L'operatore di torri di telefonia mobile Cellnex accelererà le vendite di asset nel tentativo di ottenere un rating di credito investment grade entro la metà del prossimo anno e si sta preparando per un'ondata di consolidamento nel settore, ha dichiarato a Reuters l'amministratore delegato Marco Patuano.

L'azienda spagnola, che è cresciuta attraverso le acquisizioni da quando si è quotata nel 2015, ha cambiato direzione l'anno scorso quando l'aumento dei tassi di interesse l'ha costretta a ri-focalizzarsi sulla riduzione del debito, vendendo attività non-core e semplificando il business.

Patuano ha detto di aspettarsi che la generazione di cassa dell'azienda accelererà drasticamente tra due o tre anni, quando gli impegni di spesa di capitale (capex) si ridurranno e le attività saranno abbastanza mature da generare rendimenti più elevati.

"Il capex sta (ora) assorbendo tutta la generazione di cassa. 2024, grande capex. 2025, grande capex, e poi c'è un precipizio. Nel 2027, si sta generando molta liquidità. Non si può immaginare, molta liquidità", ha detto Patuano.

A quel punto, Cellnex prevede un consolidamento tra i sei maggiori operatori di torri europei, a condizione che le condizioni di mercato siano favorevoli.

"(In) Europa (ciò che) accadrà è che oggi ci sono sei operatori di torri. E domani, credo che ce ne saranno meno di sei", ha detto Patuano.

Patuano ha sollevato la possibilità di rilanciare l'offerta del 2022 del suo predecessore per le attività di torri di Deutsche Telekom, ora note come GD Towers. "Quando i tempi saranno maturi, (potrebbe) essere un uso molto appropriato delle risorse", ha detto.

GIORNATA DEI MERCATI DEI CAPITALI A MARZO

A marzo, Cellnex intende annunciare una nuova strategia che la porterà fino al 2026, incorporando obiettivi di allocazione del capitale a più lungo termine.

Da quando ha assunto il timone a giugno, Patuano ha condotto una revisione del portafoglio dell'azienda per identificare le attività principali e le potenziali cessioni.

"In Irlanda e in Austria stiamo valutando la possibilità di una cessione completa", ha detto Patuano, che ha già concordato la vendita di una quota di minoranza nelle operazioni di Cellnex Nordics a settembre.

Secondo un rapporto pubblicato in ottobre da Kepler Cheuvreux, le unità di Cellnex in Irlanda e Austria hanno un valore aziendale di 1,05 miliardi di euro (1,15 miliardi di dollari) e 1,41 miliardi di euro rispettivamente.

Cellnex mira a ridurre il suo rapporto di leva finanziaria al di sotto di sei volte i suoi guadagni di base nel 2024 per cercare di migliorare il suo rating di credito.

L'azienda spagnola sta anche pianificando di investire circa 150 milioni di euro nell'acquisizione dei terreni dove si trovano le sue torri.

"Nei prossimi due anni, dovremmo migliorare ancora di più la liquidità derivante dalle operazioni", ha detto Patuano, aggiungendo che l'acquisizione di terreni è uno dei modi per raggiungere questo obiettivo.

L'azienda si impegna ad aumentare la remunerazione degli azionisti nei prossimi anni, attraverso il pagamento di dividendi e il riacquisto di azioni.

"Se si investe in infrastrutture, non si cerca una crescita senza rendimento, ma un rendimento con una crescita decente, che è migliore dell'inflazione", ha detto Patuano.

(1 dollaro = 0,9168 euro) (Servizio di Andres Gonzalez e Amy-Jo Crowley Redazione di Anousha Sakoui e Mark Potter)