è il terzo appaltatore a smobilitarsi da quando gli attacchi hanno iniziato a colpire il giacimento il 21 giugno, con due subappaltatori turchi, Havatek e Biltek, che hanno già interrotto il lavoro.

Dana Gas ha rifiutato di commentare. Exterran, Havatek e Biltek non hanno risposto alle richieste di commento.

FUTURO INCERTO

L'anno scorso, il Governo curdo ha firmato un contratto con l'azienda energetica nazionale KAR Group per costruire un gasdotto da Khor Mor, passando per la capitale regionale Erbil, fino alla città di Dohuk, vicino al confine turco, parallelamente ad un gasdotto esistente.

I ritardi potrebbero costare al Governo Regionale del Kurdistan (KRG), oberato dal debito, una penale considerevole e lasceranno in sospeso i piani di esportazione del gas curdo.

Se l'infrastruttura non sarà pronta entro la scadenza del maggio 2023, il Governo curdo dovrà pagare a Dana Gas 40 milioni di dollari al mese fino a quando non sarà pronta, ha detto la fonte governativa.

"Ma soprattutto c'è il danno alla reputazione, perché le minacce alla sicurezza aggiunte aggiungono un altro livello di rischi che potrebbero avere un impatto sul costo del capitale e dell'assicurazione", ha dichiarato Ali Al-Saffar, responsabile del programma Medio Oriente e Nord Africa presso l'Agenzia Internazionale dell'Energia.

Il KRG non ha risposto a una richiesta di commento.

Dana Gas ha i diritti di sfruttamento di due dei più grandi giacimenti di gas in Iraq, Khor Mor e Chemchemal, che producono circa 450 milioni di piedi cubi di gas al giorno. Ha in programma di più che raddoppiare la produzione fino a 1 miliardo di piedi cubi al giorno nei prossimi anni, sufficienti a coprire il fabbisogno interno.

Con 16 mila miliardi di piedi cubi di riserve accertate, la produzione potrebbe potenzialmente aumentare fino a 1,5 miliardi di piedi cubi al giorno, lasciando una quantità considerevole per le esportazioni.

Dana Gas fornisce circa l'80% delle materie prime di gas della regione, secondo una fonte del settore.

Tuttavia, il piano di esportazione di gas della regione potrebbe minacciare il posto dell'Iran come principale fornitore di gas all'Iraq e alla Turchia, in un momento in cui la sua economia sta ancora risentendo delle sanzioni internazionali.

A marzo, il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche iraniane (IRGC) ha sparato una dozzina di missili balistici contro Erbil in un assalto che sembrava avere come obiettivo i piani della regione per la fornitura di gas alla Turchia e all'Europa, hanno detto i funzionari.

Sebbene nessun gruppo abbia rivendicato la responsabilità dei cinque attacchi a Khor Mor da giugno, i funzionari curdi, i diplomatici, le fonti industriali e gli esperti di energia hanno affermato di credere che siano stati effettuati da milizie sostenute dall'Iran.

Il Ministero degli Esteri iraniano non ha risposto a una richiesta di commento.

Tuttavia, due diplomatici con sede in Iraq hanno detto di ritenere che la rivalità all'interno dell'Unione Patriottica del Kurdistan (PUK), il partito che controlla il territorio in cui si trova il giacimento, abbia portato una parte a vendicarsi per essere stata esclusa dal progetto di espansione.

Un funzionario del PUK, che ha parlato in condizione di anonimato, ha respinto questa versione degli eventi.

TERRA DI NESSUNO

Il campo di Khor Mor è vicino a una terra di nessuno tra l'esercito iracheno, le forze curde e le milizie sciite, da dove sono stati lanciati i primi tre attacchi missilistici.

A causa della mancanza di un accordo sul controllo territoriale, ci sono aree in cui né l'esercito iracheno né le forze curde possono entrare, lasciando un vuoto di sicurezza in cui sono attive le milizie.

Ma gli ultimi due attacchi con razzi più grandi provenivano da aree più vicine alla città di Kirkuk, che si trova sotto il controllo del Governo federale.

"Khor Mor ha un grande potenziale e può aiutare i curdi", ha detto un funzionario curdo. "Veniamo attaccati da tutte le parti. Il futuro è molto incerto".

La battuta d'arresto del piano per il gas arriva in un momento in cui anche il settore petrolifero, l'ancora di salvezza finanziaria della regione, è in difficoltà.

Le riserve di petrolio si stanno esaurendo a un ritmo più che doppio rispetto alla media mondiale e una sentenza della Corte Suprema Federale di febbraio, che ha giudicato incostituzionali le basi legali del settore petrolifero e del gas della regione del Kurdistan, ha costretto alcune compagnie petrolifere straniere ad andarsene.

Exterran ha interrotto i lavori per motivi di sicurezza, piuttosto che per la sentenza, hanno detto fonti industriali e governative.

Ulteriori ritardi negli investimenti nel settore peseranno molto sul KRG, che si trova ad affrontare una crisi economica in una regione già in difficoltà in un Iraq instabile.

Il debito del KRG ammonta attualmente a circa 38 miliardi di dollari, secondo un funzionario governativo, e il parlamentare Karwan Gaznay, membro della commissione per il petrolio e il gas della regione, ha affermato che le esportazioni di petrolio rappresentano l'85% del bilancio del Kurdistan iracheno.

I ritardi nel pagamento degli stipendi del settore pubblico, i servizi pubblici scadenti e la corruzione hanno alimentato proteste spesso violente negli ultimi due anni contro i partiti politici che gestiscono la regione.

Le diffuse difficoltà economiche dei giovani curdi sono state anche uno dei principali fattori alla base della crisi dei migranti al confine tra Bielorussia e Unione Europea, iniziata nel 2021.

(1 dollaro = 1.458,5400 dinari iracheni)


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BRENT OIL -0.30%76.18 Prezzo in differita.2.29%
DANA GAS 1.11%0.909 Prezzo di chiusura.-14.25%
DOW JONES AFRICA TITANS 50 INDEX -0.10%472.34 Prezzo in tempo reale.-12.48%
S&P AFRICA 40 INDEX 0.21%155.87 Prezzo in tempo reale.-11.64%
US DOLLAR / TURKISH LIRA (USD/TRY) 0.03%18.64539 Prezzo in differita.39.97%
WTI -0.61%71.559 Prezzo in differita.-1.19%
Tutte le notizie su DANA GAS
09/11Dana Gas PJSC riporta i risultati dei guadagni per il terzo trimestre e i nove mesi con..
CI
30/09DANA GAS : Data ex dividendo per dividendo intermedio
FA
22/09Dana Gas PJSC approva un dividendo in contanti intermedio per il primo semestre 2022
CI
30/08Esclusivo: gli attacchi al principale giacimento di gas iracheno allontanano g..
MR
27/06Dana Gas PJSC annuncia la sospensione temporanea dei miglioramenti della sicurezza
CI
27/06Dana Gas PJSC sospende temporaneamente i lavori al progetto di espansione KM 250
CI
11/05Dana Gas PJSC riporta i risultati degli utili per il primo trimestre conclusosi il 31 m..
CI
29/04DANA GAS PJSC : Data ex dividendo per dividendo
FA
21/04Dana Gas PJSC approva il dividendo in contanti per il secondo semestre dell'esercizio f..
CI
30/03Dana Gas rivede la politica dei dividendi
CI
Altre news
Dati finanziari
Fatturato 2022 1 921 M 523 M 496 M
Risultato netto 2022 878 M 239 M 227 M
Indebitamento netto 2022 187 M 51,0 M 48,4 M
P/E ratio 2022 8,26x
Rendimento 2022 8,80%
Capitalizzazione 6 359 M 1 731 M 1 641 M
VS / Fatturato 2022 3,41x
VS / Fatturato 2023 3,01x
N. di dipendenti 300
Flottante 80,0%
Grafico DANA GAS
Durata : Periodo :
Dana Gas: grafico analisi tecnica Dana Gas | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica DANA GAS
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRibassistaRibassistaRibassista
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media ACCUMULATE
Numero di analisti 4
Ultimo prezzo di chiusura 0,91 AED
Prezzo obiettivo medio 1,16 AED
Differenza / Target Medio 27,9%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Patrick Adrian Allman-Ward Chief Executive Officer
Christopher James Hearne Chief Financial Officer
Hameed Dhiya Jafar Non-Independent Non-Executive Chairman
Richard Helwani Head-Information Technology
Varoujan Abraham Nerguizian Independent Non-Executive Director
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
DANA GAS-14.25%1 731
SAUDI ARABIAN OIL COMPANY-3.52%1 857 041
SHELL PLC42.40%198 560
TOTALENERGIES SE27.29%148 172
PETROCHINA COMPANY LIMITED0.58%129 984
EQUINOR ASA52.90%113 975