(Alliance News) - Piazza Affari ha aperto in rialzo, come previsto la seduta di mercoledì, in attesa che S&P Global rilasci i PMI sui servizi e compositi delle principale economie europee e il giorno prima che la Banca Centrale Europea decida la politica monetaria.

Intanto, in Asia, il PMI dei servizi della Cina è salito a 54,0 punti a maggio da 52,5 punti di aprile, battendo le previsioni di 52,6 punti, come reso noto da S&P Global mercoledì.

Quello di maggio è stato il 17esimo mese consecutivo di espansione dell'attività dei servizi, segnando il ritmo più rapido dal luglio del 2023, poiché i nuovi ordini e i nuovi ordini di esportazione sono cresciuti maggiormente in un anno grazie al rafforzamento della domanda interna ed esterna.

A maggio, l'indice PMI dei servizi della au Jibun Bank per il Giappone è stato rivisto al rialzo a 53,8 punti dal dato preliminare di 53,6 punti, come reso noto da S&P Global mercoledì.

L'indice PMI composito del Giappone è stato rivisto al rialzo a 52,6 punti a maggio dal dato preliminare di 52,4 punti. Si tratta del valore più alto dallo scorso agosto, dopo il valore di 52,3 punti di aprile, poiché l'economia dei servizi è cresciuta a un ritmo più lento ma è rimasta robusta mentre la produzione manifatturiera si è stabilizzata.

A Milano, il FTSE Mib sale dlelo 0,5% in avvio a 34.447,45, il Mid-Cap è in rialzo dello 0,2% a 47.682,45, lo Small-Cap guadagna lo 0,2% a 29.356,82 e l'Italia Growth è in parità a 8.179,72.

In Europa, il FTSE 100 di Londra è in rialzo dello 0,3% a 8.255,85, il CAC 40 di Parigi sale dello 0,5% a 7.979,06 e il DAX 40 di Francoforte è su dello 0,5% a 18.496,99.

Sul Mib, DiaSorin guida i rialzi in apertura, con un auemtno dell'1,5%, dopo aver comunicato nella notte di aver ricevuto dalla Food and Drug Administration statunitense l'autorizzazione 510(k) per il nuovo Liaison Plex Yeast Blood Culture Assay, il secondo pannello di diagnostica molecolare multiplexing su analizzatore Liaison Plex-

Il Liaison Plex Yeast Blood Culture Assay rappresenta il primo di tre pannelli per la diagnosi delle infezioni del sangue sulla nuova piattaforma mutiplexing del gruppo e permette l'identificazione di 16 patogeni comunemente associati alle fungemie. I funghi patogeni sono spesso considerati una minaccia emergente e destano grande preoccupazione per la facile diffusione tra i pazienti nelle strutture sanitarie.

"L'autorizzazione ricevuta oggi dalla FDA rappresenta un'ulteriore testimonianza dell'importanza che sta assumendo il nuovo analizzatore Liaison Plex" ha commentato Angelo Rago, president di Luminex.

Bene le utility, con Enel su dell'1,1% e Hera che segue con lo 0,9%. Salgono, con percentuali simili, anche Snam e Terna.

UniCredit guadagna lo 0,4% dopo aver emesso un bond senior non-preferred da EUR1 miliardi con scadenza a quattro anni ma richiamabile dopo tre.

Inoltre, la banca ha emesso un altro titolo senior non-preferred con scadenza a 10 anni da EUR1 milioni. Entrambe le operazioni sono rivolte a investitori istituzionali.

L'emissione è avvenuta in seguito a un processo di book building che ha raccolto domanda complessiva per circa EUR5 miliardi e con oltre 300 ordini da parte di investitori a livello globale.

Bene anche A2A, su dello 0,4%, che ha emesso un'obbligazione perpetua subordinata ibrida green-use of proceeds da EUR750 milioni.

La società ha registrato una richiesta di EUR2,9 miliardi per l'emissione pari a circa quattro volte l'ammontare offerto.

"Questa emissione, a sostegno dei progetti nell'ambito della transizione energetica e dell'economia circolare, rafforza ulteriormente la struttura patrimoniale e il profilo di credito del gruppo nel rispetto delle linee guida del piano strategico 2024-2035, diversificando al contempo la base degli investitori – ha commentato Luca Moroni, CFO di A2A –. L'operazione conferma inoltre il commitment di A2A nel rispettare robuste metriche di credito in linea con l'attuale rating investment grade".

Sul Mid-Cap, Credem è in parità dopo aver fatto sapere martedì che, in relazione alle notizie apparse sulla stampa in merito al business legato ai contratti con gli esercenti per la gestione dei Pos e servizi accessori, dopo un processo di selezione che ha coinvolto primari gruppi operanti nel settore, la società ha concesso a Worldline un periodo di trattativa in esclusiva.

Piaggio sale dello 0,3%. Ieri, la Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso di Peugeot Motocycles e Peugeot Motocycles Italia contro le sentenze della Corte d'Appello e del Tribunale di Milano, che avevano accertato la violazione di un brevetto europeo di Piaggio nella realizzazione del veicolo Peugeot Metropolis.

In testa al listino, Philogen guida i rialzi con un aumento del 2,9%, con appena 1.725 azioni passate di mano finora.

Tra le smallcap, Eems Italia si piazza sul fondo del listino, complice un ribasso dell'11%, mentre perde terreno anche EPH, giù del 9,5%, dopo aver annunciato di aver ricevuto, da parte di GGHL, richiesta di conversione un'obbligazione, per un controvalore complessivo di EUR10.000 a valere sulle prime due tranche del POC cum warrant.

Sull'altro versante del listino, Exprivia sale del 3,9% e si piazza in testa al paniere.

Tra le PMI, sono ancora pochi i titoli interessati dagli scambi, ma si mette comunque in evidenza Doxee, che sale del 9,1% e registra una delle migliori performance dopo il suono della campanella.

Bene anche Emma Villas, su del 6,2%, mentre Convergenze cede il 6,2% e si porta sul fondo del listino.

Da menzionare il rialzo di Yolo Group, che guadagna il 27% dopo l'avvio degli scambi.

In Asia, il Nikkei ha chiuso mercoledì in calo dello 0,9% a 38.490,17, lo Shanghai Composite ha ceduto lo 0,8% a 3.065,40 e l'Hang Seng cala dello 0,1% a 18.430,52.

A New York, alla chiusura di martedì, il Dow ha guadagnato lo 0,4% a 38.711,29, il Nasdaq è salito dello 0,2% a 16.857,05 e l'S&P 500 ha registrato un rialzo dello 0,2% a 5.291,34.

Tra le valute, l'euro passa di mano a USD1,0875 da USD1,0879 di martedì in chiusura azionaria europea mentre la sterlina vale USD1,2773 da USD1,2782 di ieri sera.

Tra le commodity, il Brent si quota a USD77,48 al barile da USD77,10 al barile di martedì in chiusura. L'oro scambia invece a USD2.333,66 USD2.325,84 l'oncia da USD2.341,10 l'oncia di lunedì sera.

Il calendario macroeconomico di mercoledì, è in arrivo alle 0945 il PMI dei servizi dell'Italia, seguito da queli di Germania, Francia ed Eurozona. Alle 1100 CEST, sarà invece pubblicato l'indice dei prezzi alla produzione dell'Eurozona.

Alle 1300 CEST, è atteso il report sul mercato dei mutui USA mentre alle 1415 CEST arriverà il report sull'occupazione non agricola, seguito alle 1545 CEST dal PMI dei servizi USA.

Alle 1630 CEST, verranno pubblicati il report sulle scorte di petrolio, l'inventario di Cushing e il report dell'EIA.

Nel calendario societario, sono in arrivo i risultati di Giglio Group.

Di Giuseppe Fabio Ciccomascolo, Alliance News senior reporter

Commenti e domande a redazione@alliancenews.com

Copyright 2024 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.