BERLINO (dpa-AFX) - L'industria energetica mette in guardia dalle conseguenze di un ritardo nella costruzione di centrali elettriche a gas con capacità di idrogeno. Il capo della terza società energetica tedesca EnBW, Andreas Schell, ha dichiarato a "Der Spiegel": "Se la strategia delle centrali elettriche non si concretizzerà presto, la Germania non sarà in grado di eliminare gradualmente il carbone entro il 2030". L'associazione delle aziende municipalizzate VKU ha avvertito che deve essere evitato qualsiasi ulteriore rinvio della strategia per le centrali elettriche già annunciata per quest'estate.

Una portavoce del Ministro dell'Economia Robert Habeck ha dichiarato venerdì che la strategia per le centrali elettriche continuerà ad essere sviluppata. Dovrebbe essere presentata il prima possibile. Per quanto riguarda la sentenza sul bilancio di Karlsruhe, ha detto che tutto è collegato a tutto il resto. È stata una sentenza di ampia portata. Il Ministero rimane impegnato nell'obiettivo di costruire centrali elettriche a gas con capacità di idrogeno.

A seguito della sentenza della Corte Costituzionale Federale, c'è un grande vuoto nelle finanze del governo federale. La Corte aveva annullato la riassegnazione di prestiti coronavirus per un totale di 60 miliardi di euro dal bilancio 2021 al Fondo per il clima e la trasformazione. Questo viene utilizzato per finanziare progetti di protezione del clima.

Centrali elettriche per il "buio pesto"

Il governo tedesco si sta concentrando sulle energie rinnovabili, dall'eolico al solare, per ristrutturare il sistema elettrico - ma le centrali a gas con capacità di idrogeno devono essere costruite per i "tempi bui". Habeck ha annunciato sussidi statali che probabilmente saranno dell'ordine di miliardi.

EnBW vuole eliminare gradualmente la produzione di energia elettrica a carbone nel 2028 e sta costruendo tre nuove centrali a gas che in futuro produrranno anche idrogeno. "Senza la certezza della pianificazione, non saremo in grado di prendere ulteriori decisioni di investimento", ha dichiarato Schell a Der Spiegel.

Ingbert Liebing, direttore generale dell'Associazione delle imprese municipali tedesche (VKU), ha affermato che la strategia delle centrali elettriche è l'elemento centrale per una transizione energetica efficiente e di successo, garantendo il futuro approvvigionamento di energia con centrali elettriche utilizzabili in modo flessibile. "Altrimenti, ci troveremo di fronte a una carenza di approvvigionamento o l'abbandono del carbone non potrà avvenire come previsto". Senza una strategia per le centrali elettriche, il rischio per gli investitori sarebbe troppo alto e gli investimenti inizialmente non si concretizzerebbero. Nel peggiore dei casi, nessuna delle centrali elettriche necessarie per il 2030 verrebbe collegata alla rete.

I politici avevano concordato con l'azienda energetica RWE di eliminare gradualmente il carbone otto anni prima del previsto per il bacino carbonifero della Renania nel 2030. Non è stato raggiunto un accordo simile per le regioni carbonifere di Brandeburgo, Sassonia e Sassonia-Anhalt./hoe/DP/jha